ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 6 12345 ... UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 53

Patrocinio per CasaPound? Ci Pensa Gianni!

  1. #1
    Tyler Durden
    Uomo 33 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito Patrocinio per CasaPound? Ci Pensa Gianni!

    Casapound, giovani fascisti crescono Con il patrocinio del comune di Roma

    di Mariagrazia Gerina Evochi Casapound e pensi ai fasci littori, ai saluti romani, al piccolo pantheon riflesso sulle pareti del loro spazio dibattiti, che va da Julius Evola a Concutelli, passando per i cuori neri. Ma gli occhi di un giovane militante di An appena confluito nel Pdl - eppure ugualmente di casa in quel di via Napoleone III - vedono anche altro. E forse è anche peggio. «Casapound? È l’ambasciata dell’Italia nella Chinatown di Esquilino».

    Parola di Luca Gramazio, classe 1980, un figlio di Fiuggi e ancora di più di Domenico, Mimmo, detto «il pinguino», leader storico della destra romana, quella che negli ‘90 organizzava le prime fiaccolate contro gli immigrati e i campi rom. «Denunciare la malagestione dell’immigrazione fu uno dei grandi meriti di An, allora dovevi fare la fiaccolata per accendere il problema, oggi non ne hai più la necessità», rivendica Luca, che, consigliere del Pdl, dai banchi della maggioranza ha appena ottenuto il patrocinio del Comune per la prossima iniziativa di Casapound: una serata sul piano regolatore con Gramazio tra gli ospiti. E in nome di Casapound si prepara a dare battaglia con una delibera sulla casa che «garantisca l’italianità».

    Che ne dice Alemanno?
    «Del patrocinio? Il patrocinio da me caldeggiato, e accordato dalla presidenza del Consiglio comunale, non comporta l’interessamento del sindaco. Con lui non ne ho parlato, ma il suo staff si è voluto accertare della correttezza della procedura».

    E basta?
    «Sì».
    Lei ha detto anche che sarebbe felice se Casapound fosse regolarizzata. Di questo ne ha parlato con Alemanno?
    «No».

    E di Casapound in generale?
    «No, ma lui è ben informato delle dinamiche, conosce Casapound, anche se da quando è sindaco non li ha mai incontrati, e sa che io con loro ho un rapporto».

    Ecco, appunto: che rapporto c’è tra un esponente del Pdl e Casapound che è un sorta di pantheon del fascismo?
    «Ma i simboli che ci sono a Caspound sono una loro scelta e io non la giudico. Ho fatto una scelta diversa, e nel Pdl sto benissimo, ma porto del mio e nel mio c’è anche questo: ho un ottimo rapporto con chi frequenta Casapound e ho un linguaggio politico che mi permette di parlare anche con loro».

    Ma quando entra a Casapound, dove ormai è di casa, cosa pensa? Che bel posto, che posto assurdo...
    «Vorrei dire piuttosto quello che penso quando faccio in motorino tutto quel quartiere Esquilino che è diventato una Chinatown romana e poi arrivo a Casapound e mi sembra, come dicono loro, l’ambasciata dell’Italia nella Cina dell’Esquilino».

    Le dà fastidio la multietnicità?
    «No, non amo la perdita di italianità che si è consumata in quel quartiere».

    Di questo parla con Casapound?

    «Mah, parliamo di mutuo sociale, per esempio. Una idea di Casapound, che ho fatto mia attravrso una proposta di delibera di iniziativa consigliare. Si tratta di permettere a chi non ha una casa di diventare nel tempo proprietario della casa che gli viene assegnata».

    Casapound però pensa che agli stranieri non debba essere riconosciuto lo stesso diritto alla casa degli italiani.
    «Quella è un’idea presente nella iniziativa sul mutuo sociale: non è che lo straniero non può accedere alla graduatoria, sarebbe anacronistico, ma c’è una difesa della cittadinanza e della nazionalità che va garantita. In che modo lo stiamo ancora studiando. Ma un padre di 55 anni, che ha cresciuto con sforzo una famiglia e ha versato i contributi per trent’anni se perde la casa deve avere più diritto del cittadino straniero. Penso a una sorta di quoziente».

    Una quoziente di italianità? O di paternità? Anche gli stranieri sono padri di famiglia...
    «Ma no. Stiamo lavorando per vedere come non violare nessuna norma».

    Neanche la Costituzione?
    «Ci mancherebbe altro. Io sono legittimato dal voto popolare e sono stato eletto come candidato del Popolo della Libertà».

    Casapound dice che la Costituzione va cambiata perché l’hanno scritta «uomini nella scia dei carri-armati stranieri». Condivide?

    «Con Casapound parlo di quello che succede da oggi in avanti nella mia città».



    Ecco il 25 aprile, tra pochi giorni, è la festa della Liberazione: Casapound non festeggia e lei?
    «Io il 25 aprile sarò in vacanza».

    16 aprile 2009

  2. # ADS
     

  3. #2
    Can che dorme Wolverine
    Uomo 35 anni
    Iscrizione: 2/4/2006
    Messaggi: 43,736
    Piaciuto: 2786 volte

    Predefinito

    Non vedo quale sia il problema finchè non vanno a sprangare o devastare possono fare quello che vogliono, per quanto mi riguarda. E non mi pare che quel centro sociale sia stato mai coinvolto in episodi di violenza.....se in realtà ce ne sono e non li conosco io chiedo venia

  4. #3
    Dovahkiin
    Utente cancellato

    Predefinito

    In realtà il problema sarebbe che in Italia l'apologia al fascismo è reato, ma vabbè...

  5. #4
    Tyler Durden
    Uomo 33 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito

    LOL.. tu hai idea di cosa sia CasaPound? un locale occupato, al pari di qualsiasi altro centro sociale di sinistra, adibito a covo di estrema destra, tutti i mussoliniani si radunano bel belli e decidono che tonalità di pelle pestare oggi..
    ah celebri le loro comparse ad ogni manifestazione alla sapienza al grido di cinghiamattanza e nel dubbio mena..

    ora.. io conosco centri sociali di sinistra in cui probabilmente si fanno le stesse cose rigirate..
    tu lo daresti il patrocinio a quei centri sociali?

  6. #5
    obo
    .
    32 anni
    Iscrizione: 23/9/2005
    Messaggi: 35,506
    Piaciuto: 122 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da drkheart Visualizza il messaggio
    In realtà il problema sarebbe che in Italia l'apologia al fascismo è reato, ma vabbè...
    ormai quando sento questa frase non posso far altro che ridere

  7. #6
    Tyler Durden
    Uomo 33 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito






    Patrocinio del COMUNE DELLA CAPITALE

  8. #7
    Can che dorme Wolverine
    Uomo 35 anni
    Iscrizione: 2/4/2006
    Messaggi: 43,736
    Piaciuto: 2786 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da drkheart Visualizza il messaggio
    In realtà il problema sarebbe che in Italia l'apologia al fascismo è reato, ma vabbè...
    Drk, obo, la nostra marina ha un sommergibile di nome "Scirè", una nave di nome "Durand De la Penne" ed il comando guastatori "Teseo Tesei".

    Andatevi a cercare chi erano i primi "proprietari" di questi nomi e poi tornate qua a dire che l'apologia di Fascismo è reato, se ne avete il coraggio

    EDIT: Dimenticavo....a Milano c'è "Via Giovanni Gentile"


    Technics, non sei tu a batterti per la libertà d'espressione? Dunque, se autorizzi le manifestazioni e le riunioni no-global, non vedo perchè dovresti scandalizzarti per questa riunione. Finchè non finisce in violenza ingiustificata lasciali parlare, sara l'"uditorio" a decidere cosa fare delle loro idee, com'è giusto che sia.

  9. #8
    Tyler Durden
    Uomo 33 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito

    e dov'è il patrocinio per il 32?

  10. #9
    Nuvolablu
    Donna 40 anni
    Iscrizione: 14/7/2007
    Messaggi: 27,505
    Piaciuto: 2274 volte

    Predefinito

    Non riesco a scorgere l'utilità di queste manifestazioni
    Non credo possano giovare a nessuno, eccetto agli esaltati.

  11. #10
    Dovahkiin
    Utente cancellato

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Wolverine Visualizza il messaggio
    Drk, obo, la nostra marina ha un sommergibile di nome "Scirè", una nave di nome "Durand De la Penne" ed il comando guastatori "Teseo Tesei".

    Andatevi a cercare chi erano i primi "proprietari" di questi nomi e poi tornate qua a dire che l'apologia di Fascismo è reato, se ne avete il coraggio
    E a me quanto me ne può sbatter di meno?
    Anzi, a maggior ragione lo trovo vergognoso.
    Ma mentre posso comprenderne l'esistenza dato che furon probabilmente varati in tempi in cui questi nomi eran considerati bene assoluto, mi fa ribrezzo il fatto che oggi, nel 2009, ci sia gente che si definisca in maniera impunita "Fascisti del terzo millennio" inneggiando al "Boia chi molla" e al "Dux mea lux".
    In pratica criminali secondo la Costituzione, che se ne vanno tranquillamente in tv a dire che sono criminali.

Pagina 1 di 6 12345 ... UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Pensa che lo prendo in giro?
    Da bimba_stilosa94 nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 34
    Ultimo messaggio: 14/11/2008, 17:15
  2. Pensa
    Da MetalDuck nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 13/8/2008, 18:08
  3. E agli anziani chi ci pensa?
    Da obo nel forum Off Topic
    Risposte: 57
    Ultimo messaggio: 25/1/2008, 20:54
  4. chi ci pensa al tuo futuro se non chaoz?
    Da chaoz nel forum Off Topic
    Risposte: 34
    Ultimo messaggio: 6/11/2007, 18:31
  5. Fabrizio Moro - Pensa
    Da Alessia_Star nel forum Testi musicali
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 23/5/2007, 11:58