ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 40

Scuole cattoliche contro il governo

  1. #1
    twix ™
    Ospite

    Predefinito Scuole cattoliche contro il governo

    «Non è solo per il taglio da 130 milioni, sono 10 anni che il finanziamento si è inceppato»

    La Cei contro il governo: pronti a mobilitarci contro i tagli a scuole cattoliche



    Il direttore dell'ufficio per l'educazione: «Le federazioni delle scuole cattoliche si mobiliteranno in tutto il Paese»

    Il presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco (Ansa) ROMA - La Chiesa cattolica si schiera contro il governo a causa della riduzione delle risorse per le scuole cattoliche.
    I nuovi tagli agli istituti scolastici paritari, previsti dalla finanziaria del governo Berlusconi, aprono una «crisi» e presto «le federazioni delle scuole cattoliche si mobiliteranno in tutto il Paese» ha affermato monsignor Bruno Stenco, direttore dell'Ufficio nazionale della Cei (la Conferenza episcopale italiana) per l'educazione.
    SCUOLE A RISCHIO DEFAULT - In questa situazione di tagli alla scuola paritaria - ha spiegato monsignor Stenco - «non si tratta di restituzione: a questo punto si è aperta una crisi molto più profonda e le federazioni delle scuole cattoliche presto si mobiliteranno in tutto il Paese». Secondo monsignor Stenco «qui si vuole la scuola statale e la scuola commerciale, lo stato e il mercato ma non il privato sociale che rappresentiamo noi e che fa la scuola non per interesse privato, ma per interessi pubblici». «Tra stato e mercato - si è chiesto l'alto prelato - perchè colpire proprio il privato sociale?». «Non è il taglio da 130 milioni di euro di adesso che fa scoppiare la scuola cattolica - ha aggiunto monsignor Stenco -. Il punto è che sono dieci anni che il finanziamento si è inceppato. Può una scuola parrocchiale, ad esempio, permettersi ogni anno una passività di 20,25 mila euro? Dopo 10 anni che cosa è divenuta? 250 mila euro. E il contributo dello Stato - ha concluso il direttore dell'ufficio Cei per l'educazione - serve a malapena a pagare gli stipendi».
    TREMONTI - La Conferenza episcopale italiana rimprovera in particolare al ministro dell'Economia Giulio Tremonti di colpire di nuovo la scuola cattolica. «Guarda caso nel 2008 ripete la stessa manovra del 2004: taglia per tre anni consecutivi 130 milioni di euro alla scuola cattolica. È un film già visto: si continua a colpire il sistema paritario», ha affermato ancora monsignor Stenco. «Nel 2000 - ha spiegato monsignor Stenco - la legge sulla parità scolastica ha previsto un contributo di 530 milioni di euro per tutto il sistema delle scuole paritarie, mentre la spesa per la scuola statale è di 50 miliardi. Il contributo, dello 0,1%, è quindi già irrisorio». «Nel 2004, - ha proseguito il vescovo - per tre anni consecutivi Tremonti ha tagliato 154 milioni sui 530 di contributo totale, cioè il 33%. La scuola cattolica ha taciuto - ha aggiunto monsignor Stenco - e li abbiamo recuperati anno per anno con emendamenti, con fatica e con ritardi. Ora, però, il ministro ripete la stessa manovra». «La Chiesa adesso - ha concluso monsignor Stenco - deve tirare le sue conseguenze perchè senza contributi le scuole dell'infanzia non vanno avanti e di certo rischiano di chiudere».


    ma cosa vogliono?
    solo le scuole pubbliche devono essere finanziate -.-'
    non siamo più nel 1600 grazie al cielo..

  2. # ADS
     

  3. #2
    Se muoio rinasco P S Y C H O
    da Estero
    Iscrizione: 6/12/2005
    Messaggi: 17,138
    Piaciuto: 1392 volte

    Predefinito

    Monsignor Sterco afferma che il contributo di 530 milioni per le scuole cattoliche è un'inezia, tenuto conto che è solo l1% dell'intera spesa della scuola pubblica (50 miliardi) !!
    Non si capisce se scherza o se dice sul serio... cioé vorrebbe che il finanziamento alle scuole cattoliche fosse pari a quello della scuola pubblica?

    Va be', d'altra parte fa i suoi interessi come tutti...

  4. #3
    FdT svezzato
    Uomo 43 anni da Pavia
    Iscrizione: 21/10/2008
    Messaggi: 179
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Qui non si tratta di essere cattolici ma di usare bene la ragione.
    La scuola privata (di qualunque tipo) svolge un servizio pubblico. Perchè dunque le famiglie non dovrebbero usufruire di un rimborso dallo Stato?
    Qui c'è in gioco la libertà di scelta dei genitori che devono essere in grado di scegliere liberamente (senza costrizioni economiche) dove far istruire i propri figli.

  5. #4
    0 1 1 2 3 5 8 13 21 34 55 Killuminato
    Uomo 39 anni da Modena
    Iscrizione: 30/9/2004
    Messaggi: 12,665
    Piaciuto: 186 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ProdigalSon Visualizza il messaggio
    Qui non si tratta di essere cattolici ma di usare bene la ragione.
    La scuola privata (di qualunque tipo) svolge un servizio pubblico. Perchè dunque le famiglie non dovrebbero usufruire di un rimborso dallo Stato?
    Qui c'è in gioco la libertà di scelta dei genitori che devono essere in grado di scegliere liberamente (senza costrizioni economiche) dove far istruire i propri figli.
    un servizio è pubblico se tutti vi possono accedere. c'è gente che non ne ha la possibilità economica.

  6. #5
    obo
    .
    32 anni
    Iscrizione: 23/9/2005
    Messaggi: 35,506
    Piaciuto: 122 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ProdigalSon Visualizza il messaggio
    Qui non si tratta di essere cattolici ma di usare bene la ragione.
    La scuola privata (di qualunque tipo) svolge un servizio pubblico. Perchè dunque le famiglie non dovrebbero usufruire di un rimborso dallo Stato?
    Qui c'è in gioco la libertà di scelta dei genitori che devono essere in grado di scegliere liberamente (senza costrizioni economiche) dove far istruire i propri figli.
    ma smettila, la scuola privata, a parte per dei corsi "strani" per cui non esiste la pubblica, non dovrebbe esistere, e se esiste campa con i suoi di soldi, mica con quelli nostri dello stato. peggio ancora per le scuole cattoliche, quelle devono campare solo con i soldi del vaticano.

    la scuola pubblica c'è, bisogna investire su quella e allora si che avremo una buona libertà di scelta.

  7. #6
    Bushi yasha
    Uomo 39 anni da L'Aquila
    Iscrizione: 7/9/2006
    Messaggi: 7,068
    Piaciuto: 165 volte

    Predefinito

    ma infatti è logica come cosa...nessuno vieta di mandare i figli alle scuole private/cattoliche o entrambe che siano,ma è logico che lo Stato dovrebbe in primis tutelare le scuole pubbliche...

  8. #7
    Can che dorme Wolverine
    Uomo 35 anni
    Iscrizione: 2/4/2006
    Messaggi: 43,736
    Piaciuto: 2785 volte

    Predefinito

    Se le scuole private funzionassero DAVVERO, allora potrei anche provare ad iniziare una discussione su eventuali rimborsi, anche se sono tendenzialmente contrario.

    Ma considerando che oggi sono semplicemente istituti in cui vengono promossi cani e porci, allora scusate ma per me possono pure chiudere tutte istantaneamente....

  9. #8
    Overdose da FdT
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 5/2/2006
    Messaggi: 5,052
    Piaciuto: 2 volte

    Predefinito

    Niente paura, hanno già risolto.

    Non sono servite manifestazioni, sit-in, o lezioni all'aperto. E' bastata la minaccia della mobilitazione delle scuole cattoliche per far cambiare idea al governo nel giro di qualche ora. I fondi per le scuole paritarie "vengono ripristinati", ha assicurato il sottosegretario all'Economia Giuseppe Vegas a margine dei lavori della commissione Bilancio del Senato sulla finanziaria. "C'è un emendamento del relatore che ripristina - dice Vegas - il livello originario, vale a dire 120 milioni di euro. Possono stare tranquilli, dormire su quattro cuscini".

    fonte: repubblica

    Fatto presto, eh? Basta la parola di un prete e questi scattano come serpenti

  10. #9
    Sempre più FdT
    Uomo 29 anni da Vercelli
    Iscrizione: 5/10/2007
    Messaggi: 3,255
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito

    hanno tagliato i fondi alla pubblica, ma hanno ripristinato i 120 milioni alla privata, ora la chiesa chiede di farsi mantenere non solo in vaticano ma anche nelle loro scuole.......ovviamente questo è una bella opportunità per quel pirla che ci governa........

  11. #10
    Overdose da FdT Yoda
    Uomo 27 anni da Trento
    Iscrizione: 13/9/2007
    Messaggi: 5,654
    Piaciuto: 3 volte

    Occhiolino

    Quote Originariamente inviata da ProdigalSon Visualizza il messaggio
    Qui non si tratta di essere cattolici ma di usare bene la ragione.
    La scuola privata (di qualunque tipo) svolge un servizio pubblico. Perchè dunque le famiglie non dovrebbero usufruire di un rimborso dallo Stato?
    Qui c'è in gioco la libertà di scelta dei genitori che devono essere in grado di scegliere liberamente (senza costrizioni economiche) dove far istruire i propri figli.
    ma non mi sembra proprio cazzuola... è pubblica qnd ci possono andare tutti, non qlli con i soldi che escono dalle mutande... e la cosa che più mi sta sul pene è che pure si prendono i soldi statali per un servizio di pochi...

Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Greenpeace protesta contro il carbone a Genova; i lavoratori contro gli ambientalisti
    Da Sedobren Gocce nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 28/10/2008, 10:12
  2. Mamme cattoliche..
    Da SkySamu nel forum File e video umoristici
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 10/12/2007, 15:27
  3. In piazza contro il governo
    Da lower nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 49
    Ultimo messaggio: 19/11/2007, 13:24
  4. Il governo italiano intervenga contro l'arresto
    Da twix ™ nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 28/10/2007, 18:21
  5. Petizione contro le dure leggi contro il p2p
    Da salander nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 28/1/2007, 16:51