ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 6 su 6

E se le cose cominciassero a precipitare...?

  1. #1
    ineffabile Quelo
    Uomo 98 anni
    Iscrizione: 28/4/2011
    Messaggi: 1,035
    Piaciuto: 135 volte

    Predefinito E se le cose cominciassero a precipitare...?

    Sono una persona che ha vissuto una Near-death experience, terminata la quale non sono stato più lo stesso. Di lì in poi ho cercato sempre di ammonire, convertire quante più persone possibili. Sono circa 10 anni che, con scarsi risultati, cerco di rinsavire una comunità di atei. Questa:

    E se le cose cominciassero a precipitare...? (I° Parte)


    cavall10.jpg

    ... vista la mia insistenza, mi hanno buttato fuori.

    E se le cose cominciassero a precipitare...? (Dove mi hanno cacciato)



    Posso trovare ascolto presso di voi? Sono giorni, questi, terribili. Ma che possono condurci a qualcosa di meraviglioso. Come un parto doloroso, dischiude sempre la gioia più immensa.
    Il saggio coltiva Linux... tanto Windows si pianta da solo.

  2. # ADS
     

  3. #2
    Overdose da FdT Fiona
    Donna 31 anni
    Iscrizione: 12/1/2011
    Messaggi: 8,597
    Piaciuto: 2964 volte

    Predefinito

    Ciao!
    Onestamente non capisco perché cacciarti: se ti limiti a raccontare un'esperienza personale, dettagliata, ma senza offese o senza incitamenti a cose/persone/dèi, che male c'è? Raccontaci! :-)

  4. #3
    ineffabile Quelo
    Uomo 98 anni
    Iscrizione: 28/4/2011
    Messaggi: 1,035
    Piaciuto: 135 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Fiona Visualizza il messaggio
    Ciao!
    Onestamente non capisco perché cacciarti: se ti limiti a raccontare un'esperienza personale, dettagliata, ma senza offese o senza incitamenti a cose/persone/dèi, (1)che male c'è? Raccontaci! :-)
    Devi sapere che a capo di tutto c'è un Balordo, al contempo Anarchico e Nazista, che gestisce un sito di Miscredenti(*). Spende tutto il tempo ad innaffiare il suo giardino virtuale che ora, complice la migrazione biblica sulle piattaforme Facebook, Twitter, Instagram, vuoi le sue continue intemerate che bloccano la libera discussione, non ha praticamente più nessun utente a cui scodellare/sbandierare le sue imprese di campione sportivo della terza età. Vive anche di lavoretti saltuari ma, nonostante questo, non vive poi così male. Questo, unito al fatto che ha una paura immane delle carte di credito, che fa misteriosi viaggi su e giù per la sua Nazione, che detiene una pistola (e penso numerosi contanti) in una cassaforte a muro, beh, tutto questo mi fa dubitare pure sulla sua integrità penale (oltre che morale).

    Insomma, tutto questo pistolotto per capire perché son qui. Se ho postato dei link a quel forum esterno, è perché non ho tempo e modo di riscrivere tutte le cose che, con pazienza, e abnegazione, ho già descitto a loro. Non certo per far migrare utenti di là.


    1)
    In verità, gli incitamenti ci sono. Se una persona si dichiara cristiano, e non incita chi gli sta intorno alla conversione, allora ha sbagliato mestiere/religione.






    *) Questa definizione gliela aveva data uno di voi quanto, anni fa, lo aveva riconosciuto, poco prima che venisse bannato. Ha imperversato un po' anche qui dentro, con la utenza Xerox (mi pare). Si lamenta sempre dei suoi utenti indisciplinati, mentre diviene un hooligans non appena varca la soglia di casa sua. In una parola: un sempliciotto.


    - - - Aggiornamento - - -

    Qui sotto ti ho fatto il copia/incolla di uno dei miei interventi. Sono un po' tutti così. Ma siccome sono distanti dalla loro linea editoriale, queste idee provocano dei gran florilegi. Anche se, a ben vedere, sono scritti in maniera pacata, e in un buon italiano.
    Della serie: siamo tutti uguali, ma qualcuno è più uguale degli altri. Oppure: qui siete liberi di fare tutto quello che vi diciamo di fare noi

    2.gif

    -------------------------------------------------

    @Rusp
    @Minsky
    Non vi azzardate più a mettermi dietro alla lavagna. Io non ho detto neanche una virgola che non fosse vera, e non ho infranto nessuna legge o regola. "SPAZIO alla LIBERA DISCUSSIONE (FINO ALLE 8.00 e tre quarti") scriveteci questo, sull'abstract del forum"
    Coronavirus, il vertice Ue dei litigi. Conte a Merkel: «Guardi il mondo con gli occhiali di ieri»



    "Solo un attimo, dopo sei ore davanti in teleconferenza con gli altri 26 leader europei, Angela Merkel ha mostrato gli spigoli. È successo quando Giuseppe Conte ha reso chiaro che non avrebbe firmato le conclusioni del vertice, se avessero citato il fondo salvataggi (Mes) quale risposta alla recessione prodotta da Covid-19. Neanche se l’aiuto fosse vincolato a condizioni «leggere» legate alla pandemia, destinate diventare stringenti in seguito. Lì la cancelliera è scattata: «Questo è lo strumento che abbiamo – ha risposto al premier italiano, nel suo inglese dallo spiccato accento tedesco -. Non capisco perché tu voglia minarlo»." (CONTINUA NEL LINK)

    Conte dice che la Merkel guarda il mondo con gli occhiali di ieri? Forse che oggi ha una montatura d'orata, invece ieri in coccodrillo? Io voglio bene a Giuseppi, ma anche lui, se non bene guidato, può allontanarsi dalla Verità. C'è Verità solo quanto si dice la verità, tutta la verità, nient'altro che la verità.

    Stando a quanto dice un fondo pensione Svizzero internazionale (e neutrale), mi pare Zurich, fondo che doveva studiare su che mercati piazzare le sue polizze, si nota che:

    1. Una famiglia Francese ha (in media circa) una patrimonio di 110.000 euro
    2. Una famiglia Tedesca ha (in media circa) una patrimonio di 135.000 euro
    3. Una famiglia Italiana ha (in media circa) un patrimonio di 163.000 euro


    Se guardiamo Oltreoceano, notiamo che gli USA hanno un enorme Debito Pubblico di (mi pare) 20.000 miliardi di dollari. Ma se prendiamo l'ammontare della ricchezza privata dei suoi contribuenti, questi posseggono 4 volte il valore del loro debito pubblico.

    Se guardiamo alla Penisola su cui siamo accampati, notiamo che abbiamo un Debito Pubblico di 2.443 miliardi di euro. Ma se prendiamo l'ammontare della ricchezza privata dei nostri (simpatici) contribuenti, notiamo che posseggono 8,5 volte il valore del lorro debito pubblico.

    Il buon Andreotti, che ci conosceva bene, era solito dire che in giro vi sono "conventi ricchi, con dentro frati poveri" e "conventi poveri, con dento frati ricchi". Oppure, diceva che gli Italiani esercitano la virtù teologale della modestia solo una volta l'anno, ad Aprile, in sede di compilazione del modello 730.

    In una città qui vicino, quando ero bambino, il sindaco pubblicò un libricino piccolino, scritto fitto, fitto, su cui vi erano stampati, dal primo all'ultimo, l'importo di tutte le dichiarazioni dei redditi denunciate dai suoi amministrati l'anno prima. Venne fuori un pandemonio: avvocati che sostenevano di guadagnare meno delle loro segretarie, gioiellieri che incassavano meno di un maestro elementare... Un mondo rovesciato. Soprattutto rispetto alla propensione ai consumi di questi (quasi) poveri indigenti.

    Più in grande, lo stesso furor di Popolo (Cialtrone) accadde quando il buon Visco decise di pubblicare su un link del Ministero della Economia (Sommersa) la lista di tutte le dichiarazioni dei redditi dei cittadini italiani. Tutti, dal primo all'ultimo. Risultato?

    Il giorno in cui in Italia furono consultabili le dichiarazioni dei redditi di tutti



    "... l 30 aprile del 2008, durante il governo di Romano Prodi, l’Agenzie delle Entrate infatti mise online, cosa mai accaduta prima, le dichiarazioni dei redditi di tutti i cittadini italiani relative al 2005, consultabili e divise per regione (fino ad allora le dichiarazioni potevano essere consultate soltanto presso i comuni). Il traffico fu così intenso che il sito divenne irraggiungibile, e le polemiche così diffuse che fu chiesto l’intervento del Garante della Privacy che decise di togliere le liste dal sito e di renderle non più consultabili. Comunque, per una decina di ore cliccando sugli appositi link e inserendo il nome e cognome di un contribuente era possibile ottenere in pochi secondi una serie di dati..."

    Adesso il buon Giuseppi pretenderebbe di ottenere dai Paesi del Nord Europa centinaia di miliardi di euro per affrontare il corona virus, in un momento in cui, anche questi ultimi, potrebbero aver bisogno di quello stesso denaro. E lo vorrebbe non attraverso il Fondo Salva Stati, bensì a fondo perduto, senza nessun vincolo. Perché l'Europa è matrigna... Sentite, concittadini cialtronici, ma non sarebbe il caso, ancora prima del corona virus, di sconfiggere il fisco virus? Con la ricetta della nonna:

    1. Si ripubblicano online (e si lasciano lì) le dichiarazioni dei redditi di tutti i contribuenti italiani degli ultimi 30 anni.
    2. Si pubblicano online i saldi iniziali dei conti correnti bancari e postali di tutti i contribuenti italiani
    3. Si pubblicano online, aggregandoli per codici fiscali, tutti i rogiti di immobili fatti da tutti i contribuenti italiani negli ultimi 30 anni
    4. Si pubblicano online le iscrizioni al PRA per l'acquisto di auto nuove fatte negli ultimi 30 anni, aggregate per contribuente
    5. Si pubblicano online i passaggi di proprietà di tutte le auto usate fatte negli ultimi 30 anni, aggregate per contribuente
    6. Si pubblicano online le iscrizioni al registro nautico di tutti i natanti fatti negli ultimi 30 anni, aggregate per contribuente


    Se la richiesta vi sempre peregrina sappiate che, per esempio, in Svezia da 200 anni è possibile chiamare/visitare l'Agenzia delle Entrate Svedese e ottenere la dichiarazione dei redditi di chiunque. In Finlandia, mandando un semplice sms + Cognome Nome del contibuente, si ottiene immediatamente la dichiarazione dei redditi di chiunque. Per non parlare della Norvegia, dove uno dei maggiori quotidiani online, accanto al box con le informazioni Meteo di, poniamo, Bergen, ha un altro bottone in cui puoi vedere la dichiarazione dei redditi di Tanya Handersen, o Pinken Pallinensen.

    Morale: la povera kulona in€hiavabi/e, e tutti i suoi compagni, hanno ragione da vendere: non solo i soldi non li meriteremmo proprio, se non dopo aver sgrullato sotto sopra tutti i cialtroni che hanno inqquattato il fiscalmente dovuto dai tempi del Re, ma la concessione di aiuti via Fondo Salva Stati dovrebbe essere subordinato al passaggio della gestione della Agenzia delle Entrate ad un team dei nostri prestatori del Nord, idem le controversie tributari, gestite sempre da chi, altrimenti, nei nostri porti delle nebbie, non rivedrebbe più nulla.

    Più che le leggi (evanescenti) dell'economia e della politica, dovremmo una volta tanto rispettare quelle della fisica, e dei ...



    ... vasi comunicanti. Fin qui si è usata la tenuta stagna. E dove l'acqua ristagna, si sa, si creano subito gli acquitrini, con i €iambotti che ci saltano allegri...


    (un immagine di un contribuente italiano che ha appena ascoltato sbigottito la proposta di Holubice)


    :!:
    Il saggio coltiva Linux... tanto Windows si pianta da solo.

  5. #4
    Pesciolino nell'acquario. Half shadow
    Uomo 31 anni
    Iscrizione: 20/7/2008
    Messaggi: 11,196
    Piaciuto: 827 volte

    Predefinito

    Comunque su alcune cose ha ragione.
    Un forte desiderio può far vincere.

  6. #5
    ineffabile Quelo
    Uomo 98 anni
    Iscrizione: 28/4/2011
    Messaggi: 1,035
    Piaciuto: 135 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Per chi dice che...
    E questo non mi stupisce affatto. L'Europa per noi è stata una delle più mastodontiche inculate della storia.
    L'Europa è stata per me la scusa perfetta per addossare su qualche d'un altro responsabilità e colpe che sono al 99,5% tutte nostre.

    Senza Europa e senza Euro, saresti già fallito nel 1993.

    Quanti soldi ti ha sgraffignato nottetempo Amato per riuscire a non far deflagare la montagna di BOT e CCT (in lire) con un tasso di interesse annuo al 27%...?

    Minsky, tu sei un ingegnere... Tu dovresti essere bravo a far di conto. Non mi puoi dire le medesime |u//anate che dice Rusp

    Nella notte tra il 9 e il 10 luglio 1992, Giuliano Amato…



    "Molti ricorderanno quando finì sotto attacco speculativo la Lira. Era il 1992, si parlava allora di “consolidamento dei titoli di Stato”. Il governo Amato fece uscire la Lira dall’allora “serpente monetario”, nella notte tra il 9 ed il 10 luglio (strano come certe date ricorrano) 1992 operò un prelievo forzoso ed improvviso del 6 per mille su tutti depositi bancari. Un decreto legge di emergenza l’autorizzava a farlo: in quel provvedimento, varato mentre i mercati si accanivano sulla Lira, erano state inzeppate alla rinfusa misure le più svariate.

    Dall’aumento dell’età pensionabile alla patrimoniale sulle imprese, dalla minimum tax all’introduzione dei ticket sanitari, dalla tassa sul medico di famiglia all’imposta straordinaria sugli immobili pari al 3 per mille della rendita catastale rivalutata. Prelievo sui conti correnti e Isi fruttarono insieme 11.500 miliardi di lire. L’imposta straordinaria sugli immobili, nella migliore delle tradizioni italiane, perse subito il prefisso stra per diventare una gabella ordinaria: l’imposta comunale sugli immobili, ovverosia l’Ici.

    Le cose andarono diversamente da quanto Giuliano Amato aveva sperato: nonostante la cura da cavallo, la manovra di luglio più la finanziaria sfioravano insieme i centomila miliardi di lire, che portò l’economia italiana sull’orlo della recessione, la Lira, come dicevamo, dovette uscire dal “Sistema Monetario Europeo” neppure tre mesi dopo quella notte di luglio, e nella primavera successiva il dottor Sottile si dimise.

    Venne chiamato Carlo Azeglio Ciampi, allora governatore della Banca d’Italia, per formare un governo tecnico che traghettasse l’Italia fuori dalla crisi. Il resto ormai è storia, e noi siamo ancora qui …."




    Nel 1992 l'Euro non c'era. Eppure anche allora ci mancava sempre il soldo pe' fa' la Lira...


    Il saggio coltiva Linux... tanto Windows si pianta da solo.

  7. #6
    ineffabile Quelo
    Uomo 98 anni
    Iscrizione: 28/4/2011
    Messaggi: 1,035
    Piaciuto: 135 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Half shadow Visualizza il messaggio
    Comunque su alcune cose ha ragione.
    In quali, invece, ho torto e non sono nella verità...?

    - - - Aggiornamento - - -

    Eccone un altro, una altro di questi maledetti negri che ci piombano in casa nel sonno ...

    Milano, fuga dalla polizia: si getta nel Naviglio e si frattura la gamba



    "Pensava di potersela dare a gambe dopo il furto sfruttando il Naviglio, ma la secca lo ha ingannato e alla fine la fuga dalla polizia non ha avuto fortuna. É finita così, a Milano, la fuga di un uomo nordafricano che è stato costretto anche a ricorrere alle cure mediche per una frattura alla gamba.
    Secondo quanto riportato dalla pagina Facebook dei Vigili del Fuoco di Milano ieri sera era partita la caccia all’uomo dopo la segnalazione di un furto nella zona Navigli, direzione Corsico. Stando a quanto riferito il ricercato avrebbe puntato un coltello contro una donna per avere il cellulare e, una volta ottenuto, è scappato via.
    Ricevuta la segnalazione del furto le forze dell’ordine si sono messe all’opera per presidiare la zona e, all’altezza di via Lodovico il Moro, l’uomo è stato intercettato. Da lì è partita la fuga, conclusasi dopo pochi istanti. Per cercare di evitare di essere preso, l’uomo ha scavalcato la ringhiera per tentare la fuga nel Naviglio, ma la secca non lo ha aiutato: nell’impatto sul terreno ad avere la peggio è stato proprio il fuggitivo che ha subito una frattura alla gamba. È servito l’intervento dei Vigili del Fuoco con il nucleo sommozzatori Saf per recuperarlo e trasportarlo all'ospedale Niguarda di Milano.

    LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Italia diminuiti i reati: anche i criminali stanno a casa

    L’uomo, al momento del fermo, non aveva con sé il cellulare e il coltello col quale aveva messo a segno la rapina, ma 5mila euro in contanti."


    Il fatto è rincrescioso. E duole vedere che questo qui non se ne è stato tappato in casa come quasi tutti gli altri suoi colleghi. Si sa, i crumiri ci sono dappertutto... Ha ben fatto la Polizia. Che gliele diano, al negro...

    --------------------------------------

    Ma cambiamo ambiente ...

    Cirio, le tappe del crac

    https://ilgraffionews.wordpress.com/...i-e-le-banche/



    "Un crac da 1,125 miliardi di euro che spazzò via i risparmi di oltre 35mila investitori. Quello della Cirio fu, nei primi anni Duemila, uno dei più grandi casi italiani di risparmio tradito, l’anno dopo il default dell’Argentina e l’anno prima del crac Parmalat. Agli albori della vicenda Le indagini della Procura di Roma sul Gruppo Cirio partirono nell'estate del 2003 in seguito al mancato pagamento di un bond da 150 milioni di euro. Un pool di magistrati si mise al lavoro tentando di far luce sull'emissione di nove bond dal 30 maggio 2000 al 31 maggio 2002, individuando tra i responsabili del fallimento l'allora patron della Lazio, Sergio Cragnotti. Con lui, altri pezzi da novanta della finanza e del mondo del credito dell'epoca, a cominciare dall'ex presidente di Banca di Roma, Cesare Geronzi, dall'ex amministratore delegato di Bpl Gianpiero Fiorani fino agli ex vertici del San Paolo Imi, subito usciti di scena in sede di udienza preliminare. I reati Bancarotta distrattiva, bancarotta preferenziale e truffa i reati contestati dalla Procura, convinta che il crac della Cirio fosse la conseguenza di una serie di operazioni che finirono per prosciugare le casse e far contrarre debiti sempre maggiori con gli istituti di credito. Debiti che, in buona parte, pesarono sulle spalle dei risparmiatori con l'emissione dei bond, anche se le banche erano ben coscienti che Cirio navigava da tempo in pessime acque.
    ...
    Le tappe del processo, dal 2004... Nel febbraio del 2004 Cragnotti viene arrestato nella sua tenuta a Montepulciano. Dopo quattro mesi passati nel carcere romano di Regina Coeli, ottiene i domiciliari il 16 giugno successivo. Nel 2007 il gup di Roma Barbara Callari rinvia a giudizio Cragnotti, Geronzi e altre 33 persone e quattro anni dopo la prima sezione penale del Tribunale della Capitale infligge una condanna a 9 anni a Cragnotti. Cesare Geronzi viene condannato a 4 anni. ...a oggi Ad aprile 2015 si chiude il processo d'appello con una lieve riduzione di pena per Cragnotti (8 anni e 8 mesi) e la conferma della condanna di primo grado per Geronzi. Fino ad arrivare ad oggi, con la condanna definitiva della Corte di Cassazione a 4 anni di reclusione per Geronzi e con la disposizione di un nuovo processo per Cragnotti sulla vicenda Bombril, confermando, invece, la responsabilità per altri episodi di bancarotta."


    Ho riletto l'articolo, ma non si è capito se l'autore di un furto da 1.125 milioni di euro abbia mai fatto materialmente un giorno di galera/gabbio. Potremmo chiedere al buon Delfhi se l'ha incrociato per caso, all'ora d'aria... Ah, quanto fa...

    1.125 milioni di euro / (5.000 euro + cellulare) =

    ... perché questa, se tanto mi da tanto, dovrebbe essere la durata della reclusione di questi magnati.

    "La giustizia umana è come la tela di un ragno: ci resta immediatamente impigliato un moscerino, l'attraversa agevolmente un grosso calabrone"

    (Confucio)


    ... già, quella umana ...



    Il saggio coltiva Linux... tanto Windows si pianta da solo.

Discussioni simili

  1. Se lo voglio, vedo le cose che immagino... è normale?
    Da Pinguto nel forum Enigmi e paranormale
    Risposte: 30
    Ultimo messaggio: 20/6/2009, 13:39
  2. Come pensate cambierebbero le cose se...?
    Da qzmaster591 nel forum Off Topic
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 25/2/2008, 17:12
  3. Biagio Antonacci - Le cose ke hai amato di più
    Da Sally nel forum Testi musicali
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 8/7/2007, 16:01
  4. Vasco Rossi - Le cose che non dici
    Da Sally nel forum Testi musicali
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 21/6/2007, 17:23
  5. Laura Pausini - Le cose che vivi
    Da Sally nel forum Testi musicali
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 21/10/2005, 21:27