ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 4 di 6 PrimaPrima 123456 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 31 a 40 su 51
Like Tree59Mi piace

Ragazza suicida sotto il treno perché i genitori le impedivano di fumare

  1. #31
    Inguaribile realista Masquerade
    Donna
    Iscrizione: 15/10/2014
    Messaggi: 874
    Piaciuto: 610 volte

    Predefinito

    Una mia amica qualche anno fa si è suicidata.
    Non era poco intelligente, non era su una strada sbagliata.
    Non c'erano climi di educazioni eccessivamente rigidi.
    Ma era rigida la vita ai suoi occhi.
    Era fragile e continuamente "colpita" dalle avversità della vita. In ogni senso.
    Quando capii cosa aveva fatto, nella mia testa esplose un "perché" misto tra rabbia e dolore.
    La rabbia perché non avrebbe dovuto farlo. Il dolore perché non sarebbe stata più con noi.
    E' facile giudicare, soprattutto dall'esterno. Ma giudicare a che serve se non a metterci su un piedistallo?
    Proviamo invece a trasformare il giudizio in valutazione e poi la valutazione ci servirà per meglio comprendere. Di certo né giudicare né giustificare.
    Ciò che può essere utile è comprendere perché si arrivi a tanto. O almeno provarci.
    E comprendere anche che forse questa "sensibilità" avrebbe potuto aiutare chi era così fragile prima di un gesto estremo.

    A digitoergosum, Temperance, Jeggi e altri 1 piace questo intervento

  2. # ADS
     

  3. #32
    digitoergosum
    Utente cancellato

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Masquerade Visualizza il messaggio
    Una mia amica qualche anno fa si è suicidata.
    Non era poco intelligente, non era su una strada sbagliata.
    Non c'erano climi di educazioni eccessivamente rigidi.
    Ma era rigida la vita ai suoi occhi.
    Era fragile e continuamente "colpita" dalle avversità della vita. In ogni senso.
    Quando capii cosa aveva fatto, nella mia testa esplose un "perché" misto tra rabbia e dolore.
    La rabbia perché non avrebbe dovuto farlo. Il dolore perché non sarebbe stata più con noi.
    E' facile giudicare, soprattutto dall'esterno. Ma giudicare a che serve se non a metterci su un piedistallo?
    Proviamo invece a trasformare il giudizio in valutazione e poi la valutazione ci servirà per meglio comprendere. Di certo né giudicare né giustificare.
    Ciò che può essere utile è comprendere perché si arrivi a tanto. O almeno provarci.
    E comprendere anche che forse questa "sensibilità" avrebbe potuto aiutare chi era così fragile prima di un gesto estremo.
    Naturalmente mi spiace tantissimo per la tua amica.

    Riguardo al discorso del piedistallo, in un certo senso hai ragione. Di fondo l'uomo è cinico e quando succede qualcosa di negativo a qualcun altro giudichiamo (anche) per esorcizzare una sorta di mostro, per mostrarci diversi perché a noi non sarebbe capitato:

    - Chi si suicida è un debole;
    - Chi tradisce il partner è un poco di buono;
    - Chi viene arrestato, gli sta bene

    e via dicendo. Forse fa parte dell'istinto di conservazione.

  4. #33
    Inguaribile realista Masquerade
    Donna
    Iscrizione: 15/10/2014
    Messaggi: 874
    Piaciuto: 610 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da digitoergosum Visualizza il messaggio
    Naturalmente mi spiace tantissimo per la tua amica.

    Riguardo al discorso del piedistallo, in un certo senso hai ragione. Di fondo l'uomo è cinico e quando succede qualcosa di negativo a qualcun altro giudichiamo (anche) per esorcizzare una sorta di mostro, per mostrarci diversi perché a noi non sarebbe capitato:

    - Chi si suicida è un debole;
    - Chi tradisce il partner è un poco di buono;
    - Chi viene arrestato, gli sta bene

    e via dicendo. Forse fa parte dell'istinto di conservazione.

    E per non cadere nel giudizio basterebbe aggiungere un forse.

    - Chi si suicida forse è un debole;
    - Chi tradisce il partner forse è un poco di buono;
    - Chi viene arrestato, forse gli sta bene

    E quel forse apre la strada alla valutazione dove potrà risultare che:
    -chi si suicida forse è veramente debole o forse ha raggiunto il limite di sopportazione.
    -chi tradisce forse è veramente un poco di buono o forse ha problemi a relazionarsi, magari in primis con se stesso.
    -chi viene arrestato forse veramente gli sta bene o forse non meritava di essere arrestato affatto.
    La frase resta pressoché la stessa, ma cambia il tono, il modo di porsi verso gli altri.
    Non si giudica, ma si prende atto di qualcosa o di qualcuno.

    E il "a noi non sarebbe capitato" diventa un più realistico "impegniamoci affinché a noi non capiti mai"

    Del resto, uno dei miei motti è che MAI e SEMPRE sono parole improbabili.
    A digitoergosum e Kakihara piace questo intervento

  5. #34
    digitoergosum
    Utente cancellato

    Predefinito

    @Masquerade è proprio così. La nostra cultura ci ha insegnato a guardare con diffidenza al "forse", perché sembra che abbiamo l'obbligo sociale a mostrarci sempre sicuri e all'altezza. E il forse è dubitativo. Invece guarda un po', chi ha scritto le pagine più alte del pensiero umano poneva grande importanza nel dubbio e invitava a diffidare di chi ha troppe certezze.
    A Ubaldone piace questo intervento

  6. #35
    Inguaribile realista Masquerade
    Donna
    Iscrizione: 15/10/2014
    Messaggi: 874
    Piaciuto: 610 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da digitoergosum Visualizza il messaggio
    @Masquerade è proprio così. La nostra cultura ci ha insegnato a guardare con diffidenza al "forse", perché sembra che abbiamo l'obbligo sociale a mostrarci sempre sicuri e all'altezza. E il forse è dubitativo. Invece guarda un po', chi ha scritto le pagine più alte del pensiero umano poneva grande importanza nel dubbio e invitava a diffidare di chi ha troppe certezze.

    Sai io di chi son solita diffidare? Di chi è troppo sicuro di sé.
    Farsi domande, mettersi in discussione aiuta la propria crescita.
    Chi non lo fa, non mi da sicurezza alcuna, anzi!
    A digitoergosum piace questo intervento

  7. #36
    digitoergosum
    Utente cancellato

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Masquerade Visualizza il messaggio
    Sai io di chi son solita diffidare? Di chi è troppo sicuro di sé.
    Farsi domande, mettersi in discussione aiuta la propria crescita.
    Chi non lo fa, non mi da sicurezza alcuna, anzi!

    Leggi la terza citazione:
    https://it.wikiquote.org/wiki/Cos%C3...%B2_Bellavista

  8. #37
    Inguaribile realista Masquerade
    Donna
    Iscrizione: 15/10/2014
    Messaggi: 874
    Piaciuto: 610 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da digitoergosum Visualizza il messaggio
    Guagliù stateme a 'ssentì, questo è il bene [Disegnando alla lavagna un punto interrogativo]... e questo è il male [Disegnando un punto esclamativo]. Il bene è il dubbio, quando voi incontrate una persona che ha dei dubbi state tranquilli, vuol dire che è una brava persona, vuol dire che è democratico, che è tollerante, quando invece incontrate questi qui [Indicando il punto esclamativo], quelli che hanno le certezze, la fede incrollabile, e allora stateve accorte, vi dovete mettere paura, perché ricordatevi quello che vi dico: la fede è violenza, la fede in qualsiasi cosa è sempre violenza. Gli uomini, invece, gli uomini si dividono in uomini d'amore e uomini di libertà, a secondo se preferiscono vivere abbracciati gli uni con gli altri, oppure preferiscono vivere da soli e non essere scocciati. (Bellavista)


    La mitica "saggezza popolare" di Bellavista.
    A digitoergosum e Holly piace questo intervento

  9. #38
    Sousuke
    Utente bannato

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Masquerade Visualizza il messaggio
    Sai io di chi son solita diffidare? Di chi è troppo sicuro di sé.
    Farsi domande, mettersi in discussione aiuta la propria crescita.
    Chi non lo fa, non mi da sicurezza alcuna, anzi!
    io diffido degli incoerenti che cercano scuse per le loro azioni, sono una persona molto rigida come forse i genitori di lei, pazienza

    quindi non mi fido di nessuno

  10. #39
    Inguaribile realista Masquerade
    Donna
    Iscrizione: 15/10/2014
    Messaggi: 874
    Piaciuto: 610 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Sousuke Visualizza il messaggio
    io diffido degli incoerenti che cercano scuse per le loro azioni, sono una persona molto rigida come forse i genitori di lei, pazienza

    quindi non mi fido di nessuno

    L'incoerente si contende bene il primo posto con il sicuro di sé, nella lista di cui io diffido.

    Per il resto... Com'è che si dice? Fidarsi è bene e non fidarsi è meglio.

  11. #40
    Moderatrice Holly
    Donna 32 anni
    Iscrizione: 1/4/2006
    Messaggi: 35,153
    Piaciuto: 10121 volte

    Predefinito

    Scusatemi, cosa c'è da ridere?
    A parte che il titolo è fuorviante: c'è scritto "anche"; chissà quali altre cose c'erano sotto.
    E anche se fosse il vuoto che porta a un suicidio non è mai una cosa da ridere, specie se è una ragazzina.
    A Kakihara, digitoergosum, Temperance e altri 1 piace questo intervento
    Difficile dire se il mondo in cui viviamo sia una realtà o un sogno.

Pagina 4 di 6 PrimaPrima 123456 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. cosa c'è scritto sotto il vostro banco??
    Da *alice* nel forum Scuola, università, lavoro
    Risposte: 73
    Ultimo messaggio: 27/3/2007, 12:52
  2. Angelo Branduardi - Sotto il tiglio
    Da Cano nel forum Testi musicali
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 31/12/2006, 14:20
  3. il treno
    Da Usher nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 28/5/2006, 19:52
  4. Antonello Venditti - Nata sotto il segno dei pesci
    Da luna80 nel forum Testi musicali
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 10/3/2006, 8:24
  5. Sotto il sole
    Da Akemi nel forum Bellezza e cosmesi
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 23/6/2005, 18:09