ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 2 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 11 a 20 su 48

Assessore-choc: "Fuori i disabili dalle classi"

  1. #11
    Yuki Kate
    Donna 27 anni da Caserta
    Iscrizione: 24/3/2006
    Messaggi: 1,974
    Piaciuto: 76 volte

    Predefinito

    Io ho avuto per 4 anni in classe un ragazzino sordo-muto.
    Aveva il proprio insegnante di sostegno e con noi si è integrato bene in classe.
    quindi non so...


  2. # ADS
     

  3. #12
    FdT-dipendente Follia
    Donna 28 anni da Palermo
    Iscrizione: 8/2/2009
    Messaggi: 1,907
    Piaciuto: 177 volte

    Predefinito

    Ma secondo me dipende tutto da che tipo di disabile si tratta.
    Mio fratello,al secondo anno di liceo,ha in classe una ragazzina down che ha la sua insegnante di sostegno e studia le cose adatte a lei senza disturbare gli altri,quindi in un caso come questo per me non c'è motivo di mettere il disabile in una comunità a parte,anche perchè magari in una classe di TUTTI disabili sarebbe meno seguito rispetto a una classe dove c'è solo lui.
    Per quelli con handicap maggiori,tipo autismo o cose del genere effettivamente si,non ha senso farli stare in classe con altri che non hanno patologie...non si integrerebbero e probabilmente disturberebbero la lezione degli altri.
    Per quelli disabili solo fisicamente non c'è nemmeno bisogno di dirlo,ovvio che secondo me possono tranquillamente stare in mezzo agli altri senza bisogno di comunità a parte.

  4. #13
    Eurasia
    Ospite

    Predefinito

    Secondo me non è un progetto fattibile e mi stupisco che l'assessore non fosse a conoscenza degli ovvi limiti. Come in ogni materia esistono varie dottrine, quelle a favore e quelle contro un aggregazione dei soggetti portatori di handicap.
    Io penso che l'articolo sia scritto male, perchè qui non si parla di disabili fisici ma di veri e propri portatori di handicap mentale. In quest'ultimo caso esistono vari gradi di malattia, non è per tutti la stessa ed in entrambi i casi trovo che l'isolamento sia negativo. Allora:
    - Nel caso di portatori di handicap lieve, l'integrazione scolastica fa bene perchè lo aiuta a preservarlo da un aggravamento della malattia.
    - Nel caso dei portatori di handicap grave non si risolve tutto chiudendoli in una comunità, perchè non è detto che integrarli tra loro faccia bene e - come sappiamo - i manicomi sono stati chiusi da un pezzo.

    Adesso il problema è che questo confine tra i "due tipi" (se così vogliamo chiamarli) non è così netto, anzi è terribile dover stabilire e valutare chi può raggiungere certe capacità e chi no - e in tutto ciò la comunità in cui il portatore di handicap mentale si inserisce è importantissima perchè funge da stimolo. Ogni anno queste persone sono seguite da specialisti - non solo insegnanti di sostegno - e se finora è andata bene forse un motivo ci sarà.

    Pertanto non condivido le parole di questo assessore, perchè sostengo che la vicinanza con persone meno fortunate di noi può solo fare bene agli studenti normali. Che in ogni caso non stanno in classe con queste persone SEMPRE, perchè la didattica è differente e gli orari non combaciano del tutto.
    E' anche vero che l'istruzione e la regolamentazione è di competenza regionale, quindi forse in quelle regione è stata gestita in maniera inefficiente questa forma di integrazione. Non vedo altrimenti motivo di uscirsene con sparate di questo tipo.

  5. #14
    Mai più senza FdT RudeMood
    Donna 39 anni
    Iscrizione: 3/2/2009
    Messaggi: 10,246
    Piaciuto: 1043 volte

    Predefinito

    Un ragazzino che tira calci e pugni al muro insistentemente non è né sordo né muto, né down, probabilmente.

    Se avessi un figlio disabile non lo vorrei costretto in una classe di 25 bambini
    che fanno lezione normalmente, mentre un'insegnante di sostegno diventa un'addetta alla sicurezza per lui e per gli altri.

    Tempo fa ho sentito in TV la testimonianza della madre di un bambino autistico.
    Lei avrebbe voluto strutture più adatte a lui e personale qualificato.
    Io ho visto coi miei occhi insegnanti di sostegno 'sostenere' nel vero senso della parola un bambino disabile che in una classe non può fare nulla. Se non, appunto, essere preso per un braccio per non fare 'danno'. Non è nemmeno giusto che un ragazzino disabile trascorra 5 ore nei corridoi per non disturbare le lezioni.

    Un bambino che si annoia torna a casa nervoso.
    E credo che un bambino disabile costretto a non fare nulla per 5 ore possa diventare un ulteriore 'causa di disagio' per i genitori, che spesso non sono informati e supportati nell'educazione dei propri figli.

    Spero che siano pochi i casi di questo tipo. Ma ne ho sentiti a pacchi...

    Questo sindaco è stato troppo duro e poco diplomatico.
    Ma ha ragione.
    Ultima modifica di RudeMood; 25/9/2010 alle 17:50

  6. #15
    SS-Hauptsturmführer Wittmann
    Uomo 38 anni da Reggio Emilia
    Iscrizione: 21/12/2007
    Messaggi: 5,371
    Piaciuto: 799 volte

    Predefinito

    Mi associo a Rude.

  7. #16
    ... SteekHutzee
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 19/7/2008
    Messaggi: 16,203
    Piaciuto: 100 volte

    Predefinito

    anche se disturbare non è il termine adatto, trovo quasi inutile anche io che gravi handicappati mentali stiano insieme agli altri ragazzi (anche se a loro puo far piacere). però capisco le proteste e chi si sente discriminato

  8. #17
    Sempre più FdT mformatteo
    Uomo 32 anni da Imperia
    Iscrizione: 14/12/2009
    Messaggi: 3,427
    Piaciuto: 186 volte

    Predefinito

    il vero problema è:

    ci sono queste strutture "ad hoc"?

    no perchè facile dire "massì, basta metterli in strutture idonee e adeguate alle loro esigenze etc etc", ma mica è cosa semplice eh..

    specie qua in Italia dove per costruire un sottopassaggio ci si mette 12 anni..figurarsi strutture "scolastiche" per disabili..

    prima che si facciano queste strutture, che vengano messe in piedi e avviate, che i genitori siano anche aiutati economicamente a mandare i propri figli là (perchè conoscendo la mentalità italiana, eventuali strutture "ben fatte" sarebbero come scuole private, ed eventuali strutture "popolari" sarebbero nient'altro che recinti per le mucche dove far pascolare sti ragazzi..)..


    poi se ne parla..

    ma così mi sembra un pò un discorso campato in aria..tutto basato sulle buone intenzioni..

  9. #18
    obo
    .
    32 anni
    Iscrizione: 23/9/2005
    Messaggi: 35,506
    Piaciuto: 122 volte

    Predefinito

    ma non mi sembra difficile eh... nella scuola dove lavoravo si faceva così:
    il bambino fa casino? si porta nella sua auletta insieme all'insegnante di sostegno e li sta finchè non la smette.
    non fa casino? allora in classe con gli altri. è ovvio che non farà "nulla", però è sempre seguito dall'insegnate di sostegno quindi le scuse che rallenta sono false.

    in questo modo, e per quel che può valere, come dicono studi psicologici ne beneficia sia il bambino con problemi sia gli altri alunni della classe che cresceranno più sensibilizzati rispetto al tema dell'handicap (e magari non vedremo più scene di handicappati picchiati o presi per il culo)

  10. #19
    Nuvolablu
    Donna 39 anni
    Iscrizione: 14/7/2007
    Messaggi: 27,505
    Piaciuto: 2274 volte

    Predefinito

    Dipende dal tipo di handicap.
    Se non è grave o comunque non intacca la sfera relazionale allora va bene stare con gli altri bambini e avere il supporto dell'insegnante di sostegno.
    In altri casi è incompatibile il contatto con i compagni, e non per cattiveria ma semplicemente perchè il bambino andrebbe incontro a peggioramenti della sua condizione e quindi necessita di una struttura a parte dove essere seguito da un punto di vista sia cognitivo che relazionale.

  11. #20
    Can che dorme Wolverine
    Uomo 35 anni
    Iscrizione: 2/4/2006
    Messaggi: 43,736
    Piaciuto: 2785 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Nuvolablu Visualizza il messaggio
    In altri casi è incompatibile il contatto con i compagni, e non per cattiveria ma semplicemente perchè il bambino andrebbe incontro a peggioramenti della sua condizione e quindi necessita di una struttura a parte dove essere seguito da un punto di vista sia cognitivo che relazionale.
    E peggiorerebbe anche la condizione degli altri...diciamolo, ***** Non sarà "politicamente corretto" ma è così, sarebbe un danno per sè E PER GLI ALTRI.

    (non è una cosa contro di te, eh, anzi è un rafforzativo della tua opinione )

Pagina 2 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Formula 1: Ferrari, annuncio choc "Niente Mondiale 2010"
    Da SteekHutzee nel forum Sport
    Risposte: 52
    Ultimo messaggio: 4/7/2009, 13:48
  2. Appello degli studenti fuori sede: "Anche noi vogliamo votare"
    Da Eurasia nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 23/5/2009, 13:34
  3. Risposte: 36
    Ultimo messaggio: 7/11/2008, 16:58
  4. Classi per stranieri, per il Pd è "discriminazione". La Lega: vogliamo l'integrazione
    Da Sedobren Gocce nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 103
    Ultimo messaggio: 21/10/2008, 14:29
  5. "...dalle stalle, in partenza per le stelle..."
    Da /Andry nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 30/8/2006, 21:03