ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Google+ Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 9 di 9 PrimaPrima ... 56789
Visualizzazione risultati da 81 a 90 su 90
Like Tree43Mi piace

L'importanza dei soldi

  1. #81
    Overdose da FdT Dade
    Uomo 30 anni da Torino
    Iscrizione: 21/11/2010
    Messaggi: 9,890
    Piaciuto: 3999 volte

    Predefinito

    Sembra di parlare arabo.

    Ultima modifica di Dade; 16/10/2017 alle 15:42
    Felice l'uomo che trova rifugio in se stesso.

  2. # ADS
     

  3. #82
    Overdose da FdT Fiona
    Donna 30 anni
    Iscrizione: 12/1/2011
    Messaggi: 8,584
    Piaciuto: 2880 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da morrigan Visualizza il messaggio
    Io continuo a non capire perchè una persona non possa essere felice e appagata nello svolgere alcuni lavori come il commesso (visto che questa figura è stata presa più volte a d esempio). Lasciando perdere grandi firme e negozi di alto livello, perchè una persona che lavora in un negozio di abbigliamento piuttosto che di casalinghi o qualsiasi altra cosa, dovrebbe vedere il proprio lavoro come precario vista la scarsa possibilità di maggiori prospettive in termini di carriera/guadagni?
    Insomma,va bene che chi ha studiato vuole raggiungere i propri obiettivi, va bene che ci sono persone che si accontentano perchè hanno bisogno di soldi, ma ci sono anche persone che sono felici del loro lavoro, che lo amano! Ci sono persone a cui piace vendere cose, o fare altri lavori, benchè siano modesti. Ci sono persone che lasciano lavori di successo per dedicarsi alla produzione di ortaggi, coltivazioni, ecc. Questa cosa si chiama "passione" e ci sono persone che amano fare ciò che altri odiano fare.

    E' verissimo che molte persone si accontentano per necessità, perchè, francamente, sputare sul lavoro oggigiorno non è una mossa particolarmente astuta, è pur vero che se si hanno aspettative, ci si deve assolutamente provare, vero anche che per lavoro non si può perdere la salute (anche se lo spirito si sacrificio va sviluppato ovunque), ma è altrettanto vero che si può scegliere un lavoro modesto per scelta, per amore, per passione.
    Il tutto secondo mio modesto parere, senza voler far cambiare idea a nessuno o prendere nessuno di mira, solo non capisco perchè se uno fa un lavoro che in futuro non permette di arrivare chissà dove, dovrebbe passare come un rammollito .

    Che poi, ora che penso, non è nemmeno detto, perchè uno può fare il commesso per anni e poi, un giorno, arrivare ad aprire un negozio proprio, perchè no
    Il bello del mondo è proprio questo: la varietà. Io non lavorerei mai in un negozio di abbigliamento di lusso, in uno "normale" sì. Lavorerei in campagna a fare lavori manuali, ma non lavorerei mai in banca. Se chiedi a qualcun'altro, in campagna non lavorerebbe mai. L'importante è non mancare mai di rispetto a nessuno, perché se una cosa non piace a te non significa che faccia schifo in generale.

    @Dade non riesco a seguirti
    A morrigan piace questo intervento


  4. #83
    Overdose da FdT Dade
    Uomo 30 anni da Torino
    Iscrizione: 21/11/2010
    Messaggi: 9,890
    Piaciuto: 3999 volte

    Predefinito

    Sto cercando di dire semplicemente che alcuni lavori la tua aspettativa non può essere alta. Va bene a pochi il resto rimangono precari, con un pugno di mosce e senza lavoro. Non dico che il RESTO DEI LAVORI sia sicuro ma che sicuramente parti con altre aspettative.
    Vi rifaccio il mio esempio se avessi iniziato a lavorare in pizzeria come cameriere come mi consigliavano di fare, cosa avrei fatto ora?
    Forse ancora il cameriere ma avrei cambiato parecchi posti. Non sarei diventato cuoco o altro, se non avrebbero più avuto bisogno di me mi avrebbero lasciato a casa. Avrei continuato a cambiare posto di lavoro.
    Vi sembra una buona aspettativa di vita?
    Poi magari mi andava bene ma sarei rimasto sempre sul chi va la.
    Ripeto il mio non è sputare su un lavoro ma vedere cosa mi può offrire in prospettiva futura.
    Non so più come spiegarlo
    Felice l'uomo che trova rifugio in se stesso.

  5. #84
    Sempre più FdT morrigan
    Donna 40 anni
    Iscrizione: 11/9/2014
    Messaggi: 2,049
    Piaciuto: 2089 volte

    Predefinito

    Ma scusa @Dade, molte persone giovani iniziano con il fare i lavori "precari" che dici tu, guadagnano per mantenersi o mettono i soldi da parte e cercano, nel frattempo, posti più consoni alle proprie aspettative. Non so, da come parli pare che sua meglio rimanere senza lavoro finché non si trova qualcosa che permette di avere aspettative più alte. Tu stesso hai fatto più lavori prima di trovare un posto sicuro, Non erano forse lavori precari visto che non avevi un contratto a tempo indeterminato?

    E poi boh, io conosco persone che lavorano da anni un un supermercato della mia zona e non vedo cosa ci sia di male a fare la cassiera tutta la vita, se a una piace e sta bene.
    Rispetto assolutamente la tua opinione, ma non la condivido ne comprendo, come mi pare anche altri utenti, perché un conto è il lavoro precario, un' altro l'aspettativa che si ha per il proprio futuro.
    A Holly piace questo intervento
    "Ma non mi lamenterò più. Ho ricevuto la vita come una ferita e ho proibito al suicidio di guarire la cicatrice. Voglio che il Creatore ne contempli, in ogni ora della sua eternità, il crepaccio spalancato."
    Lautréamont

  6. #85
    Overdose da FdT Fiona
    Donna 30 anni
    Iscrizione: 12/1/2011
    Messaggi: 8,584
    Piaciuto: 2880 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dade Visualizza il messaggio
    Sto cercando di dire semplicemente che alcuni lavori la tua aspettativa non può essere alta. Va bene a pochi il resto rimangono precari, con un pugno di mosce e senza lavoro. Non dico che il RESTO DEI LAVORI sia sicuro ma che sicuramente parti con altre aspettative.
    Vi rifaccio il mio esempio se avessi iniziato a lavorare in pizzeria come cameriere come mi consigliavano di fare, cosa avrei fatto ora?
    Forse ancora il cameriere ma avrei cambiato parecchi posti. Non sarei diventato cuoco o altro, se non avrebbero più avuto bisogno di me mi avrebbero lasciato a casa. Avrei continuato a cambiare posto di lavoro.
    Vi sembra una buona aspettativa di vita?
    Poi magari mi andava bene ma sarei rimasto sempre sul chi va la.
    Ripeto il mio non è sputare su un lavoro ma vedere cosa mi può offrire in prospettiva futura.
    Non so più come spiegarlo
    Dade capisco cosa intendi, ma un conto è fare il cameriere tutta la vita, un altro è fare un altro lavoro qualsiasi. Che poi in realtà anche lì dipende, un ragazzino a cui facevo ripetizioni anno scorso va all'istituto alberghiero, il suo sogno è fare il pasticciere ma anche il responsabile di sala non gli dispiaceva affatto come idea. E per farlo inizi dal servire ai tavoli. Poi magari in Italia rimani a servire ai tavoli e all'estero sali più rapidamente di livello, ma non si sa mai cosa realmente accade.
    Lavorare in un negozio non ti dà futuro, dici? In questo dissento fortemente. Fare l'impiegato non ti dà più sicurezze (vedi me), così come avere un mestiere pratico in mano (parrucchiere, meccanico ecc).

    Fattore C, nel 90% dei casi.

  7. #86
    Overdose da FdT Dade
    Uomo 30 anni da Torino
    Iscrizione: 21/11/2010
    Messaggi: 9,890
    Piaciuto: 3999 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da morrigan Visualizza il messaggio
    Ma scusa @Dade, molte persone giovani iniziano con il fare i lavori "precari" che dici tu, guadagnano per mantenersi o mettono i soldi da parte e cercano, nel frattempo, posti più consoni alle proprie aspettative. Non so, da come parli pare che sua meglio rimanere senza lavoro finché non si trova qualcosa che permette di avere aspettative più alte. Tu stesso hai fatto più lavori prima di trovare un posto sicuro, Non erano forse lavori precari visto che non avevi un contratto a tempo indeterminato?

    E poi boh, io conosco persone che lavorano da anni un un supermercato della mia zona e non vedo cosa ci sia di male a fare la cassiera tutta la vita, se a una piace e sta bene.
    Rispetto assolutamente la tua opinione, ma non la condivido ne comprendo, come mi pare anche altri utenti, perché un conto è il lavoro precario, un' altro l'aspettativa che si ha per il proprio futuro.
    Erano lavori precari perché per me non c'era futuro li dentro. Ero in stage, sai bene che ho fatto un anno di stage rimborsato una miseria. Ma sapevo che dovevo procedere in quella strada. Sapevo che dovevo aumentare le mie conoscenze.
    Poi ho trovato questo lavoro a culo(ma per entrarci ho fatto 3 colloqui) e ora sto bene.
    E so che con le conoscenze che sto apprendendo un giorno se qui dovesse finire ho qualcosa in mano per poter iniziare qualcosa con le mie mani(soldi permettendo). Se tutto va come voglio so che per almeno 10 anni di qui non mi muoverò. Poi magari me ne vado io ma se qui rimango posso farmi un pensiero ampio della mia permanenza.

    Non è il vederci del male, non sto sindacando sulla bellezza o meno. Ma su come ti trattano non sai mai quando ti lasceranno a casa. Io non so più come farmi capire, sarò io a spiegarmi male.


    - - - Aggiornamento - - -

    Quote Originariamente inviata da Fiona Gallagher Visualizza il messaggio
    Dade capisco cosa intendi, ma un conto è fare il cameriere tutta la vita, un altro è fare un altro lavoro qualsiasi. Che poi in realtà anche lì dipende, un ragazzino a cui facevo ripetizioni anno scorso va all'istituto alberghiero, il suo sogno è fare il pasticciere ma anche il responsabile di sala non gli dispiaceva affatto come idea. E per farlo inizi dal servire ai tavoli. Poi magari in Italia rimani a servire ai tavoli e all'estero sali più rapidamente di livello, ma non si sa mai cosa realmente accade.
    Lavorare in un negozio non ti dà futuro, dici? In questo dissento fortemente. Fare l'impiegato non ti dà più sicurezze (vedi me), così come avere un mestiere pratico in mano (parrucchiere, meccanico ecc).

    Fattore C, nel 90% dei casi.
    Ti da certezze se il negozio è tuo se no la vedo difficile. Basta un parente e te sei fuori
    Felice l'uomo che trova rifugio in se stesso.

  8. #87
    Sempre più FdT morrigan
    Donna 40 anni
    Iscrizione: 11/9/2014
    Messaggi: 2,049
    Piaciuto: 2089 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dade Visualizza il messaggio


    Erano lavori precari perché per me non c'era futuro li dentro. Ero in stage, sai bene che ho fatto un anno di stage rimborsato una miseria. Ma sapevo che dovevo procedere in quella strada. Sapevo che dovevo aumentare le mie conoscenze.
    Poi ho trovato questo lavoro a culo(ma per entrarci ho fatto 3 colloqui) e ora sto bene.
    E so che con le conoscenze che sto apprendendo un giorno se qui dovesse finire ho qualcosa in mano per poter iniziare qualcosa con le mie mani(soldi permettendo). Se tutto va come voglio so che per almeno 10 anni di qui non mi muoverò. Poi magari me ne vado io ma se qui rimango posso farmi un pensiero ampio della mia permanenza.

    Non è il vederci del male, non sto sindacando sulla bellezza o meno. Ma su come ti trattano non sai mai quando ti lasceranno a casa. Io non so più come farmi capire, sarò io a spiegarmi male.


    - - - Aggiornamento - - -



    Ti da certezze se il negozio è tuo se no la vedo difficile. Basta un parente e te sei fuori

    Ok, ma non hai fatto nulla di diverso da ciò che fanno tutti, quindi non capisco questo "snobbare" alcuni lavori. Pure il cameriere parte col lavare i piatti con la speranza di diventare, un giorno, direttore di sala, pure la parrucchiera parte come lavateste, per poi un giorno aprire il proprio negozio, così come i commessi fanno i commessi con delle speranze nel cuore. Poi magari, esattamente come te, hanno culo che trovano un posto a contratto indeterminato e dove stanno bene, e restano dove sono.
    Non sai mai quando ti lasciano a casa, certo, ma con contratto a tempo indeterminato, a meno che non ti trovino a fare cose molto gravi per almeno 3 volte, non possono mandarti a casa quando vogliono. E nel caso l'attività andasse male e dovessero licenziare o chiudere, vero, non sai mai quando ti lasciano a casa, ma come può succedere a chiunque, compresa tu e io (non voglio gufare ).
    Poi dade, perdonami, ma se ho ben capito, altri lavori non ti permetterebbero di imparare qualcosa che, nel caso servisse, ti aiuti a trovare altri lavori? Ma perchè?

    In generale concordo con l'ultimo messaggio di @Fiona Ghallagher
    "Ma non mi lamenterò più. Ho ricevuto la vita come una ferita e ho proibito al suicidio di guarire la cicatrice. Voglio che il Creatore ne contempli, in ogni ora della sua eternità, il crepaccio spalancato."
    Lautréamont

  9. #88
    Overdose da FdT Dade
    Uomo 30 anni da Torino
    Iscrizione: 21/11/2010
    Messaggi: 9,890
    Piaciuto: 3999 volte

    Predefinito

    Te lo spiego di persona perché non mi stai capendo
    Felice l'uomo che trova rifugio in se stesso.

  10. #89
    Overdose da FdT Fiona
    Donna 30 anni
    Iscrizione: 12/1/2011
    Messaggi: 8,584
    Piaciuto: 2880 volte

    Predefinito

    Davide non ti sto attaccando, ti faccio notare semplicemente due cose: prima di tutto, ognuno della sua vita fa quello che vuole. Puoi decidere di studiare come non, di cercare un lavoro che è un mettere in pratica ciò che hai studiato come fottertene e per i più disparati motivi fare altro. Puoi trovare un lavoro (per caso, per scelta) che ti piace da morire e agli altri fa schifo, viceversa puoi avere un lavoro che consideri ottimo e che gli altri schifano. Il mondo è bello perché è vario. Un'altra cosa importante ti sfugge: niente è scontato. I parenti e simili spuntano ovunque, dall'impiego statale a un normalissimo fare ripetizioni. Puoi in qualsiasi momento venire mandato a casa, che il lavoro ti dia prospettive o meno.

  11. #90
    Moderatrice Holly
    Donna 29 anni
    Iscrizione: 1/4/2006
    Messaggi: 35,154
    Piaciuto: 10093 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dade Visualizza il messaggio
    @Holly Ci sono commessi e commessi. Il mio era un esempio per dire che ci sono alcuni lavori che sono più precari di altri purtroppo. E il mio è un generalizzare è un dato di fatto.
    Mio fratello che fa il commesso da Gutterige pur avendo una invalidità ha meno possibilità di me di mantenere il suo lavoro a lungo, ma non perché è stupido ma perché il tipo di lavoro che fa non gli permette tutta questa aspettativa, io non ce la vedo sarò stronzo eh.
    E l'esempio l'ho fatto soprattutto per dire che le persone si accontentano troppo facilmente per avere un lavoro che non ti da prospettiva.

    Io non sono d'accordo sull'accettare ciò che passa al convento. Io non sputo sugli altri lavori li ho fatti, ma siccome voglio fare una certa cosa nella mia vita(manco così impossibile, quello che faccio può farlo chiunque), perché dovrei fare altro? Poi magari tra 10 anni mi do al contadino(grandissimo mestiere) chi lo sa
    Poi anche con la ricerca del lavoro, non è una gran mossa cercare a cazzum.

    @Fiona Gallagher hai fatto benissimo. E spero davvero che tu te ne possa andare il prima possibile.
    Il discorso è semplice: quando devi mangiare e pagare le spese accetti ciò che passa il convento.

    Poi ognuno sa cosa è meglio per sé. Magari a qualcuno il lavoro di negozio piace, non c'è niente di male né nulla di poco ambizioso. Poi ci sono realtà lavorative sempre differenti da caso a caso, aziende e aziende, quindi non si può dire che un lavoro a prescindere dia meno sicurezze di un altro.

    Sicuramente giova di più avere un "mestiere", ovvero: un elettricista che perde lavoro come elettricista ha delle competenze molto pratiche e che gli permettono di rimpiegarsi più facilmente come elettricista rispetto a un impiegato che perde il posto come impiegato, a meno che non sia fortemente specializzato. Quindi il discorso è molto labile.
    Difficile dire se il mondo in cui viviamo sia una realtà o un sogno.

Pagina 9 di 9 PrimaPrima ... 56789

Discussioni simili

  1. I falsi poveri dei campi rom con i soldi alle Poste
    Da al98 nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 30/3/2013, 19:53
  2. Qual è l'auto dei vostri sogni?
    Da Akemi nel forum Motori
    Risposte: 206
    Ultimo messaggio: 17/5/2012, 18:52
  3. Ecco dove prendere i soldi con tanto di applausi dei cittadini
    Da HipHope nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 14/9/2011, 16:05
  4. Addio alle borse di studio tagliato il 90% dei soldi
    Da obo nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 45
    Ultimo messaggio: 8/11/2010, 8:49
  5. QUESITO DI GRANDE IMPORTANZA!
    Da Kikka_86 nel forum Off Topic
    Risposte: 38
    Ultimo messaggio: 8/12/2005, 14:22