ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 37
Like Tree14Mi piace

Carne di cavallo inserita in prodotti Findus e Buitoni 100% manzo: ritirati

  1. #1
    Too Many Humans Oregon
    Uomo 30 anni da Venezia
    Iscrizione: 17/10/2006
    Messaggi: 17,171
    Piaciuto: 4930 volte

    Predefinito Carne di cavallo inserita in prodotti Findus e Buitoni 100% manzo: ritirati

    Carne di cavallo: ritirati tortellini e ravioli Buitoni

    La decisione per l'Italia presa dalla Nestlé. Il numero verde dell'azienda. Lo scandalo coivolge 20 paesi. Via ai test allo Zooprofilattico di Torino.

    Giulia Nitti


    Come era facile prevedere lo scandalo della carne di cavallo si allarga anche all'Italia. La Nestlé, ieri sera, ha deciso di ritirare dagli scaffali italiani e spagnoli ravioli e tortellini di manzo Buitoni, società che fa capo al colosso alimentare svizzero.
    La decisione è stata presa dopo che sono state rinvenute tracce di Dna di carne di cavallo pari all'1%.
    La Nestlé ha informato le autorità dell'esito degli esami, ma rassicura: ''non ci sono problemi di sicurezza alimentare'', e ha diffuso per i consumatori il numero verde a cui rivolgersi (800 - 227. 228) nel caso abbiano acquistato i prodotti oggetto del ritiro.

    Sostituiti prodotti dopo i test

    I prodotti ritirati saranno sostituiti con altri ''che i test confermeranno essere al 100% di manzo'' aggiunge Nestlé in una nota, nella quale precisa che sono state sospese ''tutte le consegne di prodotti finiti con manzo della tedesca H. J. Schypke, società che lavora per uno dei nostri fornitori''.

    Ritirate anche le Lasagne alla Bolognaise


    ''Stiamo rafforzando i controlli di qualità con nuovi test. Assicurare la qualità e la sicurezza dei nostri prodotti è stata sempre una priorità per Nestlé. Ci scusiamo con i consumatori e assicuriamo che le azioni prese per far fronte a questo problema si tradurranno in più alti standard e in una rafforzata tracciabilità'' aggiunge Nestlé, precisando che saranno ritirate dalla vendita anche le Lasagnes a la Bolognaise Gourmandes, prodotte in Francia.

    Ieri l'allarme in Svizzera

    L'allerta, intanto, si estende anche in Svizzera, dove la Coop ha ritirato piatti pronti, sughi e spaghetti alla bolognese surgelati. Il fornitore di tali prodotti, Hilcona è lo stesso che produceva in Austria, per Lidl, tortelloni ripieni di carne macinata.

    4,5 milioni di pezzi



    Secondo il sistema di allerta europeo sono in tutto 19 i paesi dove i prodotti "fuorilegge" vengono commercializzati. La Comigel, la prima delle aziende coinvolte, produce e vende prodotti surgelati in tutta Europa. Sarebbero 4,5 milioni, secondo la stampa francese, le confezioni interessate, finite non solo nel Nord Europa, ma anche in paesi come la Grecia e la Spagna.

    L'Italia decide di fare i test

    Il dilagare dello scandalo della carne di cavallo ha spinto l'Unione Europa a scendere in campo e approvare una raffica di test su carne di manzo per verificarne la composizione. I test per scovare tracce di Dna equino nei prodotti pronti si faranno anche in Italia, nonostante il diniego iniziale del nostro paese. A condurli sarà l'Istituto zooprofilattico di Torino. Le autorità italiane, che avevano già effettuato controlli su alcuni campioni, avevano inizialmente detto no alla raccomandazione europea, poi il cambio di rotta. I costi saranno sostenuti al 75% dal nostro paese, anche se, fino a oggi, gli alimenti commercializzati in Italia sono risultati del tutto estranei allo scandalo.


    Lasagne e ragù pronti e surgelati

    Nei laboratori piemontesi saranno sottoposti a verifica 200 campioni di diversi prodotti (a fronte dei 2.700 testati in Inghilterra). Si tratta in particolare di sughi di carne pronti e lasagne al ragù. Gli accertamenti dureranno fino a fine marzo, e riguarderanno non solo i due marchi travolti dallo scandalo in Gran Bretagna, Findus e Picard, ma anche su altre case produttrici, e potrebbero riguardare non solo i surgelati ma anche i prodotti "pronti" da cuocere nei banchi frigo. Si cercheranno anche tracce di fenilbutazone, l'antinfiammatorio usato soprattutto per i cavalli da corsa (che in Italia sono circa 800 mila).

    L'aggiornamento precedente: Scandalo in tutta Europa

    I test effettuati in diversi paesi del Nord Europa hanno rivelato che il Dna equino è presente nelle farciture di tantissimi prodotti trasformati: dalle lasagne alle paste alla bolognese surgelate, dalle pizze ai tortellini. Un problema che non ha solo a che fare con la frode nei confronti dei consumatori, ma ha anche pesanti risvolti sul piano della salute pubblica. In alcuni dei campioni di carne, infatti, è stata rilevata la presenza di phenylbutazone o ''butene'', un farmaco antinfiammatorio somministrato ai cavalli ma vietato per quelli destinati alla'ilimentazione umana.
    Tracce del medicinale sono state rinvenute in Francia, e adesso si cerca di capire se siano presenti anche in altri prodotti alimentari.

    L'Ue ordina controlli a tappeto

    Vista l'emergenza, il comitato permanente Ue sulla catena alimentare ha approvato un piano di prevenzione che prevede test su circa 2.250 campioni di prodotti trasformati contenenti carne bovina in tutti i paesi Ue volti a verificare che non ci siano tracce di carne equina. Le analisi riguarderanno circa 2.250 test sui prodotti trasformati, che secondo l’etichetta contengono carne bovina, alla ricerca di eventuali tracce di Dna equino.
    Altre analisi invece verranno condotte direttamente sulle carni equine, alla ricerca di eventuali tracce del farmaco veterinario fenilbutazone. In questo caso saranno condotti circa 2.200 test, uno ogni 50 tonnellate di carne equina prodotta nell’Ue (uno ogni 160 cavalli abbattuti), con un minimo di 5 test per Stato membro.

    Il no dell'Italia ai controlli

    Stando a quanto riferisce l'Ansa, l'Italia non ha in un primo momento acconsentito a effettuare nessun tipo di controllo, facendo notare ai partner europei che per il nostro paese, "che non ha riscontrato problemi sul suo territorio, i nuovi test comportano oneri e impegni gravosi quando spetta a chi esporta dare tutte le garanzie". Nella penicola, ha detto il rappresentante secondo quanto riferiscono le fonti, "c’è un sistema capillare di tracciabilità che funziona e che non sono state rilevate le problematiche riscontrate nel Regno Unito, in Irlanda, Francia e Lussemburgo".

    "Non è un problema nostro"

    Il rappresentante ha inoltre aggiunto che "l’Italia importa cavalli per macellarli e destinare la carne al proprio mercato, applicando tutte le normative europee, quindi vorrebbe maggiori garanzie dai Paesi esportatori: un principio che è alla base della legislazione alimentare europea". In Europa è il nostro il primo paese importatore di puledri vivi destinati al macello o all’ingrasso, e il primo consumatore di carne di cavallo.
    Per quanto riguarda i prodotti Findus finiti nella bufera, la Findus italiana, di proprietà della CSI, ha preso le distanze dalla Findus Uk spiegando che si tratta di prodotti e di materie prime differenti.

    Dalla Francia alla Norvegia, i paesi coinvolti


    Attualmente il problema della carne di cavallo ha investito soprattutto i paesi del NordEuropa, e la Francia. Oltre che dentro i prodotti Findus (ma non la Findus italiana), Burger King e di diverse aziende britanniche, carne di cavallo è stata rintracciata nelle lasagne della catena norvegese NorgesGruppen (marca First Price), in carne venduta come bovina in un macello danese, e destinata ai fabbricanto di pizza, nei “tortellini di manzo" prodotti dalla tedesca Gusto Gmbh, e venduti in Austria nei supermercati Lidl.
    In Francia, a essere coinvolto nello scandalo la ditta Spanghero, una delle più rinomate del paese. L'azienda è tra quelle che trasformano la carne per i prodotti pronti, e, avrebbe rifornito a Findus il ripieno per le lasagne finite nello scandalo. Anche in questo caso la matetria prima acquistata dall'azienda francese proveniva dalla Polonia.

    Carne di cavallo: ritirati tortellini e ravioli Buitoni

  2. # ADS
     

  3. #2
    Vivo su FdT Meox
    Donna 29 anni da Treviso
    Iscrizione: 21/11/2005
    Messaggi: 3,728
    Piaciuto: 352 volte

    Predefinito

    Ma io non ho capito, c'è stato un errore o l'hanno fatto apposta? Eppure mi sembra che la carne di cavallo costi di più, quindi non avrebbe senso spacciarla per manzo...

  4. #3
    Too Many Humans Oregon
    Uomo 30 anni da Venezia
    Iscrizione: 17/10/2006
    Messaggi: 17,171
    Piaciuto: 4930 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Lerajies Visualizza il messaggio
    Ma io non ho capito, c'è stato un errore o l'hanno fatto apposta? Eppure mi sembra che la carne di cavallo costi di più, quindi non avrebbe senso spacciarla per manzo...
    Me lo son domandato anche io questa cosa del costo più alto della carne di cavallo. Boh..

  5. #4
    nestuno
    Utente cancellato

    Predefinito

    Io suppongo che sia un problema legato più al processo industriale dove le stesse macchine che macellano, tritano e/o preparano il ragù preparano anche altre cose di carne di cavallo ma non vengono sempre e completamente ripulite facendo si che una minima percentuale di carne di cavallo vada ad inquinare la carne di bovino per il ragù.. l'1% in fondo è pochino no?
    A RudeMood piace questo intervento

  6. #5
    Temperance
    Donna
    Iscrizione: 15/1/2006
    Messaggi: 28,775
    Piaciuto: 9512 volte

    Predefinito

    A che pro spacciare carne di cavallo per manzo?
    Mi sembra davvero assurda, 'sta cosa.
    E assurdo che i controlli siano avvenuti solo ora e che l'Italia, all'inizio - come al solito - si era tirata indietro, dicendo, inoltre, che sta agli altri garantire i prodotti.
    Praticamente se ne sbattevano se gli italiani mangiavano una cosa per un'altra.

    Comunque io non compro nè sughi pronti nè tortellini o altro, me la scampo.
    A Oregon piace questo intervento

  7. #6
    Too Many Humans Oregon
    Uomo 30 anni da Venezia
    Iscrizione: 17/10/2006
    Messaggi: 17,171
    Piaciuto: 4930 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da gattolo Visualizza il messaggio
    Io suppongo che sia un problema legato più al processo industriale dove le stesse macchine che macellano, tritano e/o preparano il ragù preparano anche altre cose di carne di cavallo ma non vengono sempre e completamente ripulite facendo si che una minima percentuale di carne di cavallo vada ad inquinare la carne di bovino per il ragù.. l'1% in fondo è pochino no?
    Son d'accordo, però appunto perchè non avvengono sempre pulizie dovrebbero fare più controlli. Che poi l'1% sia poco siamo d'accordo, ma io voglio che sia trascritto anche quello.

  8. #7
    alias Annie Lennox Elaine Marley
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 22/4/2010
    Messaggi: 8,528
    Piaciuto: 6430 volte

    Predefinito

    Si sa che la Nestlè non sia molto ..attenta.
    Comunque meglio, no?
    Non capisco dove sia lo scandalo.

  9. #8
    Can che dorme Wolverine
    Uomo 35 anni
    Iscrizione: 2/4/2006
    Messaggi: 43,736
    Piaciuto: 2786 volte

    Predefinito

    Se leggete TUTTO l'articolo vedrete che il problema non è tanto nella presenza di un pochino di carne di cavallo in sè per sè...ma ci sono due distinte considerazioni:

    1) Se c'è questa frode ce ne potrebbero essere altre, specie riguardo le condizioni igienico-sanitarie (tenete conto che quando era scoppiato lo scandalo in Inghilterra si era accertato che la carne proveniva da macelli rumeni...traetene le possibili conclusioni...)

    2) Alcuni cavalli non erano destinati al macello, ED ERANO TRATTATI CON UN ANTINFIAMMATORIO CANCEROGENO PER L'UOMO. Questo è il vero e proprio possibile problema.
    A Temperance, Joy Turner, Oregon e altri 2 piace questo intervento

  10. #9
    Se muoio rinasco P S Y C H O
    da Estero
    Iscrizione: 6/12/2005
    Messaggi: 17,138
    Piaciuto: 1392 volte

    Predefinito

    Adesso ci affossano anche la Buitoni e la Findus...

  11. #10
    Sempre più FdT DolceChéri
    Donna 36 anni da Bari
    Iscrizione: 25/10/2008
    Messaggi: 2,765
    Piaciuto: 202 volte

    Predefinito

    Un marchio famoso non è sinonimo di assuluta qualità e garanzia.

Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Niente carne di cavallo sulle tavole italiane
    Da RudeMood nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 33
    Ultimo messaggio: 24/5/2011, 15:38
  2. Sondaggio alimentazione: vinci 30 Euro in prodotti di Aloe Vera
    Da aloeveraflp nel forum Siti preferiti
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 10/3/2008, 17:40
  3. Paolo Di Canio ferito in una lite
    Da vincenzo92 nel forum Sport
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 22/8/2006, 12:32
  4. Caduta di stile made in Audi
    Da CrAzY BoY nel forum Motori
    Risposte: 31
    Ultimo messaggio: 7/8/2006, 22:26
  5. Bambole Di Pezza - Be In Your Mind
    Da Something Strange nel forum Testi musicali
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 15/5/2006, 15:35