ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 5 su 5
Like Tree3Mi piace
  • 3 Intervento di Holly

Intro di un romanzo

  1. #1
    Moderatore 2.0 Canalfeder
    Uomo 25 anni da Barletta-Andria-Trani
    Iscrizione: 27/2/2008
    Messaggi: 12,195
    Piaciuto: 2822 volte

    Predefinito Intro di un romanzo

    L'estate scorsa iniziai a scrivere un romanzo giallo, scrissi due capitoli ma poi non continuai più. In questi giorni l'ho ripreso per continuarlo e l'ho riletto. Vi propongo l'introduzione al romanzo, dal quale non si capisce nulla della storia in sè, non tanto per sapere il vostro parere sulla storia ma sul modo di scrivere.
    Secondo me l'introduzione ha periodi troppo brevi e sicuramente ci saranno molte ripetizioni di termini....



    Erano circa le tre di pomeriggio quando il taxi si fermò sul ciglio della strada. Dall'auto scese un uomo alto, smilzo, di una corporatura secca. Sembrava quasi che il caldo di quel pomeriggio d'agosto lo avesse prosciugato; la stessa aria afosa che non gli impedì però di indossare il suo impermeabile beige con sotto la solita camicia a scacchi.
    Pagato generosamente l'autista, fece quattro passi per quel marciapiede, fino alla vista di un cartello:
    << Villa Rosa, dev'essere questa. >>
    Prese con sé la valigia ed estrasse dalla capiente tasca un piccolo mazzo di chiavi con il quale aprì il piccolo cancello d'ingresso. Un modesto giardino si aprì ai suoi occhi, tutto era ben curato. C'era persino un albero da frutto con cui servirsi nelle notti calde. Giunto davanti alla porta di quella che sarebbe stata la sua dimora per quel breve periodo di vacanza, si fece strada per la casa. Salì al piano superiore per sistemare la valigia nella camera da letto, le tende oscuravano la stanza. Aprì la finestra scoprendo un paesaggio davvero suggestivo. Quant'era bella la Toscana.
    Sistemate le valigie e rinfrescatosi, il detective Ravan ( il nome è provvisorio) decise che avrebbe fatto un giro per il quartiere. La piazza di quel piccolo paesino aveva qualcosa di magico, o forse era l'idea di vacanza che la rendeva tale. Con quel sole che batteva alle cinque di pomeriggio ci voleva una bella bevanda fresca. Come un miraggio, raggiunse il bar più vicino, si trovò un posto ad uno dei tavoli all'aperto e ordinò un aperitivo.
    Affianco al suo braccio giaceva un quotidiano. Con la coda dell'occhio lesse il titolo della prima pagina: " Impazza il Social Book su internet!". Chissà cos'era questa faccenda del "libro sociale". Lui non era mai stato un tipo molto esperto di questi affari tecnologici.
    Dopo la gustosa rinfrescata, decise di tornare a casa godendosi una passeggiata afosa.
    Villa Rosa faceva parte di un complesso di residence turistici, che ogni anno il comune affittava per promuovere il territorio. La zona era davvero bella. Intorno tutto era verde, e la vegetazione era ben curata sia dagli addetti comunali che dalle signore anziane che si divertivano a prendersi cura di quelle piante sperimentando nuovi metodi di concimazione magari visti in quel programma mattutino in tivù che tanto amano. Rincasato, salì al piano di sopra dove notò un computer. Era una buona occasione per sapere cos'era un social book. Anche se personalmente ne avrebbe fatto a meno, professionalmente doveva sapere un po' tutto sulle ultime novità.
    <<Vediamo cos'è questo social book. >>
    Il motore di ricerca lo indirizzo subito a tantissimi risultati. Aprì distrattamente il primo, e lesse le prime righe.
    <<Un libro la cui diffusione viene fatta tramite il web grazie all'utilizzo dei Social Network >> Aveva l'aria un po' perplessa.<< Interessante. >>
    Chiuse così quella questione e decise che quella notte sarebbe stato fuori in giardino con un bel bicchiere ghiacciato a godersi quello spettacolo meraviglioso che era il cielo stellato. A Londra non era possibile vedere tutta quella parte di cielo senza essere disturbati da ostacoli visivi. Grattacieli, palazzi e smog rendevano quasi impossibile vedere un pezzo di cielo sereno.
    Rimase lì per un bel po' di tempo, assopendosi parecchie volte su quella comoda sedia sdraio. Passate le due di notte, il suo sonnellino all'aperto venne interrotto dal miagolio di un affascinante gatto che si stava strusciando contro il suo braccio. Svegliatosi, fisso per un paio di secondi il suo orologio, poi, resosi conto dell'ora tarda, non si preoccupò di prendere la sedia sdraio ma corse subito ad infilarsi il suo comodo e confortevole pigiama di flanelle ficcandosi poi nelle estive coperte del letto. Lasciò la finestra aperta in modo che quel venticello estivo gli accarezzasse il viso già sudato. Sarebbe stata una notte davvero rigenerante.
    "Posso misurare il moto dei corpi, ma non l'umana follia" [Isaac Newton]
    Watchlist IMDb

  2. # ADS
     

  3. #2
    Moderatrice Holly
    Donna 32 anni
    Iscrizione: 1/4/2006
    Messaggi: 35,153
    Piaciuto: 10121 volte

    Predefinito

    Canal... taglia e semplifica.
    Ormai non ha senso usare un lessico così difficile, riempire il testo di aggettivi, di termini desueti. E butta un'occhio alla punteggiatura.
    A me sei sembrato più attento a creare una cosa formalmente bella (in realtà è solo difficile da leggere) e anche le immagini sono un po' troppo stereotipate... un detective con l'impermeabile ad agosto, tipo. E alcune volte ti sei proprio distratto XD Nessuno gode di una passeggiata afosa, semmai bestemmia tutti i santi mentre cammina e fa un caldo della miseria e si soffoca per l'afa! E poi, se si crepa di caldo, perché dormire con un pigiama di flanella? XD E' da masochisti XD

    Butta un'occhio a questi dettagli XD
    A Platypus, Canalfeder e Oregon piace questo intervento
    Difficile dire se il mondo in cui viviamo sia una realtà o un sogno.

  4. #3
    Moderatore 2.0 Canalfeder
    Uomo 25 anni da Barletta-Andria-Trani
    Iscrizione: 27/2/2008
    Messaggi: 12,195
    Piaciuto: 2822 volte

    Predefinito

    Grazie @Holly, mi serviva leggere una cosa simile.
    Sui dettagli hai perfettamente ragione ( io credevo che come tessuto la flanella fosse leggero ._.), non ho capito solo dove ho usato un lessico difficile
    "Posso misurare il moto dei corpi, ma non l'umana follia" [Isaac Newton]
    Watchlist IMDb

  5. #4
    Moderatrice Holly
    Donna 32 anni
    Iscrizione: 1/4/2006
    Messaggi: 35,153
    Piaciuto: 10121 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Canalfeder Visualizza il messaggio
    Grazie @Holly, mi serviva leggere una cosa simile.
    Sui dettagli hai perfettamente ragione ( io credevo che come tessuto la flanella fosse leggero ._.), non ho capito solo dove ho usato un lessico difficile

    Il quotidiano che giace, per esempio. O il gatto affascinante.
    Usi troppi aggettivi, sfoltisci XD
    Difficile dire se il mondo in cui viviamo sia una realtà o un sogno.

  6. #5
    Too Many Humans Oregon
    Uomo 30 anni da Venezia
    Iscrizione: 17/10/2006
    Messaggi: 17,171
    Piaciuto: 4930 volte

    Predefinito

    In effetti alcune immagini sono un po' strane ^^ ma non è male. Sei bravo!
    Però come dice Holly usi troppi aggettivi, che secondo me potrebbero anche essere tolti, come estive coperte, affascinante gatto, un piccolo mazzo di chiavi con il quale aprì il piccolo cancello d'ingresso...

Discussioni simili

  1. Alex Baroni - la distanza di un amore
    Da Imagine nel forum Testi musicali
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 15/8/2007, 13:31
  2. Capitolo XXII di un romanzo mai stilato
    Da Sedicesima nel forum Improvvisazione
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 2/4/2007, 20:37
  3. Ritratto di un assassino. Jack lo squartatore caso chiuso.
    Da Aftermath nel forum Cultura, libri e arte
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 27/12/2004, 11:15
  4. Lettera di un grande tifoso
    Da anonimo1 nel forum Sport
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 4/11/2004, 17:06
  5. ho bisogno di un consiglio anch'io
    Da Wesly nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 10/10/2004, 10:58