ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Google+ Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 5 12345 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 50
Like Tree48Mi piace

mattate dei tempi della scuola

  1. #1
    fan di peppa pig scazzula2
    Uomo 27 anni
    Iscrizione: 24/7/2014
    Messaggi: 5,555
    Piaciuto: 1647 volte

    Predefinito mattate dei tempi della scuola

    Viaggi di gruppo
    un giorno qualcuno disse questo

    non aprite nessuna discussione interessante o simpatica per cercare di rendere partecipi tutti quanti, per creare non solo un ambiente divertente ma anche non trash, ma credo che voi siate più portati verso l'ultima
    e allora cerchiamo di rimediare (o almeno proviamo )

    quali sono state le vostre mattate dei tempi della scuola?

    scene buffe... note assurde che avete preso (o che ha preso un vostro compagno)... gite pazze... episodi che vi ricordate con piacere... litigi coi prof... eccetera eccetera
    artemisia
    io ti lovvo
    oh mia bella!

  2. #2
    Temperance
    Donna
    Iscrizione: 15/1/2006
    Messaggi: 28,761
    Piaciuto: 9485 volte

    Predefinito

    Non credo di aver fatto grandi cazzate, a dir la verità. Però lo stesso ero un incubo per metà del corpo docenti, sia alle medie che alle superiori. Per il mio atteggiamento, dicevano. E stranamente sempre alle donne non piacevo, dalle medie fino all'università.


    La mia professoressa di inglese del liceo aveva qualche rotella fuori posto, e si divertiva un sacco a fare figure di merda e a "sfogarsi" con me. La terrorizzavo e ancora adesso non ho idea del perchè. All'incontro scuola-famiglia dell'ultimo anno, non appena vide entrare me e mio padre e metterci in fila, mi additò urlando - da lontano, eh, mica quando era arrivato il nostro turno - "Ecco, guardate come mi sta guardando Romilde in questo momento! Mi guarda sempre così, con quell'aria di sfida e di superiorità, guardatela! E' insopportabile dovete fare qualcosa". Era pazza, non c'erano altre spiegazioni.

    Per il resto mi limitavo a starmene ore in palestra quando faceva lezione una prof che non si accorgeva della tua assenza, a farmi mettere in pagella 1 e 2 dal professore di storia e filosofia perchè era un pervertito, e io col cavolo che andavo a sedermi accanto a lui per farmi interrogare, ah, e a sputtanare il professore di chimica perchè era un beota. Non era colpa sua, però, poverino, era tutta colpa di mio padre, che faceva il bullo con lui al tempo delle medie e ora, avendo la figlia come alunna, se la prendeva con lei.
    Ah, e col professore di fisica avevo capito cosa bastava per prender voti alti: bastava farsi interrogare con uno bravo, aggiungere un sì e un no qua e là dopo che aveva parlato l'altro e poi cancellare quello che l'altro aveva scritto alla lavagna. Trucco scoperto dal mio migliore amico di allora che, però, funzionava solo con me e con lui, con gli altri no u.u

    Una nota carina la presi alle medie: la prof di religione - xD - mi chiese "Sei preparata?", io però capii "Sei stata malata?" e risposi no con troppa enfasi, come se avessi voluto far intendere "ma che, sei scema? No, non son stata malata", lei si incazzò di brutto e scrisse una nota del tipo " Romilde * è stata irrispettosa nei miei confronti quando le ho chiesto se aveva fatto i compiti". Provai anche a spiegarle che avevo capito una cosa per un'altra, ma non ci fu verso!

    Sono sempre stata una brava bambina, io. Non passava sempre questo messaggio ma ero buona u.u"


    Per le gite ho fatto le solite cazzate che fanno tutti. Quello che succede in gita resta in gita, però xD
    La foto della scuola non mi assomiglia più
    Ma i miei difetti sono tutti intatti

  3. #3
    Wowbagger Jo Constantine
    Uomo 30 anni da Roma
    Iscrizione: 29/1/2009
    Messaggi: 31,898
    Piaciuto: 9034 volte

    Predefinito

    Mi ricordo due episodi in particolare.

    1) Secondo anno del liceo scientifico piano nazionale informatico. Maggio. Un caldo maggio.
    Per motivazioni che non sto a spiegare io, e una combriccola di altri 5 soggetti, a Febbraio eravamo già considerati bocciati.
    E per considerati bocciati intendo che non c'era verso, per quanto nelle altre materie raggiungevamo la piena sufficienza (e anche qualcosa in più) nelle materie coordinate dalla coordinatrice di classe (lettere, storia, geografia, latino) non prendevamo più di 5.
    Però noi comunque frequentavamo con discreto impegno, consapevoli però che sforzarsi più di tanto sarebbe stato inutile.
    Ordunque, il fu una calda giornata di Maggio. Avevamo tre ore di latino.
    Gli altri della combriccola decisero di non presentarsi a scuola e andare al mare (che avevamo tipo a 5 minuti di motorino dalla scuola), io invece mi presentai nemmeno ricordo il perché. Mi pare che non mi andava di bucare.
    Faceva un caldo boia, e stavo lì a sentire quella balena con la voce altisonante decantare Cicerone.
    A un certo punto non ho più resistito, e ho chiesto alla prof di andare in bagno.
    Ho raggiunto gli altri. Sono stato un'oretta e mezza e poi sono ritornato in fretta e furia perché era quasi giunto l'intervallo e io dovevo vedermi con una di un'altra classe. Tornai fracico e con le gambe piene di sabbia.
    Rimase sbigottita e io l'unica cosa che riuscii a dire fu "Professore'... Mi sono perso."
    Tre giorni di sospensione xD

    Poi mi ricordo l'esame di stato, in particolare la prova di italiano.
    Era la traccia sulla comunicazione, sul come ci si rapporta con i nuovi media e come è cambiato il modo di comunicare.
    Scrissi un tema a braccio, volgare, pieno di parolacce e prese in giro, come quando scrivo qui.
    Presi il voto massimo, che mi pare fosse 14/14
    E' una cosa che non dimenticherò facilmente u.u

  4. #4
    Il bello. alfio61
    Uomo 24 anni
    Iscrizione: 10/8/2014
    Messaggi: 2,611
    Piaciuto: 1704 volte

    Predefinito

    Ero al secondo anno di liceo, arrivai col pullman un venerdì mattina prestissimo. Facevano già entrare ed entrai sul mio piano che era deserto, non c'erano nemmeno i bidelli e le luci erano spente. Mi metto in classe e mi siedo. Do uno sguardo all'orologio e vedo che mancava ancora parecchio. Mi annoio ma poi mi viene un'idea. la cattedra aveva di fronte dal lato opposto dell'aula un enorme muro bianco.
    Prendo una sedia vicino al muro bianco..mi ci metto in piedi e prendo penna e matita.
    Disegno un ENORME fallo gigante. Non mi limito a disegnarlo e basta. Ci faccio il chiaroscuro..ci metto i particolari. Era veramente una cazzo di opera d'arte (in tutti i sensi). Fatto tutto benissimo, giuro. Ci feci pure la seconda passata..era epico.
    Cominciano a venire i ragazzi e faccio notare loro la cosa..mille risate e io come il coglione che mi vantavo dell'impresa. Facciamo lezione ma i prof non danno peso al disegno nonostante fosse enorme, evidentissimo e fatto coi controcoglioni.
    Dopo qualche giorno durante il compito di Latino la prof girando per i banchi guarda con attenzione il muro e se ne accorge e si incazza. Comincia a fare "Solo uno stupido può fare certi disegni. Non esiste proprio una cosa simile..bisogna proprio essere cretini.".
    La prof non ci poteva pensare..mano mano si incazza e marò...chiama altri prof, il preside, la vicepreside eccetera. La classe stette, per fortuna, dalla mia parte nel senso che nonostante me ne fossi vantato come il coglione non rivelò nulla rischiando una sospensione di classe.
    Rischiai grosso ma...
    so un genio

    un genio del cazzo!


    Ah ne aggiungo un'altra:
    dietro la palestra a scuola c'era un plesso abbandonato dove prima c'erano delle classi ma anni fa. Entriamo io e il mio amico durante l'ora di ginnastica e vediamo tipo 30-40 sedie in un'aula grandissima. Al mio amico viene un'idea e lo assecondo. Disponiamo le sedie a mo' di domino e messo tutto apposto diamo un calcio alla prima sedia:

    TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA-TA

    Cadono tutte..con un rumore allucinante. Tutto filmato: strepitoso.
    A Half shadow e Jamila piace questo intervento

  5. #5
    Pesciolino nell'acquario. Half shadow
    Uomo 30 anni
    Iscrizione: 20/7/2008
    Messaggi: 11,164
    Piaciuto: 815 volte

    Predefinito

    Me ne verranno in mente tante altre, per ora vi racconto questa:

    Quinta superiore, la prof chiama me dopo altri per darmi il compito di inglese. Mi avvicino e me lo fa vedere. Il voto era 4, che io ad inglese avevo sempre preso voti altissimi. E allora casco per terra dalla sorpresa...

    E poi quella volta che a Tecnica di laboratorio in 1a non preparai niente al contrario dei miei compagni, disegnai però un quadrifoglio e quando il prof mi chiese cosa avevo fatto gli risposi "Niente" "Voto 4!" ed io gli feci vedere il quadrifoglio e gli dissi "Ma aspetti, ho il VOTAMULETO (mi ero basato sul MONETAMULETO a Pokémon ) che raddoppia il valore del voto preso, quindi diventa un 8?" e lui sembrò pensarci un attimo ma poi rispose: "No!" Comunque mi salvai perché dopo ci fu un compito scritto facile facile a cui presi 8. XD
    Un forte desiderio può far vincere.

  6. #6
    Ravenclaw Jeggi
    Donna 27 anni
    Iscrizione: 1/11/2011
    Messaggi: 3,707
    Piaciuto: 3054 volte

    Predefinito

    In 5^ superiore, quando c'era la pausa pranzo (perché avevo il pomeriggio, ebbene sì) io e una mia compagna di classe spesso ci scocciavamo a prendere freddo fuori come gli altri che volevano una vita sociale. Quindi stavamo a scuola.
    E facevamo finta di essere in un livello di "Tomb Rider", nascondendoci dietro ai muri o dietro le porte aggirandoci per la scuola.
    Enniente, una volta mi sono infilata tra il muro e la cassettiera, solo che c'era un chiodo che usciva fuori.
    Nessun graffio sul pantalone, il pantacollant sotto era intatto. Ma io mi sono scorticata il ginocchio.
    Happy ending, ho ancora il segno

    Roba da gente matura.




    Oppure in 3^ superiore, quando con un'altra mia compagna di classe ci aggiravamo tra i corridoi, durante l'intervallo, saltellando come caprette felici.
    A distanza di tre anni una ragazza mi ricordava per quella cosa, io manco l'avevo mai vista


    Oppure quando a chimica, sempre in 5^ io e Andro ci siamo messi a recitare a memoria l'inizio dell'Inferno della Divina Commedia.
    Il professore di sostegno era poco distante da noi, a un certo punto ci ha detto di essere vagamente impressionato, però deluso perché avremmo potuto usare quella memoria per chimica lol (avevo la media del 3 in quel periodo...)
    A Echoes piace questo intervento
    Calamità di un guaio sceso nel gelo a gennaio,
    sopra il mio cuore d'acciaio venne la tua calamita.

  7. #7
    Spotless Echoes
    Donna 26 anni da Roma
    Iscrizione: 21/6/2009
    Messaggi: 9,072
    Piaciuto: 2972 volte

    Predefinito

    Oh il liceo, troppe vite fa
    Io ero una tipa abbastanza calma.
    Ma una volta feci una figura di merda pazzesca. C'era sta professoressa di italiano, in secondo superiore, mezza comunista e iper femminista, che mi adorava e mi venerava perchè ai tempi ero una vivailche/poterealledonne/c'holakefia/falceemartello e lo palesavo nei temi che lei ripetutamente leggeva in classe, nella mia classe di fascistoni, prendendosi insulti da parte mia. Insomma mi adorava.
    Una volta però durante una sua lezione, mi metto a cazzeggiare con la mia compagna di banco, prendiamo un foglio e ci scriviamo insulti volgarissimi a vicenda, per far giudicare da un nostro compagno quelli più belli e volgari.
    Ma era proprio roba schifosa, tipo 3, 4 righe per ogni insulto, con in mezzo cazzi, madonne e santi.
    Lei purtroppo sgama il foglio e ci rimane così male che chiama i miei genitori e fa leggere il foglio a mia madre, delusa dal fatto che avessi messo in ridicolo la figura della donna in quel modo
    Vabbè, praticamente mi fece battute per un anno buono, l'aveva presa proprio sul personale xD




    [..e l'aria delle cose diventava irreale]

  8. #8
    ;
    Donna 29 anni da Piacenza
    Iscrizione: 7/1/2006
    Messaggi: 4,591
    Piaciuto: 3606 volte

    Predefinito

    Primo anno di superiori, primissimi giorni di scuola (forse sarà stata la seconda settimana).
    Io e la mia migliore amica decidiamo che siamo stufe di prendere il solito pullman, così ne prendiamo un altro, convintissime che anche quello a fine giro arrivi nella solita piazza. Passiamo tutto il viaggio a ridere e scherzare, spensierate. Man mano che passano le fermate, il pullman si svuota.. fino a quando all'ennesima fermata l'autista ci guarda e ci dice "ragazze, siamo al capolinea, dovete scendere". Panico, scendiamo e non abbiamo idea di dove siamo, pur sapendo di essere nel paese giusto. La mia amica inizia a piangere disperata, i nostri genitori erano a lavoro e non potevamo chiamarli (più che altro per paura della sgridata che ci saremmo potute prendere). Mentre lei era in preda ad un attacco di panico a me viene l'idea geniale di fare l'autostop. Passa una macchina della polizia, si fermano e ci fanno "che succede? perché state facendo l'autostop?", scoppio a piangere pure io mentre tento di dirgli "non sappiamo dove siamo, la scuola inizia".. inutile dire che i due poliziotti già ridevano a crepapelle. Ci hanno tranquillizzate, infilate in macchina e portate DAVANTI a scuola. Ah, e hanno passato tutto il viaggio a ridere e ripetere "le uniche due ragazzine che vogliono arrivare a scuola a tutti i costi!".
    Non abbiamo mai raccontato la verità a nessuno. ma da quel giorno tutti hanno avuto rispetto di noi (a parte alcuni professori, che ci fissavano male ogni volta che ci incontravano nei corridoi) u.u



    ..to be continued..
    A bird doesn't sing because it has an answer, it sings because it has a song.

  9. #9
    Minima Immoralia lunantica
    Donna
    Iscrizione: 17/10/2014
    Messaggi: 1,805
    Piaciuto: 1867 volte

    Predefinito

    Uh...io e la classe mia ne abbiamo fatte diverse. Ad un certo punto un anno ebbi pure un basso voto di condotta, ma più che altro perché ero un po' naif (mai mancato di rispetto a nessuno, questo ci tengo a sottolinearlo perché come comportamento mi è sempre stato in culo).
    Potrei raccontarne molte davvero ma non voglio che qualcuno mi riconosca e davvero alcune sono uniche XD...mi limito quindi alla più semplice.
    Compito in classe, io 16 anni, non avevo studiato nulla, però avevo avuto la genialata di scrivermi non sulle mani/braccia (cosa che facevo regolarmente) o sul classico bigliettino (che ritagliavo ad arte a misura del palmo della mano e rivestivo di scotch sicchè non si sbiadisse/stropicciasse...mica pizzi&fichi! )...quella volta dato che non sapevo NULLA urgeva qualcosa in più, quindi scrissi interi argomenti direttamente su un foglio del quadernone (tanto le risposte al compito in classe le faceva scrivere su fogli di quella misura) che tenni poi non piegato ma direttamente sul banco sotto l'altro ufficiale, che alzavo di tanto in tanto per copiare.
    Il punto è che, sfiga vuole, il prof mi aveva messa tipo in seconda fila! Quindi alza gli occhi, mi becca, viene verso di me, solleva il foglio del compito e ovviamente sotto c'è il mio. Lo prende e mi fa: "e questo cos'è?" Io viola, sgamatissima. Per fortuna la prese bene, se la rideva un po' e mi fa: "beh, per scrivere tutto sto papiro almeno una volta l'hai letta."
    Mi diede 4 lo stesso però. u.u
    A Jeggi e Jack Daniels piace questo intervento
    l'ipocrisia non è lo strumento dell'ipocrita, ma la sua prigione

  10. #10
    Ravenclaw Jeggi
    Donna 27 anni
    Iscrizione: 1/11/2011
    Messaggi: 3,707
    Piaciuto: 3054 volte

    Predefinito

    Una volta (sempre in 5) avevo deciso di non andare a scuola quando ero praticamente arrivata. Così sono passata lì vicino, poi dalla piazza in direzione della biblioteca, dove andavo qusasi ad ogni fuga per leggere un libro in particolare che mi piaceva assai.
    E ovviamente ho beccato la preside che andava verso scuola. Faccia di bronzo ho pure risposto al suo saluto con nonchalance e sono andata lo stesso in biblioteca. Lol
    A Caska piace questo intervento
    Calamità di un guaio sceso nel gelo a gennaio,
    sopra il mio cuore d'acciaio venne la tua calamita.

Pagina 1 di 5 12345 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. come conquistare il + figo della scuola?
    Da elietta nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 64
    Ultimo messaggio: 19/10/2007, 19:57
  2. all' uscita della scuola
    Da G!uL!4 nel forum Figuracce
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 14/1/2007, 14:29
  3. all'uscita della scuola...sbaglio macchina!!!
    Da klara nel forum Figuracce
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 20/10/2006, 22:21
  4. uno della scuola..
    Da Naty nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 18/11/2005, 12:57