ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 27

L'angolo del motorista

  1. #1
    "Etiamsi omnes, ego non" imok
    Uomo 34 anni
    Iscrizione: 1/5/2005
    Messaggi: 16,404
    Piaciuto: 3492 volte

    Predefinito L'angolo del motorista

    mettiamo tutte le domande in un calderone solo, che dite?

    allora, per illuminare un pò lantis, che lo vedo confuso:

    FRIZIONE, questa sconosciuta...


    che cos'è? come funziona? si rompe?


    allora, la frizione è un organo meccanico fine a "staccare" trasmissione (cambio) e motore.

    è posta appunto tra il volano e l'albero principale del cambio (vedi foto)





    la frizione (sinistra) è composta da disco e spingidisco (vi stò sintetizzando un pò il tutto...)

    premendo il pedale della frizione facciamo si che una pompa spinga letteralmente il disco in modo da non farlo aderire al volano e poter così cambiare marcia senza grattare.



    ma come fa a dosare la coppia motrice? semplice, slittando.

    il disco è rivestito da un materiale duro (ferodo, lo stesso delle pasticche freno) e slittando più o meno trasmette più o meno coppia alle ruote.

    ovviamente più velocemente e a lungo slitta, più si consuma.

    in caso di alte potenze la frizione può avere 1/2/3 dischi, ed essere rivestita in rame/ceramica/carboceramica.








    questa era la frizione a secco, cè anche quella a bagno d'olio e centrifuga.

    in auto però, avete questa.

    tutto chiaro?
    "Se gommo tiene io vince gara, se gommo non tiene io come bomba dentro montagna..." (Markku Alèn)

  2. # ADS
     

  3. #2
    Mai più senza FdT lakeofire
    Uomo 36 anni
    Iscrizione: 11/9/2007
    Messaggi: 13,626
    Piaciuto: 66 volte

    Predefinito

    Più o meno

    La frizione è quindi quella segnata?
    E quando si preme si sposta a destra?
    E il volano quale sarebbe? Sono ingorante sulla pratica

    Grazie

  4. #3
    "Etiamsi omnes, ego non" imok
    Uomo 34 anni
    Iscrizione: 1/5/2005
    Messaggi: 16,404
    Piaciuto: 3492 volte

    Predefinito

    allora:

    il volano è un disco metallico col bordo dentato che serve a dare un moto uniforme all'albero motore (albero a gomiti).




    attaccato al volano cè la frizione




    a attaccata alla frizione cè il cambio




    attaccato al cambio ci son le ruote


    più chiaro ora?
    "Se gommo tiene io vince gara, se gommo non tiene io come bomba dentro montagna..." (Markku Alèn)

  5. #4
    Mai più senza FdT lakeofire
    Uomo 36 anni
    Iscrizione: 11/9/2007
    Messaggi: 13,626
    Piaciuto: 66 volte

    Predefinito

    Sì dai
    Quindi tutto il blocco è il cambio
    Ma prima non c'è lo sterzo, il semiasse, ecc... e poi le ruote?

  6. #5
    "Etiamsi omnes, ego non" imok
    Uomo 34 anni
    Iscrizione: 1/5/2005
    Messaggi: 16,404
    Piaciuto: 3492 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da lakeofire Visualizza il messaggio
    Sì dai
    Quindi tutto il blocco è il cambio
    Ma prima non c'è lo sterzo, il semiasse, ecc... e poi le ruote?
    certo, io ho escluso qualche passaggio per rendervi meglio l'idea... se elenco tutti i componenti cè da spararsi -.-
    "Se gommo tiene io vince gara, se gommo non tiene io come bomba dentro montagna..." (Markku Alèn)

  7. #6
    Tyler Durden
    Uomo 33 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito

    sulla frizione c'è da aggiungere che per rifarla ad una macchina di nuova generazione ti conviene far saltare in arias la macchina con la dinamite, prendere il pezzo nuovo e provare a mettere insieme ciò che ne rimane
    trovandosi tra il motore e il cambio è mooooolto poco accessibile

  8. #7
    Tyler Durden
    Uomo 33 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito

    DEBIMETRO

    E' un dispositivo impiegato in molti sistemi di iniezione, in grado di misurare il flusso dell'aria che viene aspirato dal motore (e di fornire l'informazione relativa alla centralina di controllo del sistema di iniezione stesso). I debimetri piu' frequentemente impiegati sono quelli del tipo a "piatto basculante" o ad "aletta fulcrata" (flap). In molti sistemi di iniezione delle ultime generazioni si impiegano misuratori a filo caldo della massa di aria aspirata dal motore. Tali dispositivi forniscono direttamente questa informazione alla centralina senza che quest'ultima sia costretta a fare calcoli di sorta, come avviene invece nel caso dei debimetri di tipo tradizionale, cioe' a piatto o ad aletta. (la quantita' di benzina che deve essere emessa dagli iniettori dipende dalla massa di aria aspirata a non dal volume).

  9. #8
    "Etiamsi omnes, ego non" imok
    Uomo 34 anni
    Iscrizione: 1/5/2005
    Messaggi: 16,404
    Piaciuto: 3492 volte

    Predefinito

    per pulirlo non ti dico le madonne....
    "Se gommo tiene io vince gara, se gommo non tiene io come bomba dentro montagna..." (Markku Alèn)

  10. #9
    Matricola FdT
    Uomo 33 anni da Bergamo
    Iscrizione: 19/5/2008
    Messaggi: 31
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Aggiungo solo che fino a qualche anno fa c'erano auto con la frizione a cavo (al posto della pompa) che a sua volta si distinguevano in cavo autoregistrante e cavo fisso (da registrare a mano, per regolare la corsa del pedale)...

  11. #10
    FdT-dipendente
    Uomo 36 anni da Milano
    Iscrizione: 11/1/2007
    Messaggi: 1,208
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    IL sistema dell'iniezione
    Nel tentativo di limitare le emissioni di gas nocivi e di conformarsi alle leggi sull'inquinamento, il sistema di alimentazione del carburante usato dalle vetture moderne è mutato molto negli anni.
    Negli USA l'ultima automobile a carburatore fu venduta nel 1990 e l'anno dopo lo stesso modello di vettura disponeva di un sistema di alimentazione ad iniezione di carburante.
    In realtà il sistema ad iniezione era gà in giro negli anni 50, e a partire dal 1980 era già stato largamente adottato in Europa fino a diventare lo standard di oggi.
    Questo articolo illustra come il carburante raggiunge i cilindri, cosa significano termini come "iniezione carburante multi-port" e "throttle body fuel injection".
    Vedremo anche il principio base secondo il quale i performance chips (o le rimappature) possano dare più potenza al motore.
    La scomparsa del carburatore
    Il carburatore è stato, per la grande parte della storia del motore a combustione interna, il dispositivo che erogava il carburante al motore, e resta tale in tante altre macchine come tagliaerba e motoseghe.
    Ma nell'evoluzione dell'auto il carburatore divenne sempre più complicato per cercare di gestire i requisiti operativi.
    Per esempio, per gestire qualcuno di questi compiti, i carburatori avevano cinque circuiti:
    circuito principale - provvede abbastanza carburante per la marcia efficiente
    circuito del minimo - provvede abbastanza carburante per tenere il motore al minimo
    pompa dell'acceleratore - provvede un getto addizionale di carburante quando il pedale dell'acceleratore viene premuto per la prima volta, in modo da evitare l'esitazione precedente alla presa di giri del motore
    circuito di arricchimento - provvede carburante addizionale quando si affronta una salita o si tira un rimorchio
    anticipo - provvede carburante addizionale quando il motore ?reddo perch?arta
    Per l'adeguamento a standard per le emissioni più ristrittivi furono introdotti i catalizzatori catalitici.
    Perchè un catalizzatore catalitico sia efficace bisogna controllare molto attentamente la proporzione aria/carburante.
    I sensori dell'ossigeno controllano la quantità di ossigeno nello scappamento e la centralina elettronica (ECU - engine control unit) usa queste informazioni per aggiustare la proporzione aria/carburante in tempo reale.
    Questo è chiamato controllo a ciclo chiuso (closed loop control) e non era fattibile ottenere questo tipo di controllo con un carburatore.
    C'è stato un breve periodo di carburatori controllati elettricamente, prima che i sistemi ad iniezione prendessero piede, ma erano molto più complicati di quelli puramente meccanici.
    Sulle prime i carburatori vennero rimpiazzati da sistemi a iniezione di carburante con corpi farfallati (conosciuti anche come throttle body fuel injection systems oppure single point o anche central fuel injection systems) che incorporavano valvole di iniezione controllate elettricamente nel corpo farfallato. Erano rimpiazzi quasi solo da avvitare al posto del carburatore preesistente, in modo che i costruttori non dovessero applicare modifiche drastiche al progetto dei loro motori.
    Gradualmente, come venivano progettati nuovi motori, i throttle body fuel injection furono rimpiazzati dai sistemi multi-port fuel injection (conosciuti anche come port, multi-point o sistemi ad iniezione sequenziali).
    Questi sistemi offrivano un iniettore per ogni cilindro, di solito posto in modo che spruzzasse direttamente nella valvola di aspirazione. Questi sistemi offrivano un dosaggio molto accurato di carburante e una risposta più veloce.

    Quando tieni giù il pedale
    Il pedale dell'acceleratore è collegato alla valvola a farfalla. La valvola viene chiamata così perchè ha due alette (come il famoso lepidottero), e regola quanta aria entra nel motore: quindi in realtà il "gas" in "dai gas!!!" è proprio l'aria.
    Più premi il pedale dell'acceleratore, più la valvola a farfalla si apre e più aria entra. L' ECU (il computer che controlla tutti i componenti elettronici del motore) "vede" (o sente, come preferisci) la valvola più aperta ed incrementa la proporzione di carburante aspettandosi in "anticipo" più aria in arrivo.
    E' importante aumentare la proporzione di carburante appena la valvola a farfalla si apre, altrimenti quando si preme per la prima volta il pedale dell'acceleratore, potrebbe verificarsi un'esitazione dovuta al fatto che nei cilindri arriverebbe una miscela di aria e non abbastanza carburante.
    Dei sensori controllano la massa di aria che entra nel motore, e anche la quantità di ossigeno nello scarico. L'ECU usa queste informazioni per razionare l'apporto di carburante in modo che la proporzione aria/carburante sia proprio quella giusta.
    L'iniettore
    Un iniettore di carburante non è altro che una valvola controllata elettronicamente. Riceve carburante pressurizzato dalla pompa del carburante ed è fatto per aprirsi e chiudersi molte volte al secondo.
    Quando un iniettore viene attivato una magnete muove un perno che apre la valvola, permettendo al carburante in pressione di venire spruzzato fuori attraverso un piccolo buchino chiamato uggello. Come negli spruzzatori di profumo, l'uggello è progettato per atomizzare il carburante, creando uno spruzzo il più forte possibile in modo che bruci meglio.
    La quantità di carburante fornito al motore è determinato dalla quantità di tempo nel quale l'iniettore rimane aperto.
    Questo intervallo è chiamato pulse width (ampiezza di pulsazione) ed è anch'esso controllato dall'ECU.
    Gli iniettori sono montati sul condotto di aspirazione in modo da spruzzare il carburante direttamente nelle valvole di aspirazione. Un tubo chiamato fuel rail (linea del carburante) fornisce il carburante pressurizzato a tutti gli iniettori.


    Per fornire la quantità corretta di carburante in ogni condizione operativa, L'ECU deve monitorare (controllare) un grande numero di sensori di input (segnali che entrano nell'ECU). Questi sono alcuni dei principali:
    Mass airflow sensor - Sensore della massa d'aria, Dice all'ECU che massa di aria entra nel motore
    Oxygen sensor(s) - Riporta(no) la quantità di ossigeno nello scarico in modo che l'ECU possa determinare quanto ricca o povera sia la miscela aria/carb di carb e possa aggiustarla di conseguenza.
    Throttle position sensor - Il sensore della posizione della valvola a farfalla, riporta la posizione della valvola a farfalla (che determina quanta aria entra nel motore) in modo che l'ECU possa rispondere velocemente ai mutamenti di questa, aumentando o diminuendo la proporzione di carburante come necessario.
    Coolant temperature sensor - Il sensore di temperatura del liquido di raffreddamento, permette all'ECU di determinare quando il motore ha raggiunto la temperatura di esercizio giusta.
    Voltage sensor - Il sensore di voltaggio riporta il voltaggio dell'auto così che l'ECU può alzare il minimo del motore se il voltaggio sta scendendo, il che indica un carico elettrico maggiore (ventola di raffreddamento, luci, stereo acceso?)
    Manifold absolute pressure sensor - il MAP controlla la pressione dell'aria nel condotto di aspirazione. La quantità di aria aspirata nel motore è una buona indicazione di quanta potenza esso stia producendo: più aria entra nel motore, meno pressione nel condotto, questa lettura viene usata per calcolare quanta potenza viene prodotta.
    Engine speed sensor - Riporta la velocità del motore, che sono dei fattori usati per calcolare il pulse width.
    Ci sono due tipi di controllo per i sistemi multi-port: gli iniettori si possono aprire tutti allo stesso tempo, oppure ognuno può aprirsi proprio prima che la valvola di aspirazione di ogni cilindro si apra (questo si chiamata iniezione sequenziale multi-porta o sequential multi-port fuel injection).
    Il vantaggio dell'iniezione del carburante sequenziale è che, se il guidatore varia la marcia all'improvviso, il sistema può rispondere più vocemente perchè al momento in cui il mutamento accade, deve attendere solamente l'apertura della prossima valvola di aspirazione, invece di un giro completo del motore.

    Controlli del motore
    Gli algoritmi di controllo del motore sono abbastanza complicati. Il software deve permettere che l'auto soddisfi i requisiti di emissioni per un centinaio di migliaia di Km o più e quelli relativi ai requisiti di economia del carburante definiti dalle agenzie governative preposte alla salvaguardia dell'ambiente e deve anche proteggere il motore da abusi. E ci sono altre dozzine di requisiti ai quali essere conformi.
    L' ECU, per determinare il pulse width per ogni data condizione operativa, usa una formula e un grande numero di tabelle di consultazione (lookup tables).
    L'equazione sarà una serie di molti fattori moltiplicati per ogni altro.
    Molti di questi fattori provengono dalle tabelle.
    Facciamo un esempio molto semplificato di calcolo dell'ampiezza di impulso (pulse width) di un iniettore.
    In questo esempio la nostra equazione avrà solo tre fattori, un sistema di controllo reale può contenerne centinaia o più
    Ampiezza d'impulso = (Ampiezza d'impulso base) x (Fattore T) x (Fattore O)
    In modo da calcolare l'ampiezza di impulso, l'ECU prima trova l'ampiezza di impulso base in una tabella.
    L'ampiezza di impulso base è una funzione della velocità del motore in giri al minuto (RPM - round per minute) e carico (che può essere calcolato dalla pressione del condotto di aspirazione). Diciamo che il motore giri a 2,000 RPM e che il carico sia 4. Troveremo, all'intersezione di 2000 e 4, il numero 8 che indica 8 millisecondi.


    Nel esempio seguente T e O sono parametri che arrivano dai sensori. Diciamo che T sia la temperatura del liquido di raffreddamento e O il livello di ossigeno. Se la temperatura del liquido di raffreddamento 100 e il livello di ossigeno 0, la tabella di lookup ci dice che il Fattore T = 0.8 e il Fattore O = 1.0.
    a questo punto, poichè sappiamo che l'ampiezza di impulso base è un funzione (dipende) del carico e dai giri, e che
    Ampiezza d'impulso = (Ampiezza d'impulso base) x (Fattore T) x (Fattore O)
    l'ampiezza di impulso globale del nostro esempio sarà
    8 x 0.8 x 1.0 = 6.4 millisecondi
    Da questo semplicissimo esempio potete vedere che il sistema di controllo esegue delle correzioni. Con un parametro O come livello di ossigeno nello scarico, la ricerca di O nella tabella individua il punto nel quale (secondo i progettisti del motore eh?) c'è troppo ossigeno nello scarico, e quindi, l'ECU ridurrà il carburante.
    I sistemi di controllo reali possono avere più di 100 parametri, ognuno con la sua tabella. Qualche parametro addirittura cambia nel tempo per compensare i mutamenti di prestazione di componenti del motore come il catalizzatore, ed esistono centraline adattative che immagazinano dati via via che il motore gira in differenti situazioni. In ogni caso, a seconda della velocità del motore, l'ECU deve fare questi calcoli anche centinaia di volte al secondo... beh, dopotutto un computer quello fa!
    Performance Chips e rimappature
    Questo porta il discorso sui chip prestazionali o rimappature. Ora che è un po' più chiaro come funzionano gli algoritmi di controllo nell'ECU, possiamo capire cosa fanno i costruttori di chip o i rimappatori per ottenere più potenza da un motore.
    I chip prestazionali, o le modifiche a quelli esistenti, sono prodotti da società di aftermarket, e sono usati per aumentare le prestazioni del motore.
    Le tabelle nel chip conterranno valori che risultano in quantità maggiori di carburante durante certe condizioni di guida.
    Per esempio, potrebbero fornire più carburante a pieno gas per ogni velocità del motore. Potrebbero anche mutare la temporizzazione delle candele (c'è una tabella anche per quella).
    Poichè produttori e rimappatori di chip, a differenza dei costruttori, non sono preoccupati con gli aspetti di affidabilità , chilometraggio e controllo delle emissioni, o almeno non lo sono così tanto, usano una configurazione più aggressiva nella mappatura di carburante dei loro chip o nelle loro modifiche.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. L'angolo del chimico
    Da Sedobren Gocce nel forum Scienza e natura
    Risposte: 1078
    Ultimo messaggio: 5/10/2016, 22:30
  2. L'angolo del fonico
    Da Tyler Durden nel forum Multimedia e tecnologia
    Risposte: 484
    Ultimo messaggio: 15/1/2012, 10:32
  3. L'angolo del jazz
    Da vedalken nel forum Musica
    Risposte: 128
    Ultimo messaggio: 3/4/2009, 14:26
  4. L'angolo biologico
    Da Killuminato nel forum Scienza e natura
    Risposte: 44
    Ultimo messaggio: 25/7/2008, 16:44
  5. l'angolo del reggae!
    Da pikkiodread nel forum Musica
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 28/4/2008, 14:16