ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 19

La mia situazione

  1. #1
    Matricola FdT
    Uomo 35 anni da Roma
    Iscrizione: 5/10/2010
    Messaggi: 13
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito La mia situazione

    Non sono mai stato facile alle paranoie. La mia vita finora l'ho sempre portata avanti con estrema coerenza e logicità. Tranne l'ultimo mese.

    Ho iniziato a svegliarmi di notte, al massimo tre ore dopo aver preso sonno per la prima volta. Mi alzo, mi accendo una sigaretta, e mi metto a lavoro.
    Leggo, scrivo, faccio quello di cui in genere mi occupo durante la giornata.
    Prima di prendere sonno continuo a pensare a quello che devo fare il giorno dopo, a un progetto, a un'immagine evocativa e interessante.

    In genere vado a letto all'una. E mi sveglio quindi alle quattro. Questa attività pre-giornaliera dura fino all'alba. Poi inizio a vivere quello che ha da offirmi la mia giornata.
    Tre ore a notte sono pochissime. Noto inoltre che il mio sonno non è mai profondo. E' un riposo che non permette mai al cervello di riposarsi totalmente.

    Per adesso ho eliminato dalla mia giornata il caffè. Ho ridotto drasticamente il numero di sigarette e cerco in tutti i modi di recuperare i miei momenti di sonno/veglia con la giusta armonia che meriterebbero.
    Però non ci riesco. Di giorno sono spesso nervoso. Le ore di sonno mi mancano, ma poi di notte non riesco a soddisfarle.

    Sono da capo a dodici.


  2. # ADS
     

  3. #2
    Yuki Kate
    Donna 27 anni da Caserta
    Iscrizione: 24/3/2006
    Messaggi: 1,974
    Piaciuto: 76 volte

    Predefinito

    Libera la mente da tutti i tuoi pensieri negativi.
    imbottendoti di caffè e sigarette di certo non risolvi il problema.
    Cerca di parlarne con qualcuno, di sfogarti verbalmente, di alleggerire la tua mente.
    Vedi che passa tutto e farai sonni tranquilli.

  4. #3
    Matricola FdT
    Uomo 35 anni da Roma
    Iscrizione: 5/10/2010
    Messaggi: 13
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Ciao, grazie per la risposta e per aver posto attenzione al mio problema.

    Però forse non hai letto bene: in questo momento il caffè l'ho eliminato del tutto e fumo si e no dieci sigarette al giorno. Il problema però rimane.

    I miei pensieri non sono negativi. Sono pensieri. La mia mente vola, si libra nell'aere del pensiero astratto e non ne esce. Non è una scelta o un problema pratico che mi inchioda. E' una sorta di istinto, qualcosa di non facilmente esplicabile a parole.

  5. #4
    Matricola FdT
    Uomo 29 anni
    Iscrizione: 8/9/2010
    Messaggi: 1
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    tranquì
    Ultima modifica di Raffaele,Raffaele; 5/10/2010 alle 23:06

  6. #5
    Matricola FdT
    Uomo 35 anni da Roma
    Iscrizione: 5/10/2010
    Messaggi: 13
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Per Raffaele

    Senza offesa, ma mi sembra un po' effimera e non molto evoluta come soluzione. Non prendertela.

  7. #6
    Ghajarya Annie Lennox
    Donna 144 anni
    Iscrizione: 20/9/2010
    Messaggi: 17,421
    Piaciuto: 7509 volte

    Predefinito

    Guarda a me capitava una cosa simile quest'estate. Mi addormentavo sempre verso l'una, massimo 1.30 perchè a quell'ora staccavo da lavoro. La mattina seguente dovevo svegliarmi alle 07.00 per attaccare di nuovo a lavoro. Spesso e volentieri, nel mese di agosto sempre, anche durante il riposino pomeridiano, mi capitava di svegliarmi con il pensiero di dover andare a lavoro, quindi non riposavo bene. Il mio sonno era leggerissimo, infatti capitava che sentivo mio padre russare al piano di sotto e mi svegliavo. Sentivo rientrare il mio vicino di casa e mi svegliavo. Poi, nell'ultimo periodo mi capitò di avere il respiro affannoso, come se non riuscissi bene a prendere aria e facessi altrettanta fatica a tirarla fuori. Insomma, mi svegliavo e non dormivo più, a quel punto cominciavo a leggere un libro che avevo sul comodino e pian piano riuscivo a riaddormentarmi per poi svegliarmi al minimo rumore o alla minima sensazione di assenza di aria. A quel punto ho parlato con mia cugina che è psicologa e mi ha detto che era solo un po' di stress. Ha detto: "Rilassati e svuota la mente". Se, come no. Sembra facile. Mi rilassavo, svuotavo la mente ma nulla, sempre la stessa storia. Allora ho comprato della valeriana..ne ho presa una pasticchetta da 45 mg ma ero più sveglia di prima, ne ho prese due e ma la situazione era simile. Insomma per fartela breve sono arrivata a prenderne 3 a sera perchè avevo bisogno di dormire e il fatto stesso di non riuscirci mi metteva ansia. Mia madre ha parlato con il suo medico curante e voleva darmi degli ansiolitici, ma io non li ho voluti.
    Passato il periodo stressante piano piano è tornato tutto alla normalità...nel giro di un mese non prendo più valeriana e dormo beata...al massimo la sera mi faccio una camomilla o quando proprio vedo che non mi vien sonno verso l'una, come ora, mi faccio un bagno caldo o guardo qualcosa che mi rilassa a volume basso.
    E' solo un periodo, fidati. Io pensavo di non uscirne più, invece l'ho fatto senza nemmeno rendermene conto, ma devi pensar meno al lavoro e più a te stesso

  8. #7
    Bambolina_dolce (non attivo)
    Reginetta Sexy

    Predefinito

    Anke io ultimamente vado a dormire tardi, anke se stò senza fare niente non mi viene sonno, se vado al letto non faccio altro ke pensare a quest'ultimo periodo, all'ansia ke mi assale, ai problemi...devi convincere te stesso a restare calmo e tranquillo come faccio io, pian piano passerà, dobbiamo essere forti.
    Non dormire non può farci altro ke male, e poi escono le rughe a ki nn dorme bene ed io nn le voglio, a te piacciono?Ci fanno + brutti u.u

  9. #8
    FdT-dipendente martaa!!
    Donna 33 anni da Reggio Emilia
    Iscrizione: 28/10/2009
    Messaggi: 1,147
    Piaciuto: 29 volte

    Predefinito

    può sembrare una cazzata, però beviti una camomilla calda, fai dei bei respiri prima di dormire, rilassati e pensa solo a cose positive. con me ha funzionato!! dormivo anche io 3 ore a notte ora ne dormo almeno 10..........

  10. #9
    Vivo su FdT Rocknrolf
    Uomo 34 anni da Milano
    Iscrizione: 29/9/2010
    Messaggi: 3,828
    Piaciuto: 1357 volte

    Predefinito

    Io ho sofferto di insonnia per un mese, sono arrivato quasi a confondere la notte e il giorno, stavo tutta la notte sveglio poi verso le 15-16 crollavo e mi svegliavo verso le 21 convinto che fosse mattina, non hai idea di quanto fosse pesante fisicamente e mentalmente. Una cosa che mi ha aiutato tanto è stata quella di andare a farmi una corsa prima di andare a letto, correvo fino allo sfinimento, dopo una bella doccia crollavo a letto e facevo di quelle dormite splendide. Non so se tu abbia questa possibilità ma con me ha funzionato alla stragrandissima.

  11. #10
    Matricola FdT
    Uomo 35 anni da Roma
    Iscrizione: 5/10/2010
    Messaggi: 13
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Annie Lennox Visualizza il messaggio
    Guarda a me capitava una cosa simile quest'estate. Mi addormentavo sempre verso l'una, massimo 1.30 perchè a quell'ora staccavo da lavoro. La mattina seguente dovevo svegliarmi alle 07.00 per attaccare di nuovo a lavoro. Spesso e volentieri, nel mese di agosto sempre, anche durante il riposino pomeridiano, mi capitava di svegliarmi con il pensiero di dover andare a lavoro, quindi non riposavo bene. Il mio sonno era leggerissimo, infatti capitava che sentivo mio padre russare al piano di sotto e mi svegliavo. Sentivo rientrare il mio vicino di casa e mi svegliavo. Poi, nell'ultimo periodo mi capitò di avere il respiro affannoso, come se non riuscissi bene a prendere aria e facessi altrettanta fatica a tirarla fuori. Insomma, mi svegliavo e non dormivo più, a quel punto cominciavo a leggere un libro che avevo sul comodino e pian piano riuscivo a riaddormentarmi per poi svegliarmi al minimo rumore o alla minima sensazione di assenza di aria. A quel punto ho parlato con mia cugina che è psicologa e mi ha detto che era solo un po' di stress. Ha detto: "Rilassati e svuota la mente". Se, come no. Sembra facile. Mi rilassavo, svuotavo la mente ma nulla, sempre la stessa storia. Allora ho comprato della valeriana..ne ho presa una pasticchetta da 45 mg ma ero più sveglia di prima, ne ho prese due e ma la situazione era simile. Insomma per fartela breve sono arrivata a prenderne 3 a sera perchè avevo bisogno di dormire e il fatto stesso di non riuscirci mi metteva ansia. Mia madre ha parlato con il suo medico curante e voleva darmi degli ansiolitici, ma io non li ho voluti.
    Passato il periodo stressante piano piano è tornato tutto alla normalità...nel giro di un mese non prendo più valeriana e dormo beata...al massimo la sera mi faccio una camomilla o quando proprio vedo che non mi vien sonno verso l'una, come ora, mi faccio un bagno caldo o guardo qualcosa che mi rilassa a volume basso.
    E' solo un periodo, fidati. Io pensavo di non uscirne più, invece l'ho fatto senza nemmeno rendermene conto, ma devi pensar meno al lavoro e più a te stesso
    Ti ringrazio molto per la risposta.

    Devo dire che per quanto mi riguarda non è tanto facile scindere me stesso dalla mia occupazione. Il lavoro che faccio è per me massima sublimazione del mio io interiore, mi coinvolge e mi lascia poco tempo per altro. Immerso in questa situazione, mi capita di rimanere a pensare a questa attività con grande entusiasmo, molto eccitato e stracolmo di "adrenalina psichica", se mi è concesso il semplicistico neologismo.

    La valeriana, così come le altre erbe, tali passiflora, biancospino et similia, possono aiutare a distendere i nervi ma per il problema insonnia risolvono veramente poco. Anche la melatonina ha scarsi risultati.

    Un anno e mezzo fa stavo passando un periodo molto brutto e ho preso degli psicofarmaci per dormire. Appena ho potuto però ho interrotto.
    Sono perfettamente d'accordo con te e ritengo che siano nocivi, davvero perniciosi. Non stimo la psichiatria e lo trovo un modo per abbassare la testa e cercare di nascondere i veri e reali problemi.
    Oggi, a meno che non mi capitasse di rivevere l'incubo della primavera 2009, mai farei uso di tali farmaci.
    Cerco di rilassarmi quanto posso, combattere la solitudine dei pensieri roteanti e senza fine ma finora mi trovo a dormire sempre meno.

    Stamattina mi sono alzato alle cinque, sono uscito, ho preso il giornale e fatto colazione, poi sono rientrato ed ero stanco, ma del sonno non c'era ombra. Ho lavorato tutta la mattina, nel pomeriggio ho ascoltato radio e letto un libro ma non riesco a fare nessun riposo. Non so per quanto tempo continuerà questa situazione.

    Mi fa piacere comunque aver trovato un utente come Annie Lennox che ha vissuto nel recente passato qualcosa di simile a questa mia attuale esperienza. Adesso quante ore riposi in media ogni giorno?

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. La mia situazione
    Da Pelly nel forum Il confessionale
    Risposte: 62
    Ultimo messaggio: 7/3/2009, 19:39
  2. Situazione
    Da anDr1 nel forum Sondaggi
    Risposte: 33
    Ultimo messaggio: 13/11/2008, 21:52
  3. Che situazione di m...
    Da Deryn_Sharp nel forum Il confessionale
    Risposte: 25
    Ultimo messaggio: 22/3/2008, 22:55
  4. Ke situazione.....
    Da Robert@ nel forum Problemi sessuali e di coppia
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 12/3/2008, 12:53
  5. che situazione!!!
    Da jentina nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 19/7/2007, 14:50