ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 9 su 9

"Io non pago"

  1. #1
    FdT svezzato
    Uomo 39 anni da Salerno
    Iscrizione: 22/6/2007
    Messaggi: 282
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito "Io non pago"

    "Chi non si è mai chiesto se la multa che ha ricevuto è giusta? Se e come sia possibile contestarla? Come fare per recuperare i punti-patente persi? A questi e a numerosi altri interrogativi risponde Emilio Ponticiello, avvocato che vanta il 99 per cento di successi nell'ambito della difesa di automobilisti e motociclisti ingiustamente sanzionati. Questo manuale spiega, passo dopo passo, cosa fare quando si riceve una multa, quali sono i motivi di impugnazione e come scrivere un atto di opposizione: in pochissimo tempo e con una spesa minima, il lettore potrà preparare da solo ogni ricorso."




    Edito da Fazi,Prezzo 10,12 euro.



    Davvero molto utile

  2. # ADS
     

  3. #2
    MisterNO
    Ospite

    Predefinito

    Ecco cosa mi piace un siuggerimeto costruttivo ed intelligente !
    Bravissimo!

  4. #3
    Nerd Master
    Uomo 48 anni
    Iscrizione: 22/12/2008
    Messaggi: 2,317
    Piaciuto: 5 volte

    Predefinito

    figata

  5. #4
    obo
    .
    35 anni
    Iscrizione: 23/9/2005
    Messaggi: 35,505
    Piaciuto: 122 volte

    Predefinito

    il nostro governo ci vuole bene in termini di multe...
    Ricorso contro le multe? Da oggi si paga


    Volete contestare una multa ricevuta per mancato rispetto del divieto di sosta? Preparatevi a pagare. Fare ricorso al giudice di pace, dopo l’approvazione a dicembre di un emendamento alla legge finanziaria, costa dall’inizio dell’anno dai 30 ai 70 euro, marche da bollo escluse. Fino a ieri era gratis, ora non lo sarà più. Risultato? Anche se un verbale o un atto di accertamento dovesse rivelarsi palesemente illegittimo, il cittadino dovrà sborsare di tasca propria i soldi per dimostrare di aver ragione.

    «Resta, invece, la possibilità di rivolgersi a costo zero al prefetto – spiega il presidente di Adiconsum, Paolo Landi – col rischio però di dover pagare il doppio della sanzione comminata se verrà dimostrato che chi ha fatto ricorso aveva torto». Nello specifico, se la multa non supera i 1.100 euro il contributo unificato (così viene chiamato in Finanziaria) ammonterà a 30 euro (più 8 euro di marche da bollo) mentre per le sanzioni più alte, si pagheranno 70 euro. L’obiettivo del legislatore è stato quello di ridurre al massimo il numero di procedimenti che grava sulle spalle dei giudici di pace, sui quali ogni anno, per quel che riguarda l’opposizione alle sanzioni amministrative, pesa circa un milione e mezzo di procedimenti. I diretti interessati, però, non sembrano entusiasti del provvedimento.

    Si tratta di «un’imposta improvvida che scoraggerà la richiesta di giustizia – ha osservato il presidente dell’Unione nazionale dei giudici di pace, Gabriele Longo –. Renderà più difficile la giustizia minore per i cittadini comuni e sarà un danno per la finanza locale». In che senso? «La tassa – spiega – viene pagata allo Stato. Visto che il 70 per cento dei ricorsi vengono vinti dal ricorrente, le spese di giudizio saranno a carico di chi ha emesso il verbale e quindi, nel caso delle multe fatte dai vigili urbani, saranno i Comuni a pagare. È una forma di traslazione dalla finanza statale a quella locale. Un po’ come è avvenuto con l’Ici». Lo scenario più probabile a questo punto è il crollo dei ricorsi per questioni di tipo amministrativo, anche se le associazioni dei consumatori temono un ulteriore giro di vite per i cittadini che intendono far valere le proprie ragioni sul piano amministrativo.

    «In Parlamento è in discussione un altro provvedimento – spiega Landi – che prevede per tutti i casi di contenzioso aperti in materia di assicurazioni, finanza, condomini e salute, il passaggio obbligatorio, per chi voglia far ricorso, agli organismi della conciliazione privata. Solo dopo si passerà eventualmente al giudice di pace. È evidente che, se dovesse essere approvato un progetto del genere, ci troveremmo di fronte all’introduzione di nuovi elementi nella direzione della giustizia privata». E se il governo potrebbe in questo modo mettere fine al rischio abuso nei ricorsi da parte dei cittadini, i giudici di pace pongono altri rilievi. «Già oggi – spiega Longo – i ricorsi non vengono più presentati dal singolo cittadino ma da un suo legale di fiducia». C’è il rischio che la consulenza di un avvocato, in futuro, sarà sempre più necessaria.
    Avvenire

  6. #5
    SS-Hauptsturmführer Wittmann
    Uomo 41 anni da Reggio Emilia
    Iscrizione: 21/12/2007
    Messaggi: 5,371
    Piaciuto: 799 volte

    Predefinito

    Per la verità in questo sono abbastanza d'accordo.
    Gli uffici dei giudici di pace sono completamente intasati e ingolfati a causa di milioni (letteralmente) di ricorsi contro sanzioni amministrative, in buona parte infondati, con motivazioni giuridicamente inesistenti o addirittura comiche ("andavo di fretta perchè stava chiudendo il negozio e dovevo far la spesa", "sono un agente e dovevo passare da 5 clienti in una mattinata", "non avevo monetine per pagare il tassametro", ecc.).
    Purtroppo anche per tutti quei ricorsi deve essere fatta un'udienza, convocato un vigile, tenuto occupato il giudice, fatto un fascicolo d'ufficio, emesso un provvedimento, ecc.
    Così chi li faceva per sport magari smette o quantomeno contribuisce alle spese del procedimento.
    L'appunto che la tassa verrebbe pagata dallo stato (??) non lo capisco, le spese del procedimento nel 99% dei casi vengono comunque compensate (ovvero, ognuno paga le proprie).
    Per il singolo che si trova nella vita a fare un ricordo davvero fondato (quante volte capiterà? 1? 2?) l'esborso è tutto sommato poca cosa; su larga scala invece (centinaia di migliaia l'anno x 30€) fanno un piccolo gruzzoletto, che se venissere reinvestito direttamente nel settore giustizia farebbe solo bene.

    Per quanto riguarda il libro...simpatico.
    Non so quanto possa essere utile realmente o quanto invece farà aumentare il numero di ricorso, con quelli che butteran li 2 cacchiate sul facsimile e via..Mah.
    Comunque classica mentalità italiana...se si prende la multa il primo pensiero è quello di "far ricorso" o chiedere all'amico avvocato "se può far qualcosa", quella di aver torto è l'ultima idea che passa per la testa..

  7. #6
    Tyler Durden
    Uomo 36 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,094
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito

    va bene pagare di più se si dimostra che hai torto, ma se hai ragione è un'ASSURDITA' bella e buona.
    se prendi una multa completamente ingiusta alla peggio dovrai pagare la contestazione, è assurdo..
    è facile, le regole dei giochi di società dovrebbero suggerirlo.. la multa è di 100 euro.. contesti?
    se hai ragione non paghi NULLA
    se hai torto ne paghi 150

    certe cose dovremmo farcele insegnare dai bambini delle elementari

  8. #7
    SS-Hauptsturmführer Wittmann
    Uomo 41 anni da Reggio Emilia
    Iscrizione: 21/12/2007
    Messaggi: 5,371
    Piaciuto: 799 volte

    Predefinito

    Se hai ragione e vinci in teoria anche ora potrebbero (anzi dovrebbero) liquidarti le spese del procedimento, con il contributo unificato da 30€ basta che nella liquidazione favorevole ci mettano anche lui e quindi per il cittadino ingiustamento sanzionato che fa ricorso e vince non dovrebbe cambiare nulla.
    Nella prassi invece vengono quasi sempre compensate, sia che si vinca sia che si perda; così chi rompe con il suo ridicolo ricorso, ha torto e perde, ora fa tutto gratis, così almeno ci rimette anche 30€.
    Se funziona ed evita che un po' di gente faccia dei ricorsi alla caxxodicane, cosa che oggi avviene regolarmente proprio non costando nulla (uno pensa: intanto faccio ricorso, casomai mi va bene, se no amen), ci guadagnano tutti.
    Lo vedo come una sorta di minirisarcimento al sistema misto a ticket anti-rompipalle.

  9. #8
    MisterNO
    Ospite

    Predefinito

    Wittmann ..Ma ne sai una più del diavolo ....
    Ottima interpretatio legis .....magistrale !

  10. #9
    SS-Hauptsturmführer Wittmann
    Uomo 41 anni da Reggio Emilia
    Iscrizione: 21/12/2007
    Messaggi: 5,371
    Piaciuto: 799 volte

    Predefinito

    hiih troppo gentile!

Discussioni simili

  1. Risposte: 27
    Ultimo messaggio: 21/12/2008, 12:48
  2. "Oggi" Voglio Vivere Nella "Mia" Ignoranza.
    Da SoloxTe nel forum Il confessionale
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 17/9/2008, 3:00
  3. CANZONE "RIFLESSIVA" SULLA "DOPPIA PERSONALITA"
    Da CONFE 89 nel forum Il confessionale
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 2/11/2007, 13:47
  4. il ragazzo "allegro" e la "brava bambina"
    Da UriGeller nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 12/11/2006, 12:09