ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Visualizzazione risultati da 11 a 19 su 19

Stesura racconti o novelle- angolo tecnico

  1. #11
    FdT-dipendente
    Uomo 34 anni da Roma
    Iscrizione: 13/4/2006
    Messaggi: 1,814
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da grimmy
    Se non ricordo male De Carlo ha scritto qualcosa così, forse Uccelli da Gabbia e da voliera (che mi ha snervato anche per questo motivo).
    Di Bret Easton ellis sto leggendo racconti, ma secondo me ha scritto qualche romanzo sullo stesso genere (nei racconti che ho letto tratta di Loa Angeles negli anni 80, il presente è moolto funzionale all'alienazione dei personaggi)
    Poi c'è Isabella Santacroce, in Zoo alterna i tempi. Soprattutto, quando ricorda, ricorda al presente. E questa cosa l'ho trovata fantastica (assimilandola, ma non diteglielo ^^)
    Poi non me ne vengono altri in mente...
    Grazie Monima!!

    Vado subito a prendermi quello di De Carlo e cerco di far uscrire fuori qualcosa di Easton che dovrei averla nei cartoni...anche se non me lo ricordavo proprio usasse il presente!



    Per quello della Santacroce aspetto che mi sa che superava la gia dorata soglia dei 14,80...grazie ancora!

  2. # ADS
     

  3. #12
    Overdose da FdT
    33 anni
    Iscrizione: 1/10/2004
    Messaggi: 5,020
    Piaciuto: 2 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da chaoz
    Sai cosa, non è tutto dialogato ma è proprio il "dialogo" in generale che volevo sottolineare. Il dialogo si con gli altri, ma anche quello "con se stessi".
    Solo che il tutto sembra avere l'effetto contrario...la parte introspettiva diventa inevitabilmente più povera per esigenze "estetiche", non so se sono stato sufficentemente chiaro.
    il fatto è che dialogare con se stessi presuppone
    - o l'istantaneità del pensiero, e quindi il caos più completo;
    - o la produzione di riflessioni, che avviene su qualcosa sucesso in passto.

    Credo che il dialogo con se stessi che mantenga una certa coerenza sia impossibile.

  4. #13
    FdT-dipendente
    Uomo 34 anni da Roma
    Iscrizione: 13/4/2006
    Messaggi: 1,814
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da grimmy

    il fatto è che dialogare con se stessi presuppone
    - o l'istantaneità del pensiero, e quindi il caos più completo;
    - o la produzione di riflessioni, che avviene su qualcosa sucesso in passto.

    Credo che il dialogo con se stessi che mantenga una certa coerenza sia impossibile.
    Il punto più critico per me è il primo: l'istantaneità del pensiero.

    è proprio quella che volevo analizzare!

    L'idea era proprio quella di squadernare il pensiero istantaneo! mitigarne la volatilità!

    Ma credo proprio che il risultato non renda...e sopratutto, risulta incongruo ad ogni tipo di contesto...tutto il contrario di quello che deve essere!

  5. #14
    Dio Il Lupo
    34 anni
    Iscrizione: 15/5/2006
    Messaggi: 7,232
    Piaciuto: 93 volte

    Predefinito

    Beh, l'istantaneità del pensiero è interessante eh. Ma, a ragione, è forse uno degli ultimi traguardi a cui giunge un aspirante scrittore.

    La tecnica che rende meglio lo squadernamento, è quella futurista.

    Se ti interessa proprio questo punto.
    Leggi qualche esercizio di Govoni.
    Di Rebora.
    O dello stesso marinetti.

    Le chiamano "parole in libertà". Secondo me un po' troppo caotico (per quanto riguarda il mio modo di scrivere) , ma essenziale ed efficace, per una sceneggiatura(se è di sceneggiatura che vuoi fare le tue parole).

  6. #15
    Moderatrice Holly
    Donna 31 anni
    Iscrizione: 1/4/2006
    Messaggi: 35,153
    Piaciuto: 10119 volte

    Predefinito

    parlando soggettivamente, l'uso del presente non mi piace per niente.

    trovo più elegante il passato remoto.
    Difficile dire se il mondo in cui viviamo sia una realtà o un sogno.

  7. #16
    FdT-dipendente
    Uomo 34 anni da Roma
    Iscrizione: 13/4/2006
    Messaggi: 1,814
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Il lupo
    Beh, l'istantaneità del pensiero è interessante eh. Ma, a ragione, è forse uno degli ultimi traguardi a cui giunge un aspirante scrittore.

    La tecnica che rende meglio lo squadernamento, è quella futurista.

    Se ti interessa proprio questo punto.
    Leggi qualche esercizio di Govoni.
    Di Rebora.
    O dello stesso marinetti.

    Le chiamano "parole in libertà". Secondo me un po' troppo caotico (per quanto riguarda il mio modo di scrivere) , ma essenziale ed efficace, per una sceneggiatura(se è di sceneggiatura che vuoi fare le tue parole).
    Giuro che non è per una sceneggiatura! ( *inciso* per conoscere e comprendere: per chi fosse interessato alla serie, esiste uno spin-off forumingio in cui io e il lupo, durante l'Apocalisse, mentre il cielo di Roma si scioglie e ci gocciola in testa, parliamo di quanto sia amabile il processo che porta alla stesura di una sceneggiatura. Una gran bella puntata quella.)

    Comunque mi trovi d'accordo carissimo, anch'io credo che la soluzione sia la più semplice: è semplicemente, troppo difficile per un semplice amante della lettura come me.

    Mi daresti però qualche titolo?! specialmennte del Govoni...perché io sono andato alla Feltrinelli a stressaree gli addetti ieri, ma sono uscite fuori solo poesie...saggi o similari, niente.

  8. #17
    FdT-dipendente
    Uomo 34 anni da Roma
    Iscrizione: 13/4/2006
    Messaggi: 1,814
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito

    Ah! ho iniziato a leggere quello di De Carlo!

    è ubriacante!

  9. #18
    Overdose da FdT
    33 anni
    Iscrizione: 1/10/2004
    Messaggi: 5,020
    Piaciuto: 2 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da chaoz
    Ah! ho iniziato a leggere quello di De Carlo!

    è ubriacante!
    è odioso

  10. #19
    Dio Il Lupo
    34 anni
    Iscrizione: 15/5/2006
    Messaggi: 7,232
    Piaciuto: 93 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da chaoz
    Giuro che non è per una sceneggiatura! ( *inciso* per conoscere e comprendere: per chi fosse interessato alla serie, esiste uno spin-off forumingio in cui io e il lupo, durante l'Apocalisse, mentre il cielo di Roma si scioglie e ci gocciola in testa, parliamo di quanto sia amabile il processo che porta alla stesura di una sceneggiatura. Una gran bella puntata quella.)

    Comunque mi trovi d'accordo carissimo, anch'io credo che la soluzione sia la più semplice: è semplicemente, troppo difficile per un semplice amante della lettura come me.

    Mi daresti però qualche titolo?! specialmennte del Govoni...perché io sono andato alla Feltrinelli a stressaree gli addetti ieri, ma sono uscite fuori solo poesie...saggi o similari, niente.
    Beh Govoni non scrive testi o racconti medio lunghi. Io ti parlavo proprio delle poesie. ottimo esempio del cos interiore reso in inchiostro.

    altrimenti il codice di perelà di palazzeschi. ed altri suoi scritti di gioventù.

    o "le revolverate" di Rebora. Sempre poesie, ma (c.s.) Rende benissimo il pensiero libero, sciolto, e caotico.


Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni simili

  1. Racconti erotici
    Da fashion! nel forum Cultura, libri e arte
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 7/4/2010, 9:40
  2. Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 8/10/2007, 17:30
  3. Goro Miyazaki: racconti di terramare
    Da chaoz nel forum Cinema e televisione
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 29/4/2007, 14:41
  4. Dopo angolo cold, angolo acuto, angolo ottuso..
    Da Guru's Way nel forum Off Topic
    Risposte: 24
    Ultimo messaggio: 10/12/2006, 23:57
  5. Racconti di Hardy girl
    Da Hardy girl nel forum Improvvisazione
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 24/9/2006, 21:53