ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 49 di 49 PrimaPrima ... 394546474849
Visualizzazione risultati da 481 a 485 su 485

L'angolo del fonico

  1. #481
    Tyler Durden
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito

    cenni a caso sui livelli di ingresso/uscita di un sistema con annesso sfatamento di miti da bar.



    allora.. un sistema è composto da dispositivi.. generalmente ogni dispositivo ha un ingresso e un'uscita.

    pensiamo ad esempio alle sorgenti:

    il microfono ha:
    INPUT->onde sonore che muovono una membrana
    OUTPUT->segnale elettrico

    un lettore cd ha:
    INPUT->dati digitali scritti sul cd
    OUTPUT -> segnale elettrico
    [...]

    i processori di segnale:

    un equalizzatore ha:
    INPUT->segnale proveniente da un altro dispositivo
    OUTPUT->segnale equalizzato

    un finale di potenza ha:
    INPUT->segnale proveniente da un altro dispositivo
    OUTPUT->segnale amplificato

    un mixer ha:
    INPUT->una serie di segnali provenienti da altri dispositivi
    OUTPUT->segnali convogliati, equalizzati e miscelati su una o più uscite
    [...]

    il PA:

    un diffusore acustico ha:
    INPUT->segnale proveniente da un finale di potenza
    OUTPUT->onde sonore emesse dalla vibrazione della membrana della stessa tramite il driver.

    così per i subwoofer, le cuffie e via discorrendo.


    ora.. questa è una cosa che accomuna praticamente tutti i dispositivi di un sistema.. per fare una distizione è necessario parlare di livelli di volume.
    per farlo prima dobbiamo scindere altre due categorie, i dispositivi ATTIVI e i dispositivi PASSIVI.
    i dispositivi attivi sono quelli in grado di generare un guadagno su un segnale applicato in ingresso. mentre i passivi sono quelli che sottraggono il guadagno, che lo usano.

    per spiegare il concetto pensiamo ad un microfono e una cassa..
    per cassa intendo un driver con cono non una cassa amplificata.

    collegando semplicemente i poli caldo e freddo del microfono al positivo e negativo del driver di questa cassa il risultato quale potrebbe essere?
    nessuno.. perchè la trasformazione attuata dal microfono (onde sonore in segnale elettrico) non è nemmeno lontanamente in grado di muovere questa membrana!
    perchè all'interno dei megafoni portatili ci vanno le batterie? perchè contengono un minifinale che amplifica il segnale del microfono.

    secondo questa definizione allora, possiamo definire attivi solo gli amplificatori, mentre tutto il resto è passivo.
    la definizione non è proprio corretta ma diciamo che per il momento ce la facciamo andare bene.

    supponiamo ora un sistema composto da
    LETTORE CD -> MIXER -> FINALE DI POTENZA -> DIFFUSORE
    il sistema più semplice che ci sia.
    proviamo a pensare quanti di questi dispositivi possono avere un volume proprio:
    LETTORE CD: generalmente ha un volume di uscita, ma è il più labile dei quattro, è l'unico che potrebbe averlo come potrebbe non averlo, si prenda per buono il fatto che se il lettore cd non ha volume d'uscita generalmente applica il massimo del segnale generato, senza attenuazioni.
    MIXER: beh direi che qui di volumi ce ne sono in quantità.. su un mixer abbiamo infatti il trim o gain, definito come guadagno d'ingresso, il volume di canale e il volume master, si tenga solo presente che il trim gestisce il volume di un segnale non ancora processato dal mixer mentre il master aut o il fader di canale gestisce il volume d'uscita
    FINALE: può avere solo il volume d'uscita o il volume d'uscita e il volume d'ingresso
    DIFFUSORE: il diffusore passivo NON ha volumi. il caso in cui un diffusore passivo presenti, tramite la cassa che lo contiene, un controllo volume è evidente che è solamente un "trucchetto".. un resistore.. un componente elettrico variabile che ne limita l'ingresso.. e in questo caso il mio consiglio personale è di rimuoverlo. meno dispositivi = meno disturbi.

    ora, dopo tutta questa noiosa premessa viene il succo della situazione, e cerco di essere il più breve possibile.
    i componenti passivi servono SOLO alla modulazione.. i componenti attivi si occupano dell'amplificazione.
    ho visto gente tenere il volume degli amplificatori a "mezza tacca" e i fader del mixer a fine corsa.. bene questo è l'equivalente di tenere il volume del canta tu tra zero e uno e GRIDARE nel microfono.
    gli amplificatori (correttamente dimensionati) sono creati proprio per quello! sono gli amplificatori che devono lavorare in un sistema! il mixer e gli altri dispositivi sono solo DIPENDENTI.. servono solo ad inviare il segnale desiderato!
    se siete tra quelli convinti che i finali non debbano fare sforzi vi invito a provare una cosa.
    se avete un impiantino che non rende, che secondo voi non suona bene, che pure tenendolo a volume basso non sopporta le basse frequenze fate così.
    mi raccomando.. un sistema si accende dalle sorgenti ai diffusori NON in maniera inversa.. quegli scoppi che sentite quando accendete il mixer dopo aver acceso i finali non fanno bene all'impianto..
    ah e chiaramente si spegne al contrario.. dai finali in su


    accendete la sorgente e se ha un volume sistematelo orientativamente a metà.
    accendete il mixer e controllate, a volume master a zero, il livello di picco.
    si fa così, alzate il gain fino a quando la luce di peak si accende, quello è il livello di picco, il livello che il vostro impianto non dovrà MAI raggiungere. una volta rovato il picco spostatevi di un quarto di giro in senso antiorario, assicurerete così un segnale al mixer ben sotto la soglia massima.
    a questo punto, accendete i finali e sistemate i volumi (degli stessi) a meno di un quarto di giro.
    a questo punto avete ancora i volumi del mixer a zero, tornate al mixer e alzate fader di canale e master di un quarto (o anche meno).
    a questo punto il finale si sta scaldando, sta entrando in regime e le membrane, specie se fa freddo, stanno lentamente riacquistando elasticità, si stanno rimettendo in moto.
    dopo 5 minuti alzate il volume DEL FINALE di un altro quarto di giro.
    ripetete l'operazione fino ad arrivare anche quasi al massimo.
    se il volume generale è troppo alto non ci sono problemi, il mixer è un ATTENUATORE! abbassare il finale ed alzare il mixer è stupido, perchè è l'equivalente di gridare in un microfono.
    con questi accorgimenti sono SICURO che noterete un miglioramento sensibile nell'impianto, soprattutto nella gestione delle basse frequenze!

  2. # ADS
     

  3. #482
    Matricola FdT
    Donna 35 anni
    Iscrizione: 7/7/2011
    Messaggi: 1
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito aiutooooooooooooooooo

    ciao...ho bisogno di una mano.... io ho un mixer alto amx 180... ho collegato due casse al mixer e una spia. il problema: gli effetti non si sentono contemporaneamente dalle casse e dalla spia.... come si fa??? grazie

  4. #483
    Tyler Durden
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito

    non conosco il banco in questione comunque non è detto che si possa fare..
    ammesso che la spia sia collegata su un AUX send doresti controllare se sul master degli effetti puoi canalizzare un effetto su una determinata uscita.. tipo aux, phones, main, sub e via dicendo..
    purtroppo è anche per questo che si usano i banchi da palco col fonico dedicato

  5. #484
    Vivo su FdT
    Uomo 31 anni da Milano
    Iscrizione: 30/4/2005
    Messaggi: 3,821
    Piaciuto: 12 volte

    Predefinito

    Ho una domanda/domandona
    Il discorso è: registrazione audio in multitraccia.

    Nel mio gruppo siamo: 2 chitarre (ciascuno con pedaliera USB), due voci, una tastiera midi e una batteria. Vorrei poterci registrare in multitraccia.

    Attualmente siamo già in grado di registrare in multitraccia le due chitarre, la tastiera MIDI e un segnale audio proveniente dal mixer.

    Vorrei combinare il discorso della registrazione multitraccia con la microfonazione della batteria e ho già visto che ci sono diversi kit microfonici da 6/7 microfoni.

    Andando un po' più nello specifico, mi sono messo a cercare informazioni sui mixer. Ho lo schizzo del multitraccia perché voglio registrarci mentre suoniamo assieme e lasciare comunque, in un secondo momento, la possibilità alla batterista (alias la mia ragazza) di registrarsi quando vuole per allenarsi e riascoltarsi. Quindi l'idea è di avere un mixer a 8 ingressi microfonici per la batteria e di collegarci il mic della voce (uno o due è indifferente, in realtà abbiamo un cantante e un solo microfono per ora). Al limite possiamo collegare in cascata un piccolo mixer a 4 canali che già abbiamo.

    Mi hanno detto che i mixer multitraccia sono solo digitali e che non posso registrare in multitraccia con un mixer analogico usb. Non sono però sicuro che sia veramente così e volevo chiederti, @Tyler Durden, se questa cosa è vera o no. Ad esempio, con questo mixer: MG166C-USB - MG Series (USB Models) - Yamaha - UK and Ireland trovo che sia una figata perché lo vendono a 280 euro e ha per ogni canale il compressore, cosa molto utile per i mic della batteria. Però da quanto ho capito se lo collego con l'usb al computer non ho 8 (16) canali ma solamente 1 (2) e quindi non mi servirebbe per la registrazione multitraccia...

    Allora mi hanno proposto lo Zoom R16 ( R16 ) che ha il vantaggio di funzionare da registratore multitraccia collegandolo direttamente al computer o in stand-alone e funziona anche da controller per il pc. Quindi sarebbe una figata, però non andrebbe bene per i live perché non ha un piffero di equalizzazione, di gain, di compressore e compagnia bella e dovrei fare tutto in post pruduzione. Il costo è sui 340 euro.


    Secondo te (voi) cosa devo fare? Vorremmo spendere il meno possibile ma avere qualcosa di decente. Il multitraccia sarebbe la cosa più figa in assoluto per noi, però vorremmo avere anche un qualcosa adatto ai live tipo lo Yamaha MG166-C USB.

    Consigli? Grazieee =)

  6. #485
    Vivo su FdT
    Uomo 31 anni da Milano
    Iscrizione: 30/4/2005
    Messaggi: 3,821
    Piaciuto: 12 volte

    Predefinito

    Che fine ha fatto il nostro fonico? comunque ho risolto, ho comprato un mixer analogico Pohnix AM844D e una scheda audio a 10 canali, Presonus Firestudio Mobile. Una figata ora mancano i mic della batteria, pensavo di prendere due economicissimi mic a condensatore della Behringer, costano 56 euro la coppia mathced e non sembrano neanche malaccio

Pagina 49 di 49 PrimaPrima ... 394546474849

Discussioni simili

  1. L'angolo del fotografo
    Da Lantis nel forum Multimedia e tecnologia
    Risposte: 223
    Ultimo messaggio: 5/8/2016, 1:41
  2. L'angolo del motorista
    Da imok nel forum Motori
    Risposte: 26
    Ultimo messaggio: 7/9/2014, 2:08
  3. L'angolo del matematico
    Da BlackHole nel forum Scienza e natura
    Risposte: 81
    Ultimo messaggio: 18/5/2009, 23:20
  4. L'angolo del fumettista
    Da Sedobren Gocce nel forum Fumetti e cartoni
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 9/9/2008, 15:49
  5. L'angolo biologico
    Da Killuminato nel forum Scienza e natura
    Risposte: 44
    Ultimo messaggio: 25/7/2008, 18:44

Tag per questa discussione