ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 15
Like Tree4Mi piace

"Il manuale nero degli Apple Genius": come Apple manipola i propri clienti!

  1. #1
    Moderatore 2.0 Canalfeder
    Uomo 23 anni da Barletta-Andria-Trani
    Iscrizione: 27/2/2008
    Messaggi: 12,195
    Piaciuto: 2822 volte

    Predefinito "Il manuale nero degli Apple Genius": come Apple manipola i propri clienti!

    Buona lettura:

    “Come diventare un genio”: il “libro nero” degli impiegati agli Apple Store


    Ho letto la biografia di Steve Jobs… quella autorizzata scritta di Isaacson. L’autore del libro, molto spesso, utilizza la frase “campo di distorsione della realtà” per definire la tecnica di persuasione utilizzata da Steve Jobs – buonanima – per persuadere i suoi collaboratori/sottoposti a fare questa-o-quella-cosa. Non avrei mai immaginato, però, di leggere ciò che ho letto ieri sera.

    Tenete presente gli addetti alle vendite, di qualsiasi genere essi siano? Bene, da profana della professione so perfettamente che la prima cosa da fare è quella di “coccolare” il cliente così da indurlo a comprare, e sono tuttavia convinta che – senza questa particolare skill – un addetto alle vendite non potrà mai essere considerato un buon addetto alle vendite. Apple – e il campo di distorsione della realtà di Jobs - ha fatto praticamente un credo di questa teoria, tanto da tradurla in un… manuale per diventare geni (e con geni intendo plurale di “genio”), che qualsiasi addetto (o aspirante tale) appartenente agli Apple Store ha l’obbligo di leggere ed imparare.


    Chiunque abbia letto la biografia, ma anche chiunque abbia visto – almeno una volta – il film “I pirati di Silicon Valley”, saprà che Jobs ha costruito il suo impero intorno alla sua particolare virtù di far sentire importantissimo chiunque servisse ai propri scopi, per poi manipolarlo a proprio piacimento.. dunque, distorcendo la realtà. Ed è proprio questo che ambisce a fare il libro nero, il manuale del genio distribuito agli addetti alle vendite: chiunque lavori per la Apple è da considerarsi un genio, ed in quanto tale deve rendere il massimo nel proprio settore. Soprattutto tentando di entrare nella psiche dei potenziali acquirenti, ed essendo capace di esercitare una sorta di pressione psicologica nei loro confronti così da indurli a raggiungere l’obiettivo del lavoro: vendere, appunto.

    Quella che vedete ad inizio articolo è una foto (tutti i crediti per le immagini utilizzate in questo articolo vanno a Gizmodo) del libro degli “esercizi” dedicato ai geni degli Apple Store: si va da una serie di skill tecniche da imparare, fino ad una lista di parole da usare o bandire dal discorso, passando per lo studio approfondito di alcune frasi che potrebbero esercitare forte pressione psicologica verso gli acquirenti.


    Quella qui sopra è un’immagine che schematizza le skills tecniche che ciascun “genio” deve acquisire, accuratamente suddivise per giorno: quasi come un corso programmato ed intensivo, ma fin qui nulla di particolare… il bello deve ancora venire.





    “Guidiamo ogni interazione”, “Creiamo proprietari e promotori”, “Arricchiamo le loro vite”, “Ci sforziamo ad ispirarli” (anche se la traduzione che darei personalmente a questa frase è Li arrabbattiamo per ispirarli a comprare, è lecito, ma non è detto il senso sia quello)… e questa è soltanto una parte delle frasi stampate su questa pagina: una sorta di target, tutti gli obiettivi che un “genio” deve raggiungere - a contatto con i clienti – per essere considerato tale. Francamente mi sembra una lista di comandamenti imposta da un essere superiore, che debbono essere seguiti e perseguiti – costi quel che costi – per raggiungere il proprio obiettivo, nel tentativo di manipolare il proprio interlocutore (nel nostro caso il potenziale compratore). Ma andiamo avanti.



    Questa è una delle parti che mi ha provocato lo shock maggiore: dei prototipi di dialoghi tra un cliente ed un “genio”, una sorta di lista di casi d’uso che illustra come bisognerebbe rispondere per accaparrarsi la fiducia del cliente, ed indurlo a comprare qualcosa nonostante la sua visibilissima esitazione. D’altra parte, la decisione d’acquisto del cliente deve essere pseudo-arbitraria: costui deve sempre credere di aver deciso con la propria testa, e non con quella del genio che ha di fronte. Vi traduco la prima frase, così da rendervi chiaro il concetto:

    Cliente: “Voglio un iPad, ma ho bisogno del mouse. Non sono in grado di tener fronte a tutto questo “touching”.”
    Genio: ”Potrei capire come ti senti, sono un fan del mouse e mi sentirei allo stesso modo, ma ho scoperto che diventa molto semplice con un minimo di pratica.”
    Volete altro? Bene, eccovi serviti!




    L‘interpetazione del linguaggio del corpo amici
    , ebbene nel manuale del “genio” c’è anche questo! Un “genio” che si rispetti deve imparare a comprendere i sentimenti del proprio cliente “at first glance”, semplicemente guardando come si muove. Pura psicologia, non c’è che dire. Ma… voi pensate che sia finita qui? Guardate l’immagine sotto, sempre proveniente dal manuale del genio:



    Una bella lista di parole da evitare categoricamente nel discorso col cliente, accuratamente coadiuvata da una lista di parole da utilizzare in sostituzione: per cui, se “crash” è sbagliato e “freeze” è taboo, il “genio” è tenuto a dire che l’applicazione si ferma inaspettatamente, che non risponde, o che smette di rispondere; o, ancora, non si dice che un’applicazione “è supportata” dal sistema X, ma semplicemente che l’applicazione “è compatibile” (o “funziona con”) tale sistema. A primo acchitto potrebbe sembrare una fesseria ma… riflettendoci un minuto in più, questa diventa una diavoleria assurda.

    E adesso… la ciliegina sulla torta: il feedback aggressivo, quel meccanismo secondo cui un genio dovrebbe correggere un altro genio sulle sue attitudini “probabilmente” sbagliate! Anche se, ad onor del vero, Gizmodo ci fa sapere che questa è una pratica detestata dai geni stessi. Non ci credete? Vedere per credere!



    Bene, ecco perchè sono rimasta letteralmente sconvolta. Altro che gentilezza, gli addetti degli Apple Store seguono un vero e proprio corso di formazione… minuzioso, mirato, curato nei dettagli e… sovversivo. Si, decisamente sovversivo. Da lavaggio del cervello… per i clienti, e per gli stessi “geni”. Praticamente uno specchio del modo di fare (per me decisamente opinabile, ma pur sempre di successo) di Steve Jobs.

    D’altro canto… se si vende tanto è meglio, e se coloro a cui si vende non capiscono una cippalippa del settore… è meglio ancora! Sono bersagli decisamente più facili, più “modellabili” e, di conseguenza, più suscettibili!

    E io che pensavo che gli addetti fossero “semplicemente” gentili… povera, piccola donna ingenua che non sono altro! Chiaramente, oltre che ad aspettare i vostri commenti, siamo aperti anche alle critiche/aggiunte che i potenziali geni potrebbero avanzare verso questo articolo. Anzi, giusto per completezza (vi garantisco che lì ci vanno giù ancora più pesante) vi rimando pure all’articolo originale.

    PS: a corredo del libro nero c’è anche un bel videocorso…

    Fonte: chimerarevo.com
    "Posso misurare il moto dei corpi, ma non l'umana follia" [Isaac Newton]
    Watchlist IMDb

  2. # ADS
     

  3. #2
    Sei colori in cerca di autore Randy Mellons
    Uomo 119 anni
    Iscrizione: 6/2/2011
    Messaggi: 6,944
    Piaciuto: 5297 volte

    Predefinito

    Apple merda!

  4. #3
    FdT-dipendente Craimon
    Uomo 27 anni
    Iscrizione: 8/6/2009
    Messaggi: 1,549
    Piaciuto: 13 volte

    Predefinito

    Non ho letto l'articolo ma ne ho sentito parlare. Ma come si trova online?

  5. #4
    cheshire cat Artemisia
    Uomo 69 anni da Firenze
    Iscrizione: 11/7/2006
    Messaggi: 34,745
    Piaciuto: 5412 volte

    Predefinito

    Veramente, tempo fa ho scaricato un libro sulla persuasione che diceva le stesse che e che viene usato molto più spesso di quanto si creda, da molte se non tutte le aziende, quindi non c'è nulla che mi stupisca in quest'articolo, sono cose già sentite.
    The smallest feline is
    a masterpiece.
    Leonardo da Vinci



  6. #5
    Moderatrice Holly
    Donna 30 anni
    Iscrizione: 1/4/2006
    Messaggi: 35,153
    Piaciuto: 10104 volte

    Predefinito

    Si chiama "marketing", ogni azienda ha le sue strategie... non capisco dove sia la novità XD
    Difficile dire se il mondo in cui viviamo sia una realtà o un sogno.

  7. #6
    Get behind me, Satan Mister White
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 21/6/2012
    Messaggi: 689
    Piaciuto: 272 volte

    Predefinito

    Quoto quelli sopra.
    Hai mai parlato con un commerciale? O un responsabile delle risorse umane?

    Queste cose si studiano da anni più o meno ovunque.
    You see me now a veteran of a thousand psychic wars, my energy's spent at last and my armor is destroyed

  8. #7
    Wowbagger Jo Constantine
    Uomo 30 anni da Roma
    Iscrizione: 29/1/2009
    Messaggi: 31,898
    Piaciuto: 9036 volte

    Predefinito

    È Sun Tzu.

  9. #8
    Perchè devo cambiarlo? Telecinismo
    Uomo 29 anni
    Iscrizione: 16/7/2012
    Messaggi: 813
    Piaciuto: 164 volte

    Predefinito

    Mi sembra del tutto normale. Il loro scopo è vendere e gli vengono insegnate tecniche per farlo. Boh, non capisco di cosa vi stupite.
    A Loller156 piace questo intervento
    Meglio depressi che stronzi del tipo "me ne fotto", perchè non dicono "io mi interesso"? (Caparezza)
    La mafia è una montagna di merda (Peppino Impastato)

  10. #9
    Vivo su FdT Loller156
    Uomo 29 anni da Lecco
    Iscrizione: 13/8/2007
    Messaggi: 4,938
    Piaciuto: 1612 volte

    Predefinito

    Ma sono cose normalissime.. cosa pensavi, che chi lavora col pubblico fosse un cretino? Il prodotto va saputo vendere, non basta che sia bello e funzionale.. Voglio dire.. provate a mettere "il baffo" a vendere I-Phone.. o mastrota.. è evidente che servono dei trucchi..

    "la parte che mi ha provocato lo shock maggiore".. mizzega, sta solo tirando scemo il cliente con quelle frasi.. dai ragione al cliente, facendo finta di comprenderlo, per poi portarlo verso la tua idea.. assurdo, no? (?)


    Quote Originariamente inviata da Jo Constantine Visualizza il messaggio
    È Sun Tzu.
    Volevo dirlo io, strunz! xD

  11. #10
    Risolvo problemi Winston Wolf
    Uomo 28 anni
    Iscrizione: 14/11/2006
    Messaggi: 8,550
    Piaciuto: 185 volte

    Predefinito

    Non capisco perchè questa notizia fa cosi tanto scalpore?
    ah,si vero parliamo di apple

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Il triste primato degli italiani
    Da SteekHutzee nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 8/5/2009, 22:51
  2. Il guscio nero
    Da °EvaLuna nel forum Improvvisazione
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 5/7/2007, 16:49
  3. Il manuale del perfetto Lamer
    Da Gig Robot nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 19/6/2007, 17:11
  4. il manuale della brava fidanzata
    Da Usher nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 15/9/2005, 16:09

Tag per questa discussione