ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 2 su 2

Tsunami nei bicchier d’acqua

  1. #1
    FdT svezzato
    Iscrizione: 4/1/2005
    Messaggi: 174
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito Tsunami nei bicchier d’acqua

    Tsunami nei bicchier d’acqua

    Due notizie di oggi:
    1) in occasione del centenario dell’invenzione del termosifone, in un paese ex russo faranno un monumento ( non all’inventore, ma proprio al termosifone).
    2) A Milano e’ stata trovata morta chissa’ da quanti giorni, una vecchia. Era seduta davanti al televisore acceso
    Ecco, dipendesse da me, io il monumento lo farei alla vecchia, in nome del telespettatore ignoto, perfetta sineddoche (una parte per il tutto) del paesello in cui viviamo.

    Pensate solo all’ampio dibattito che si e’ aperto in tutto il mondo sul Tsunami, se Dio lo ha voluto/tollerato/provocato, se e’ giusto che la prevenzione riguardi solo i Paesi ricchi, se e’ uno dei frutti della globalizzazione e cosi’ via, mentre in Italia si stanno accapigliando su chi dovra’ gestire i dane’, forse memori che dalle grandi torte cadono copiose briciole...

    Un altro dei grandi temi di questo momento e’ lo scricchiolio del sistema economico mondiale, con un dollaro cosi’ tirato che Giorgio Washington in effige pare abbia fatto il lifting, e se valori base come petrolio e oro, non vadano sostituiti con materie prime molto piu’ preziose, quali l’acqua... e sapete qual’e’ la proposta italiana alla soluzione dei problemi monetari? L’Euro di carta.

    E si discute di democrazia. Se alcuni parametri, quali le votazioni, non siano diventati obsoleti, visto che persino durante le elezioni USA sono intervenuti ispettori OCSE per verificarne la correttezza ( visti i precedenti).
    Perche’ io lo vado ripetendo da un pezzo: la democrazia non la fanno il 50,1 per cento dei vincitori che vanno al governo, ma il 49,9 degli sconfitti che decidono di non dare un calcio al tavolo e tornano pacificamente a casa con il sano proposito di fare una dura opposizione.
    Ecco, questo da qualche tempo non capita piu’, e sono piu’ quelli che dopo le elezioni danno un calcio al tavolo che quelli che accettano di aver perso.

    Eppoi l’America, la Terra del Grande Sogno, dove the dreams came true, e CHIUNQUE puo’ diventarne il Presidente. Si’, chiunque, a patto che faccia parte di una dinastia, che possegga 179 milioni di dollari per la campagna elettorale ( tanti ne ha spesi Bush e 500 milioni se ne sono andati in spot televisivi per tutti e due gli schieramenti) e un aereo personale per spostarsi con tempestivita’ da un comizio all’altro...

    Questi sono i problemi della Democrazia e pure l’ Italia, alle soglie di una importante votazione sta riflettendo su questi argomenti. Come?
    Intanto Mastella ha dato i sette giorni a Prodi, Pannella ne ha dati dodici al Polo e ha minacciato uno sciopero dei suoi ( che se fosse dimagrito un etto per ogni sciopero della fame, adesso sarebbe appeso al portachiavi di Radio Radicale, mah) il sindacalista Marini, (quello che ha sostituito egregiamente l’indimenticabile altro sindacalista....come si chiamava? Mah) e’ tornato con la pipa in bocca minacciando sfracelli, Bordon mostra i muscoli ( anche su Novella 3000), Rutelli trama, Veltroni smentisce, D’Alema accusa, Cicchitto lo stronca, Bondi dilaga, Buttiglione scimmiotta, Boselli domanda, Parisi diffida, la Bindi provoca, Prodi riflette, Casini alla Camera mentre in Senato discorsi a Pera...
    ...e intanto sulle pagine dei nostri giornali, per la prima volta dal dopoguerra, appaiono notizie di gente che muore di stenti e nessuno ci fa caso...



    Insomma, a vent’anni dal loro libro, debbo concordare con Fruttero & Lucentini che scrissero un saggio sulle italiche vicende intitolandolo:
    LA PREVALENZA DEL CRETINO e della sua esponenziale sopraffazione.

    A mio avviso, il problema insormontabile del cretino in Italia, e’ che l’italiano medio e’ cosi’ cretino da credere che i cretini siano i politici, mentre non capisce che lo sono quelli che li votano.
    E la nave va’....


    appropo’

    Chi ha messo in giro la voce che Bruno Vespa sia un figlio naturale di Mussolini concepito a Campo Imperatore da una servetta dell'albergo in cui era tenuto in arresto il Duce?
    Certo, e’ strano questo Paese...


    Altro nuovo materiale qui:
    http://berlusconite.blog.excite.it
    e se non si apre ( capita, capita...)
    http://guide.supereva.it/satira
    poi cercate BERLUSCONITE

    Cia’

  2. # ADS
     

  3. #2
    Vivo su FdT DKNY
    Donna 36 anni da Estero
    Iscrizione: 14/10/2004
    Messaggi: 3,630
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito Re: Tsunami nei bicchier d’acqua

    Quote Originariamente inviata da AldoVincent
    ...e intanto sulle pagine dei nostri giornali, per la prima volta dal dopoguerra, appaiono notizie di gente che muore di stenti e nessuno ci fa caso...


    A mio avviso, il problema insormontabile del cretino in Italia, e’ che l’italiano medio e’ cosi’ cretino da credere che i cretini siano i politici, mentre non capisce che lo sono quelli che li votano.


    A parte qualche punta di sarcasmo secondo me evitabile...ottimo articolo! Appena posso faccio un salto sul blog su Berlusconi.

Discussioni simili

  1. Lucio Battisti - Acqua azzurra, acqua chiara
    Da twix ™ nel forum Testi musicali
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 26/10/2007, 21:47
  2. Un altro Tsunami?
    Da DKNY nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 29/3/2005, 20:31
  3. Tsunami, cos'è successo al largo dell'Indonesia
    Da leones nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 5/2/2005, 15:53
  4. Tsunami anche nel mediterraneo?
    Da Ser Nwanko nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 31/1/2005, 18:25
  5. Tsunami..
    Da mirror nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 3/11/2004, 13:58