ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 30

WWF: la Terra non ci basta più, ne servirebbero due

  1. #1
    -==BlacKMambA==-
    Ospite

    Predefinito WWF: la Terra non ci basta più, ne servirebbero due

    Consumiamo troppo e risorse naturali non fanno in tempo a rigenerarsi. Continuando così, presto avremo bisogno di due pianeti.
    [ZEUS News - www.zeusnews.com - 14-10-2010]




    Non è positiva l'edizione 2010 del Living Planet Report, il rapporto biennale stilato dal WWF insieme alla Zoological Society di Londra e al Global Footprint Network. Per dirla in breve: consumiamo le risorse naturali più in fretta di quanto queste riescano a rigenerarsi.
    Attualmente è come se utilizzassimo le risorse di un pianeta e mezzo; nel 2030, secondo le previsioni del WWF e mantenendo questi ritmi, avremo bisogno di due pianeti per soddisfare i nostri bisogni ma il problema, naturalmente, è che di pianeta ne abbiamo solo uno, a meno che il pianeta Gliese 581g non sia davvero un gemello della Terra (e posto di riuscire a raggiungerlo).
    Nell'attesa di saper viaggiare alla velocità della luce per poter consumare senza criterio le risorse di tutta la galassia, il WWF propone una ricetta alternativa: controllare i consumi, riducendo l'impronta ecologica di ogni abitante.
    Con impronta ecologica si intende, in breve, l'area necessaria per rigenerare le risorse utilizzate e assorbire i rifiuti; per non aver bisogno di pianeti supplementari da spremere bisognerebbe ridurre l'impronta a 1,8 ettari globali per abitante. In altre parole, le risorse di 1,8 ettari (mare e terra calcolati insieme) dovrebbero essere sufficienti per soddisfare i bisogni di una persona ed eliminare i suoi scarti.
    Per ora, le cose vanno molto diversamente: negli Emirati Arabi Uniti, per esempio, l'impronta ecologica è di 9,5 ettari (il che fa di quel Paese la nazione con l'impronta ecologica più pesante), mentre in Italia siamo a 4,15 ettari (situandoci al ventinovesimo posto).
    Per come vanno le cose adesso, si utilizzano le risorse presenti in una zona fino a esaurirle, e poi semplicemente ci si sposta in un'altra, seguendo lo stesso procedimento; buonsenso e difesa delle biodiversità vorrebbero che il consumo fosse fatto in maniera tale da permettere a dette risorse di rigenerarsi, senza azzerarle completamente.
    Ciò vale sia per l'abbattimento delle foreste o per la pesca, ma anche la cosiddetta impronta idrica (che riguarda il consumo di acqua) è in aumento costante.
    Presentando i dati qui riassunti, il direttore scientifico del WWF Italia, Gianfranco Bologna, ha spiegato che ciò "dimostra chiaramente l'insostenibilità dei modelli economici sin qui perseguiti, basati su una crescita materiale e quantitativa continua". E ha poi aggiunto: "Nella nuova economia ecosostenibile, il pensiero economico deve comprendere l'attenzione per gli esseri umani e per i sistemi naturali del pianeta, tra di loro indissolubilmente legati".
    Le conseguenze pratiche sono ancora una volta evidenti: "Dobbiamo imparare a vivere nei limiti delle risorse dell'unico pianeta che abbiamo" sottolinea ancora Bologna "e per fare questo chi ha uno stile di vita consumista deve limitare consumi e sprechi".
    Il WWF ha a questo scopo stilato il decalogo della Green Economy, pubblicato sul suo sito, nel quale si trovano indicazioni sulla necessità di investire nel capitale naturale, scegliere l'energia pulita e pianificare l'utilizzo del territorio


    Fonte:
    ZEUS News - News - Notizie dall'Olimpo informatico




    e ancora...




    Wwf: nel 2030 ci vorra' un'altra terra


    L'Italia e' al secondo posto per scarsita' di natura disponibile

    Roma - Il giudizio sullo stato di salute della Terra, riportato dal Wwf nell'edizione 2010 del "Living planet report" non è affatto rassicuarante. Il Pianeta è uno solo, ma noi viviamo come se ne avessimo a disposizione uno e mezzo.

    A meno di una settimana dall'apertura della Conferenza di Nagoya, in Giappone, i dati del report sono assai preoccupanti. Crollano le specie globali che arretrano del 30%, mentre la pressione antropica sulla natura raddoppia rispetto agli anni 60, così come quella del carbonio è di 11 volte superiore.

    Gianfranco Bologna, direttore scientico del Wwf Italia, ha così commentato questa situazione allarmante: "Siamo già oltre i confini planetari almeno su tre aspetti: il flusso di azoto che è la nuova bomba che sta esplodendo, la biodiversità e i cambiamenti climatici".

    Come si comporta l'Italia in questa situazione? Nella classifica mondiale si posiziona al 29simo posto per la pesantezza della propria impronta ecologica, mentre è seconda all'Olanda per scarsità di natura disponibile a testa. Anche la dieta mediterranea, da sempre esaltata, viene messa sotto accusa, perchè poco sostenibile.
    Il paese che più di tutti grava sul pianeta sono gli Emirati Arabi Uniti, il cui stile di vita richiederebbe risorse per 6 mondi.
    L'impatto viene pagato soprattutto dai paesi più poveri o da quelli in via di sviluppo.

    L'auspicio del Wwf è che quanto prima si trovi un affiancamento tra contabilità economica e contabilità ecologica, intanto si può sperare solo che tutti seguono i contenuti stillati in un decalogo pensato per i grandi accordi internazionali, ma anche per i piccoli gesti quotidiani.

    Claudia Falabella

    Fonte:
    Voce - Wwf: nel 2030 ci vorra' un'altra terra




    e ancora...



    Wwf: l'uomo divora il pianeta. Nel 2030 la Terra non ci basterà più

    Scritto da Augusto Rubei Giovedì 14 Ottobre 2010 09:28




    Nel 2030 avremo bisogno di due pianeti Terraperchè consumiamo più risorse di quelle che si rigenerano e perchè divoriamo il patrimonio naturale terrestre. E' l'allarme lanciato nel Living Planet Report, il rapporto biennale realizzato dal Wwf in collaborazione con la Zoological Society di Londra e il Global Footprint Network.
    Tre i punti cardine riportati dagli istituti di ricerca all'interno del dossier. Prima di tutto la biodiversità, dove il tasso di perdita è assai preoccupante. Solo per la metà delle ecoregioni terrestri, finora, si è riuscito a proteggere il 10% delle territorio, obiettivo primario della Convenzione sulla Biodiversità. Inoltre, dal '66 lo stato di salute delle specie globali è diminuito del 30%, mentre la pressione umana è praticamente raddoppiata.




    Per rientrare nelle capacità produttive del nostro pianeta ogni abitante dovrebbe accontentarsi di 1,8 ettari. Ma nessuno lo fa, o nessuno ci riesce. La maglia nera va agli Emirati Arabi, che nel loro complesso adottano uno stile di vita tale da avere bisogno in futuro almeno di altri 6 pianeti. Di seguito Stati Uniti, Belgio e Danimarca per i quali ce ne vorrebbero 4,5 e Canada e Australia: 4 pianeti.
    L'Italia non è in pole, ma non brilla certo per leggerezza col suo 29esimo posto in classifica dopo Germania, Svizzera e Francia. Ogni italiano, infatti, necessita di circa 5 ettari globali per soddisfare la propria quotidianità, ovvero la forza produttiva di 2,8 pianeti.
    Altro tasto dolente è la recessione. La crisi economica di questi anni minaccia la bancarotta ecologica. Gli enormi sprechi e la sovrappopolazione "hanno portato a un saccheggio crescente delle materie prime e delle fonti energetiche".
    "I paesi con alti livelli di dipendenza dalle risorse naturali stanno mettendo in pericolo le loro stesse economie", spiega Mathis Wackernagel, presidente del Global Footprint Network, che sottolinea come "i paesi che riusciranno a garantire la migliore qualità di vita con la minore pressione sulla natura non solo aiuteranno gli interessi globali, ma saranno leader in un mondo dalle risorse sempre più ristrette".

    Fonte:
    http://www.nextme.it/scienza/natura-...ci-bastera-piu



    *****************


    Beh che dire... stiamo andando alla grande... noi superintelligenti umani, ospiti della Terra, la stiamo ammazzando e non ce ne rendiamo conto, ma stiamo ammazzando noi stessi... io, nel mio piccolo, sono anni che avverto i miei amici e le persone che conosco... ma ai più sembra non fregare niente e pensano a consumare a più non posso!
    Ora anche la Terra (Gaia) si è sonoramente rotta gli zebedei di noi, piccoli insetti insignificanti, e si sta ribellando come può, e ci avverte ogni giorno con terremoti, inondazioni, vulcani che eruttano, uragani, tempeste e chi più ne ha più ne metta... io lo ripeto da anni che ormai siamo ad un "punto di non ritorno", ed ecco la conferma di chi queste cose le studia! Menomale va, se no sarei passato per pazzo, perchè è proprio così che mi sento quando la gente mi guarda storta e dentro pensa "ma questo è fuori, l'acqua che non basterà??" (per fare un esempio). Non so cos'altro dire, sono molto addolorato, ma non ho più le forze di lottare, mi sono arreso all'evidenza.
    Gaia, perdonaci, se puoi e sopportaci almeno ancora per qualche anno!
    :*



  2. # ADS
     

  3. #2
    Nemico delle bufale OrsettoGommoso2
    Uomo 30 anni
    Iscrizione: 19/3/2009
    Messaggi: 3,520
    Piaciuto: 50 volte

    Predefinito

    troppo kmetrico, quindi nn l'ho letto tutto ma solo saltando qua e là

    cmq di allarmi catastrofisti ne abbiamo già superati parekki e quindi supereremo sn fiducioso ke supereremo anke questo senza ke succedano i cataclismi temuti dai cantori della sfiga cosmica

  4. #3
    -==BlacKMambA==-
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da OrsettoGommoso2 Visualizza il messaggio
    troppo kmetrico, quindi nn l'ho letto tutto ma solo saltando qua e là

    cmq di allarmi catastrofisti ne abbiamo già superati parekki e quindi supereremo sn fiducioso ke supereremo anke questo senza ke succedano i cataclismi temuti dai cantori della sfiga cosmica
    sono d'accordo che è molto lungo e che non tutti leggeranno il tutto, ma almeno spero che qualcuno si "svegli" finalmente...

    per quanto riguarda la tua risposta, ero sicuro che avresti risposto in modo simile, non mi stupisco, leggendo le tue risposte altrove (non è un offesa). Comunque sarei molto felice se chi ha qualcosa da dire lo dica con serietà e chi invece vuole solo "rompere le bolas" lo faccia altrove, ci sta la zona trash, off-topic, barzellette e tante altre sezioni per farsi 2 risate. Anche a me piace molto ridere e scherzare, ma in questo topic vorrei veramente un pò di serietà, visto che è una cosa molto importante e riguarda tutti noi come specie umana.

    Può sembrare un allarme o allarmismo, ma non lo è, è la pura e semplice verità, anzi, secondo il mio umile parere, le cose sono ancora molto più gravi di quanto descritto...

  5. #4
    Nemico delle bufale OrsettoGommoso2
    Uomo 30 anni
    Iscrizione: 19/3/2009
    Messaggi: 3,520
    Piaciuto: 50 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da -==BlacKMambA==- Visualizza il messaggio
    Comunque sarei molto felice se chi ha qualcosa da dire lo dica con serietà e chi invece vuole solo "rompere le bolas" lo faccia altrove, ci sta la zona trash, off-topic, barzellette e tante altre sezioni per farsi 2 risate. Anche a me piace molto ridere e scherzare, ma in questo topic vorrei veramente un pò di serietà, visto che è una cosa molto importante e riguarda tutti noi come specie umana.
    e io l'ho detto cn tutta serietà

    tutti gli allarmismi ecologici del tipo "nel 1980 finirà ogni fonte di energia", "nel 1990 la sovrappopolazione porterà a carestie planetarie", "nel 2000 le alghe invaderanno tutti i mari e i vapori mefitici renderanno irrespirabile l'aria in tutto il pianeta", "nel 2010 dovremo girare tutti cn le maskere a gas" (qui ho sparato a caso ma se avete la pazienza di cercare troverete 1 fracca di catastrofi annunciate), nn si sn mai realizzati (per fortuna)

    quindi è ragionevole supporre ke nn si realizzeranno neppure stavolta
    seriamente

  6. #5
    -==BlacKMambA==-
    Ospite

    Predefinito

    va bene OG2, ho preso atto del tuo parere, anche se, ovviamente, non condivido affatto. Solo per farti capire una cosa, la scienza che tu tanto acclami e usi sempre per confutare tutti (o almeno, da quel che ho capito, chi ti sta sulle bolas, non so per quale motivo, solo perchè la pensa diversamente da te? Boh...) ha fatto, sta facendo e farà sempre enormi errori, ora tu parli di date precise, io non sono d'accordo con il dare delle date, perchè ogni giorno può cambiare e quindi si sbaglierebbe a priori. Ma quando invece gente che studia la Terra, i problemi legati ad essa e tutto quello che si studia in questa "sezione", anche qui devi dare contro. Ma non ti rendi conto di quello che scrivi? Forse non capisci nemmeno quello che sto scrivendo, figuriamoci se capisci che stiamo in un mare di guai, e non da ieri. Ora però basta parlare di te e delle tue smentite ridicole, vorrei veramente discutere seriamente su questa cosa e sentire il parere degli altri, senza scendere nel ridicolo.

    Grazie.

  7. #6
    Mai più senza FdT RudeMood
    Donna 39 anni
    Iscrizione: 3/2/2009
    Messaggi: 10,246
    Piaciuto: 1043 volte

    Predefinito

    Probabilmente nel 1990 la sovrappopolazione non ha portato carestie.
    Ma non mi sembra che viviamo così bene.

    L'ultimo secolo ha rovinato il pianeta.
    Tra i consumi spropositati e le contaminazioni tra un po' ci sarà ben poco da mangiare.

    Vabbè. Diventeremo mutanti. Il plutonio un giorno ci farà il solletico

  8. #7
    Pesciolino nell'acquario. Half shadow
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 20/7/2008
    Messaggi: 11,202
    Piaciuto: 833 volte

    Predefinito

    So benissimo che è la pura verità e che non si tratta di allarmismo.

    Come so benissimo che sono in molti a prenderla sottogamba perchè di vedute molto ristrette e senza la minima preoccupazione di ridurre gli sprechi e di riciclare correttamente, c'è chi non vuole rendersene conto e pensare che ci sarà sempre un domani ricco come quest'oggi ma così facendo non solo non aiuterà ad impedire che questo succeda, ma si dovrà anche trovare all'improvviso a vivere questa realtà.

    Quote Originariamente inviata da RudeMood Visualizza il messaggio
    Probabilmente nel 1990 la sovrappopolazione non ha portato carestie.
    Ma non mi sembra che viviamo così bene.

    L'ultimo secolo ha rovinato il pianeta.
    Tra i consumi spropositati e le contaminazioni tra un po' ci sarà ben poco da mangiare.

    Vabbè. Diventeremo mutanti. Il plutonio un giorno ci farà il solletico
    Esatto, è proprio stato l'ultimo secolo la rovina del pianeta, esattamente quando la tecnologia ha iniziato ad evolversi troppo velocemente.

    Scusa ma devo dirlo, io stesso usufruisco delle comodità che ha creato questa evoluzione, ma penso che sarebbe stato il caso di evitare moltissimi sprechi e soprattutto di avere iniziato ad usare fin da subito le fonti di energia rinnovabili.

    È l'ultima carta che ci resta da giocare prima di dichiarare bancarotta.

  9. #8
    Mai più senza FdT RudeMood
    Donna 39 anni
    Iscrizione: 3/2/2009
    Messaggi: 10,246
    Piaciuto: 1043 volte

    Predefinito

    E diamo i nobel per la fecondazione in vitro

    AH. Cosa importante, credo.
    A me della Terra non frega una cippa, intendiamoci.
    Mi interessa solo perché ci vivo io. E la mia famiglia.

    Certe volte mi sento rispondere che quando la Terra si sarà definitivamente stufata di noi ci spazzerà via e lei continuerà ad esistere come esiste da non so quanti milioni di anni.
    Secondo questo ragionamento crete persone continuano a fare sfregi e ad essere noncuranti delle conseguenze.

  10. #9
    -==BlacKMambA==-
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da RudeMood Visualizza il messaggio
    E diamo i nobel per la fecondazione in vitro
    vabbeh Rude... c'è un post apposito per quello, non divaghiamo



    Quote Originariamente inviata da RudeMood Visualizza il messaggio
    A me della Terra non frega una cippa, intendiamoci.
    Mi interessa solo perché ci vivo io. E la mia famiglia.
    ehm, non ho capito se dici sul serio o sei sarcastica?

  11. #10
    Mai più senza FdT RudeMood
    Donna 39 anni
    Iscrizione: 3/2/2009
    Messaggi: 10,246
    Piaciuto: 1043 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da -==BlacKMambA==- Visualizza il messaggio
    vabbeh Rude... c'è un post apposito per quello, non divaghiamo
    Eh. Ho capito.
    Ma è tutto collegato.
    Purtroppo.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Vai a zappare la terra
    Da Ghezzi nel forum Off Topic
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 10/8/2010, 6:53
  2. Kart "ritoccati": missili terra-terra
    Da Tyler Durden nel forum Motori
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 30/9/2008, 9:31
  3. Terra Nostra
    Da Magnolia88lg nel forum Cinema e televisione
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 29/8/2008, 11:31
  4. Nomadi - La mia terra
    Da Nomade nel forum Video musicali
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 29/1/2008, 9:16
  5. in terra
    Da Usher nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 24/5/2006, 17:41