ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Google+ Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 10
Like Tree1Mi piace
  • 1 Intervento di crampox

Abbandono del tetto coniugale e futuro divorzio

  1. #1
    Miss_Rose_Red
    Donna 27 anni da Verona
    Iscrizione: 11/8/2009
    Messaggi: 243
    Piaciuto: 6 volte

    Predefinito Abbandono del tetto coniugale e futuro divorzio

    Sto con un ragazzo che è sposato da 1 anno. Sua moglie dopo avergli messo le corna (chi gliel'ha fatto fare di sposarsi a 19 anni ) ha fatto le valigie e abbandonato casa.
    Ora lui vuole denunciare l'abbandono del tetto coniugale ma non ho ben capito in cosa consiste (se potete farmi luce) e fra 3 anni chiedere il divorzio.
    Sua moglie ha detto che non vuole il mantenimento dopo tutto quello che ha combinato e di questa discussione ci sono le prove.
    Io volevo sapere quali rischi potrebbe correre lui, più che altro per prepararmi a correre ai ripari.
    In ogni caso ci sono un sacco di testimonianze sia dei tradimenti (abbiamo pure l'amante dalla nostra parte e pronto a testimoniare) che dei rifiuti di tornare a casa e del rifiuto futuro del mantenimento (se mai gliene aspettasse uno).
    Fortuna vuole che non ci siano figli di mezzo!

    Yohooo beviamoci su!

  2. # ADS
     

  3. #2
    FdT-dipendente crampox
    Uomo 55 anni da Bari
    Iscrizione: 28/5/2011
    Messaggi: 1,671
    Piaciuto: 576 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Lela_PokèFan Visualizza il messaggio
    Sto con un ragazzo che è sposato da 1 anno. Sua moglie dopo avergli messo le corna (chi gliel'ha fatto fare di sposarsi a 19 anni ) ha fatto le valigie e abbandonato casa.
    Ora lui vuole denunciare l'abbandono del tetto coniugale ma non ho ben capito in cosa consiste (se potete farmi luce) e fra 3 anni chiedere il divorzio.
    Sua moglie ha detto che non vuole il mantenimento dopo tutto quello che ha combinato e di questa discussione ci sono le prove.
    Io volevo sapere quali rischi potrebbe correre lui, più che altro per prepararmi a correre ai ripari.
    In ogni caso ci sono un sacco di testimonianze sia dei tradimenti (abbiamo pure l'amante dalla nostra parte e pronto a testimoniare) che dei rifiuti di tornare a casa e del rifiuto futuro del mantenimento (se mai gliene aspettasse uno).
    Fortuna vuole che non ci siano figli di mezzo!
    Direi che siete "a cavallo" comunque non guasterebbe l'ausilio di un buon avvocato,ci si mette un niente a trovarsi in mano il "cerino acceso"... capisc'ammè!

  4. #3
    Se muoio rinasco P S Y C H O
    da Estero
    Iscrizione: 6/12/2005
    Messaggi: 17,132
    Piaciuto: 1389 volte

    Predefinito

    Il tuo ragazzo deve chiedere la separazione con addebito. La differenza con una normale separazione è che la responsabilità della crisi coniugale viene in tal caso "addebitata" a uno dei due coniugi, nel nostro caso alla (ex)moglie del tuo ragazzo.
    Attenzione perché se ci si accorda per una separazione normale non è possibile richiedere l'addebito in un secondo tempo.
    La violazione del dovere di fedeltà coniugale è considerata dal giudice di solito molto grave e - di solito - è una motivazione sufficiente per ottenere l'addebito; però ATTENZIONE perché il giudice andrà a indagare sulle condizioni della situazione coniugale prima dell'avvenuta violazione del dovere di fedeltà. Intendo dire che se la ex del tuo ragazzo può dimostrare che la sua decisione di tradire il marito è stata causata dall'intollerabilità a continuare a viverci insieme, per uno o più motivi che il giudice dovesse ritenere validi, allora l'addebito viene negato, anche se è manifesto che lei abbia tradito il marito.
    Quindi non darei per scontato che l'addebito venga concesso.
    A ogni modo, dal momento che l'addebito serve solo a far perdere il diritto dell'assegno di mantenimento al coniuge in difetto qualora ne avesse diritto, se lei davvero intende rinunciare a tale assegno di mantenimento, non c'è secondo me neanche ragione di richiedere l'addebito, si stipula questo in un atto di separazione consensuale e tutti sono felici.
    Di sicuro mi rivolgerei comunque a un valido avvocato, non si sa mai.
    Eres nube. Eres mar, eres olvido. Eres tambien aquello que has perdido.

    E la mia stella è quella stella scialba mia lenta morte senza disperazione.



  5. #4
    SS-Hauptsturmführer Wittmann
    Uomo 36 anni da Reggio Emilia
    Iscrizione: 21/12/2007
    Messaggi: 5,371
    Piaciuto: 799 volte

    Predefinito

    Molto in breve, un coniuge non può abbandonare la casa in cui vive con la famiglia. Se lo fa, il comportamento è sanzionato sia dal punto di vista civile (perde il diritto all'assistenza morale e materiale da parte dell'altro coniuge) che addirittura -se non sbaglio- dal punto di vista penale (se non è stato eliminato, c'è un apposito reato, a.570 codice penale, "violazione degli obblighi di assistenza familiare").
    Il comportamento potrebbe inoltre essere sfruttato nel procedimento di separazione, al fine di far addebitare la separazione al coniuge fuggiasco.
    Tutto questo a meno che l'uscita dalla casa coniugale non abbia una giusta causa: ad esempio, se è stata già depositata la domanda si separazione, o se la convivenza è diventata intollerabile per via del comportamento dell'altro coniuge, ecc.
    Poi ok, se il coniuge fuggiasco è anche il traditore, lui dovrebbe essere in una posizione molto solida..Però dici "sto con un ragazzo sposato"..se ne deduce che le corna le ha piantate anche lui a lei no? Ecco quindi la situaizone potrebbe anche essere meno netta, per dire se lei sostenesse "me ne sono andata perchè ho saputo che mio marito sta con un'altra donna", cambierebbe un po' la faccenda..
    Verloren ist nur, wer sich selbst aufgibt.

  6. #5
    Miss_Rose_Red
    Donna 27 anni da Verona
    Iscrizione: 11/8/2009
    Messaggi: 243
    Piaciuto: 6 volte

    Predefinito

    Vi spiego un pò la situazione.
    Lei era innamorata di questo ragazzo da 8 anni se non erro (parole sue) e ci si era avvicinata solo ultimamente spacciandolo per migliore amico.
    Fatto sta che non aveva alcun motivo valido per tradire il marito, mentre lui lavorava 10-12 ore al giorno per mantenerla lei se ne stava in giro con l'amico.
    Inoltre ha diffamato il marito raccontando in giro che la picchiava, che l'aveva fatta abortire (quando non è mai stata incinta), che addirittura la struprava, ecc!
    Mentre sul mio conto ha detto che avevo chissà quale malattia (sono sana come un pesce), che mi sono passata un'intera squadra di calcio (perchè lavoravo presso un campo da calcio), che ero una drogata, ecc...
    Il problema fondamentale è che lei non lavora, non ha mai lavorato, infatti ora sta a casa di un'amica e fa la parrucchiera in casa (qualche tinta, qualche taglio, ma niente di più) quindi non ha un vero e proprio stipendio.
    Yohooo beviamoci su!

  7. #6
    Se muoio rinasco P S Y C H O
    da Estero
    Iscrizione: 6/12/2005
    Messaggi: 17,132
    Piaciuto: 1389 volte

    Predefinito

    @Wittmann credo che se si tratti o meno di giusta causa, quella che spinge il traditore a non rispettare il dovere di fedeltà, sia il giudice a deciderlo in maniera soggettiva; ne va da sé che comunque non si è mai certi dell'esito del giudizio finché questi non è stato emesso.

    Se poi risultasse vero quello che la ex moglie afferma [ha diffamato il marito raccontando in giro che la picchiava, che l'aveva fatta abortire (quando non è mai stata incinta), che addirittura la struprava] , i presupposti per la giusta causa ci sono tutti.
    Eres nube. Eres mar, eres olvido. Eres tambien aquello que has perdido.

    E la mia stella è quella stella scialba mia lenta morte senza disperazione.



  8. #7
    SS-Hauptsturmführer Wittmann
    Uomo 36 anni da Reggio Emilia
    Iscrizione: 21/12/2007
    Messaggi: 5,371
    Piaciuto: 799 volte

    Predefinito

    Sì sì è vero, le valutazioni delle "giuste" cause (quali appunto tutte quelle cose, le botte, insulti, tradimenti, ecc.) sono un passo successivo che verrà compiuto dal giudice nel corso del procedimento di separazione, mettevo le mani avanti!
    L'unica "giusta causa" di abbandono della casa che funziona automaticamente e ti mette tranquillo a priori direi che è quella di aver depositato il ricorso per la separazione..
    Verloren ist nur, wer sich selbst aufgibt.

  9. #8
    FdT-dipendente topino1
    Uomo 45 anni
    Iscrizione: 17/3/2011
    Messaggi: 1,505
    Piaciuto: 158 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Wittmann Visualizza il messaggio
    Molto in breve, un coniuge non può abbandonare la casa in cui vive con la famiglia. Se lo fa, il comportamento è sanzionato sia dal punto di vista civile (perde il diritto all'assistenza morale e materiale da parte dell'altro coniuge) che addirittura -se non sbaglio- dal punto di vista penale (se non è stato eliminato, c'è un apposito reato, a.570 codice penale, "violazione degli obblighi di assistenza familiare").
    Il comportamento potrebbe inoltre essere sfruttato nel procedimento di separazione, al fine di far addebitare la separazione al coniuge fuggiasco.
    Tutto questo a meno che l'uscita dalla casa coniugale non abbia una giusta causa: ad esempio, se è stata già depositata la domanda si separazione, o se la convivenza è diventata intollerabile per via del comportamento dell'altro coniuge, ecc.


    Poi ok, se il coniuge fuggiasco è anche il traditore, lui dovrebbe essere in una posizione molto solida..Però dici "sto con un ragazzo sposato"..se ne deduce che le corna le ha piantate anche lui a lei no? Ecco quindi la situaizone potrebbe anche essere meno netta, per dire se lei sostenesse "me ne sono andata perchè ho saputo che mio marito sta con un'altra donna", cambierebbe un po' la faccenda..
    non esiste più

    si chiama allontanamento temporaneo per la quiete della famiglia..

  10. #9
    FdT-dipendente Robin MasterS
    Uomo 36 anni da Venezia
    Iscrizione: 10/9/2008
    Messaggi: 1,319
    Piaciuto: 53 volte

    Predefinito

    sono ignorante in materia .... sorry ...
    Adoro il desiderio....di desiderare.
    il desiderio piu grande...l'essere desiderato

  11. #10
    pietra miliare FDT.. maya
    Donna 35 anni da Piacenza
    Iscrizione: 29/9/2004
    Messaggi: 14,707
    Piaciuto: 420 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Abel Balbo Visualizza il messaggio
    Il tuo ragazzo deve chiedere la separazione con addebito. La differenza con una normale separazione è che la responsabilità della crisi coniugale viene in tal caso "addebitata" a uno dei due coniugi, nel nostro caso alla (ex)moglie del tuo ragazzo.
    Attenzione perché se ci si accorda per una separazione normale non è possibile richiedere l'addebito in un secondo tempo.
    La violazione del dovere di fedeltà coniugale è considerata dal giudice di solito molto grave e - di solito - è una motivazione sufficiente per ottenere l'addebito; però ATTENZIONE perché il giudice andrà a indagare sulle condizioni della situazione coniugale prima dell'avvenuta violazione del dovere di fedeltà. Intendo dire che se la ex del tuo ragazzo può dimostrare che la sua decisione di tradire il marito è stata causata dall'intollerabilità a continuare a viverci insieme, per uno o più motivi che il giudice dovesse ritenere validi, allora l'addebito viene negato, anche se è manifesto che lei abbia tradito il marito.
    Quindi non darei per scontato che l'addebito venga concesso.
    A ogni modo, dal momento che l'addebito serve solo a far perdere il diritto dell'assegno di mantenimento al coniuge in difetto qualora ne avesse diritto, se lei davvero intende rinunciare a tale assegno di mantenimento, non c'è secondo me neanche ragione di richiedere l'addebito, si stipula questo in un atto di separazione consensuale e tutti sono felici.
    Di sicuro mi rivolgerei comunque a un valido avvocato, non si sa mai.
    da figlia con genitori divorziati, sottoscrivo.
    Prima del divorzio definitivo comunque devono passare tot anni purtroppo
    Io sono una foresta e una notte di alberi scuri: ma chi non ha paura della mia oscurità trova anche, sotto i miei cipressi, declivi di rose.
    Miei lavori,anche su commissione:
    http://www.facebook.com/WonderlandFactory

Discussioni simili

  1. Il futuro nei fondi del caffè
    Da mysweetdreams... nel forum Quiz e test
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 1/2/2009, 12:12
  2. Conan il ragazzo del futuro
    Da Godel nel forum Fumetti e cartoni
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 28/4/2008, 13:37
  3. Litha costruction, la casa del futuro
    Da Litha nel forum Off Topic
    Risposte: 185
    Ultimo messaggio: 15/11/2007, 14:41
  4. Il futuro del mondo
    Da biagio rampante nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 8/2/2007, 15:33
  5. Qual è secondo voi il futuro del sesso?
    Da inprova nel forum Curiosità e consigli sul sesso
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 1/10/2006, 22:56