ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 21 a 30 su 42
Like Tree22Mi piace

Erika lascia la comunità

  1. #21
    Pesciolino nell'acquario. Half shadow
    Uomo 30 anni
    Iscrizione: 20/7/2008
    Messaggi: 11,172
    Piaciuto: 815 volte

    Predefinito

    La penso come Wolverine, ricordo che stiamo parlando di una ragazza deviata (ma non dai suoi genitori, è nata marcia ed è una cosa diversa) che oltretutto si confrontava col ragazzo sul come lo avevano fatto come per darsi dei voti e vi sembra che un simile mostro possa redimersi? Ci sono persone per il quale cerco di trovare del buono quando gli errori commessi in passato sono comunque sorvolabili, come si fa però a sorvolare sull'omicidio di una madre sì pignola, ma per amore e di un fratello che per lei stravedeva? Non si può, umanamente credo sia impossibile, tra l'altro poi quella frase "Fatico ad ammazzare una mosca" a me sembra tipica di quelle persone false che vogliono apparire in un modo ma che poi la pensano diversamente, conosco gente che su FB nel profilo scrive "Mi sento male quando al TG parlano di animali maltrattati" e poi sono in grado di dire durante faide di famiglie "Gli ammazzerei tutti gli animali!" per poi subito dire "No, che dico, loro non c'entrano niente!" e credetemi di gente simile ne esiste ed adesso Erika per quello che mi riguarda sta facendo di tutto per apparire redenta, quando assolutamente non lo è.



    Poi non parla a proposto di sua madre e di suo fratello, come mai? Perchè non dice di sentirsi in colpa per quello che ha fatto? Perchè forse sa che non riuscirebbe ad essere convincente, ecco perchè...
    Quote Originariamente inviata da Nuvolablu Visualizza il messaggio
    Dieci anni di carcere per DUE omicidi PREMEDITATI di cui una vittima è un BAMBINO sono semplicemente vergognosi e inacettabili per una societa civile che dovrebbe essere fondata sulla famiglia.
    Non dimentichiamoci che i morti sarebbero stati tre, dato che il padre si è miracolosamente salvato.
    Se ricordo bene comunque in questi anni i periti psichiatri che li hanno esaminati hanno concluso che erano sani di mente quindi non vedo perchè abusare sempre della malattia mentale come alibi alla cattiveria pura che non mi stancherò mai di dire che ESISTE.
    Infatti ne sono convinto anch'io.

    Si cerca di provare che sia solo una malattia mentale, ma per quello che mi riguarda è impensabile.

    Che esista cattiveria mista a follia non lo metto in dubbio, ma allora i malati di mente dovrebbero essere tutti cattivi o mi sbaglio?
    Un forte desiderio può far vincere.

  2. # ADS
     

  3. #22
    Nuvolablu
    Donna 38 anni
    Iscrizione: 14/7/2007
    Messaggi: 27,506
    Piaciuto: 2274 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Half shadow Visualizza il messaggio
    La penso come Wolverine, ricordo che stiamo parlando di una ragazza deviata (ma non dai suoi genitori, è nata marcia ed è una cosa diversa) che oltretutto si confrontava col ragazzo sul come lo avevano fatto come per darsi dei voti e vi sembra che un simile mostro possa redimersi? Ci sono persone per il quale cerco di trovare del buono quando gli errori commessi in passato sono comunque sorvolabili, come si fa però a sorvolare sull'omicidio di una madre sì pignola, ma per amore e di un fratello che per lei stravedeva? Non si può, umanamente credo sia impossibile, tra l'altro poi quella frase "Fatico ad ammazzare una mosca" a me sembra tipica di quelle persone false che vogliono apparire in un modo ma che poi la pensano diversamente, conosco gente che su FB nel profilo scrive "Mi sento male quando al TG parlano di animali maltrattati" e poi sono in grado di dire durante faide di famiglie "Gli ammazzerei tutti gli animali!" per poi subito dire "No, che dico, loro non c'entrano niente!" e credetemi di gente simile ne esiste ed adesso Erika per quello che mi riguarda sta facendo di tutto per apparire redenta, quando assolutamente non lo è.

    Poi non parla a proposto di sua madre e di suo fratello, come mai? Perchè non dice di sentirsi in colpa per quello che ha fatto? Perchè forse sa che non riuscirebbe ad essere convincente, ecco perchè...
    Infatti ne sono convinto anch'io.

    Si cerca di provare che sia solo una malattia mentale, ma per quello che mi riguarda è impensabile.

    Che esista cattiveria mista a follia non lo metto in dubbio, ma allora i malati di mente dovrebbero essere tutti cattivi o mi sbaglio?


    Se uno è malato di mente non è cattivo o meglio è la malattia che lo rende tale e gli fa compiere atti delittuosi.
    La cattiveria pura SENZA malattia mentale invece è un'altra cosa ed è probabilmente più difficile da accettare a livello sociale.
    Chi possiede coraggio e carattere è sempre molto inquietante per chi gli sta vicino.
    (Hermann Hesse)








  4. #23
    Matricola FdT toxic_0
    Uomo 41 anni
    Iscrizione: 23/10/2011
    Messaggi: 89
    Piaciuto: 19 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Abel Balbo Visualizza il messaggio
    Non capisco come fate, come al solito, a emettere giudizi così decisi su una storia e delle persone delle quali non sapete che quanto appare in superficie.
    Io credo che gli omicidi più disprezzabili siano quelli che si fanno per interessi e non è questo il caso. Qui entrano in gioco sentimenti forti, che cosa può spingere a uccidere una madre? Nessuno di noi sa rispondere eppure giudichiamo... oppure mi fa ridere la considerazione che ha ucciso e quindi può uccidere ancora: perché noi altri non potremmo uccidere? Per evitarlo allora dovremmo vivere tutti dietro a delle sbarre! Per non parlare del padre, che giudizi possiamo dare noi, che cosa ne sappiamo di quel che si prova quando una nostra appendice, nostra figlia, ci rinnega fino al punto da negarci la vita? Se mio figlio domani tirasse un pugno a un suo compagno, io mi sentirei responsabile per non averlo saputo educare a non fare certe cose, figuriamoci se commettesse un omicidio... quello dell'intera sua famiglia per giunta...
    Io per tutti gli attori di questa storia provo una gran pena, ma non mi sento assolutamente in grado né in diritto di giudicare.
    Vaglielo a dire a Luca, il fratellino di Erica di 12 anni mentro lo stavano uccidendo squartandolo con 70 coltellate che " sì, ti sta uccidendo tua sorella che ritenevi un modello, ma tuttavia esistono altri omicidi più disprezzabili, tranquillo Luca stai morendo, ma ad altra gente è andata peggio..."
    Voler spiegare a tutti i costi fatti e crimini del genere compiuti da persone che non danno peso alle proprie azioni e alla vita altrui trovando giustificazioni su come e perchè è tardi ora, è troppo tardi per tutti gli interessati.
    Opinioni spaccate come sempre su tanti temi, io ritengo che con tutta la vita ancora davanti e per quello che dimostra fare ancora oggi questa persona non ha ancora scontato la giusta condanna e che non è per nulla pronta a stare in mezzo alle persone.
    Vedremo nei prossimi anni se sentiremo parlare ancora di lei e chi avrà avuto ragione.
    A Half shadow piace questo intervento

  5. #24
    Pesciolino nell'acquario. Half shadow
    Uomo 30 anni
    Iscrizione: 20/7/2008
    Messaggi: 11,172
    Piaciuto: 815 volte

    Predefinito

    @toxic: Io comunque spero di essermi sbagliato, nell'interesse di chi avrà a che fare con lei.
    Un forte desiderio può far vincere.

  6. #25
    Can che dorme Wolverine
    Uomo 34 anni
    Iscrizione: 3/4/2006
    Messaggi: 43,734
    Piaciuto: 2782 volte

    Predefinito

    Io onestamente rimango dell'opinione che ci sono persone che con certi tipi di atti perdono ogni diritto, compreso (e io direi SOPRATTUTTO, dal mio punto di vista) quello ad una seconda chance.
    Erika appartiene a questa schiera.
    A Half shadow piace questo intervento
    That is not dead which can eternal lie, and with strange aeons even death may die

    (Abdul Alhazred)

  7. #26
    Matricola FdT toxic_0
    Uomo 41 anni
    Iscrizione: 23/10/2011
    Messaggi: 89
    Piaciuto: 19 volte

    Predefinito

    Da questo punto di vista anche io Half Shadow, ho letto il tuo intervento in cima alla pagina e condivido in pieno ogni passo, non sarà facile vivere ancora sotto lo stesso tetto per il padre e la figlia, dovranno ricostruire tutto, mi auguro siano in grado, ma sono dubbioso al riguardo, come mentalità è rimasta a livello di una undicenne viziata e svampita, anche se ha studiato e si è diplomata.
    A Half shadow piace questo intervento

  8. #27
    Pesciolino nell'acquario. Half shadow
    Uomo 30 anni
    Iscrizione: 20/7/2008
    Messaggi: 11,172
    Piaciuto: 815 volte

    Predefinito

    Se una persona simile è tuttora immatura a mio parere nemmeno ha capito dove ha sbagliato e finge unicamente di averlo fatto...
    Un forte desiderio può far vincere.

  9. #28
    Se muoio rinasco P S Y C H O
    da Estero
    Iscrizione: 6/12/2005
    Messaggi: 17,136
    Piaciuto: 1391 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Wolverine Visualizza il messaggio
    Quella famiglia è stata passata praticamente alla radiografia, se fossero emersi comportamenti devianti da parte dei genitori lo si sarebbe saputo dopo due nanosecondi.

    Spesso le cose SIAMO NOI a renderle complicate quando in realtà potrebbero essere molto più semplici. Ci rifiutiamo, o almeno molti di voi si rifiutano, di ammettere che possono esistere tranquillamente uomini e donne che sono nè più nè meno che DEVIATI fino a livelli mostruosi, senza che per questo sia colpa nè della famiglia, nè tantomeno della società o della Fata Turchina.
    Erika è una di queste persone, senza "se", senza "ma", senza "chissà". Per persone come lei non dovrebbe poter esistere alcuna possibilità di redenzione, una società civile dovrebbe avere il coraggio di liberarsi di simili elementi, a qualunque costo.
    Le radiografie di cui parli tu sono quelle fatte allo scopo di cercare qualche notizia o appiglio per metter su qualche ora di trasmissione televisiva con grande odiens. Quindi se e quando emerge che il padre faceva incularella col fratellino o lo zio aveva le foto di bambini ignudi nel suo notebook, quello emerge immediatamente. Ci sono invece altre realtà che non traspariscono ma che talvolta sono pesanti come macigni per chi le vive. A parte i casi eclatanti di omicidi in famiglia, che pure esistono e sono più numerosi di quanto possiamo immaginare, quanti casi di figli che hanno pessimi rapporti coi loro genitori, di fratelli in lite perenne tra loro, di genitori che plagiano i propri figli o tentano di farlo volendogli a forza trasmettergli falsi valori su cui hanno erroneamente fondato l'intera loro vita e quindi vorrebbero fare altrettanto con le loro appendici. Io non credo che Erika non avesse alcun motivo per uccidere la propria famiglia, tanto più se come dice @Nuvolablu è stata riscontrata sana di mente; si può semmai discutere sulla validità di tali motivazioni, tenendo comunque sempre presente che gli strumenti di una 16enne non possono essere quelli di una persona matura.

    ---------- Messaggio aggiunto alle 7:24 ----------

    Quote Originariamente inviata da Nuvolablu Visualizza il messaggio
    Dieci anni di carcere per DUE omicidi PREMEDITATI di cui una vittima è un BAMBINO sono semplicemente vergognosi e inacettabili per una societa civile che dovrebbe essere fondata sulla famiglia.
    Mi sembra che la cronaca nera quotidiana dimostri come la famiglia sia una fucina di omicidi, stupri, violenze di varia natura, plagi, invidie, etc, che non capisco da dove deriva la tua convinzione che una società debba in essa ricercare le fondazioni della propria civiltà...
    Eres nube. Eres mar, eres olvido. Eres tambien aquello que has perdido.

    E la mia stella è quella stella scialba mia lenta morte senza disperazione.



  10. #29
    Se muoio rinasco P S Y C H O
    da Estero
    Iscrizione: 6/12/2005
    Messaggi: 17,136
    Piaciuto: 1391 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da toxic_0 Visualizza il messaggio
    Vaglielo a dire a Luca, il fratellino di Erica di 12 anni mentro lo stavano uccidendo squartandolo con 70 coltellate che " sì, ti sta uccidendo tua sorella che ritenevi un modello, ma tuttavia esistono altri omicidi più disprezzabili, tranquillo Luca stai morendo, ma ad altra gente è andata peggio..."
    Voler spiegare a tutti i costi fatti e crimini del genere compiuti da persone che non danno peso alle proprie azioni e alla vita altrui trovando giustificazioni su come e perchè è tardi ora, è troppo tardi per tutti gli interessati.
    Opinioni spaccate come sempre su tanti temi, io ritengo che con tutta la vita ancora davanti e per quello che dimostra fare ancora oggi questa persona non ha ancora scontato la giusta condanna e che non è per nulla pronta a stare in mezzo alle persone.
    Vedremo nei prossimi anni se sentiremo parlare ancora di lei e chi avrà avuto ragione.
    Io ho detto che l'omicidio per interesse è il più grave per chi lo commette. Dal punto di vista della vittima, ammesso che possa avere un senso, dal momento che con noi muore anche qualsiasi nostro sentimento, dovrebbe essere maggiormente indolore morire perché il suo assassino ambisce al suo portafoglio piuttosto che perché per lui l'esistenza della neo-vittima è diventata un peso.

    Mi sembri molto superficiale nel giudizio: che cosa intendi con quel "quello che dimostra fare ancora oggi questa persona [riferito a Erika]", che cosa starebbe facendo da darti così tante certezze?
    Eres nube. Eres mar, eres olvido. Eres tambien aquello que has perdido.

    E la mia stella è quella stella scialba mia lenta morte senza disperazione.



  11. #30
    Ghajarya Annie Lennox
    Donna 142 anni
    Iscrizione: 20/9/2010
    Messaggi: 17,421
    Piaciuto: 7509 volte

    Predefinito

    Che sia stato un omicidio crudele non c'è dubbio. Che la pena è stata davvero vergognosa è un dato di fatto, ma la ragazza era minorenne, quindi ci sta. Ripeto, NESSUNO può conoscere il percorso fatto dalla ragazza. Nessuno può avere la certezza che la ragazza sia ancora la ragazza che ha ucciso il fratellino e la madre. So che può sembrare una cosa paradossale dire che si può uscire da quella "dimensione" e cambiare completamente, ma io credo che sia possibile. La ragazza, per lo stato, ha pagato il suo debito.
    Ricordo che lo scopo delle carceri dovrebbe essere anche quello di riabilitare la persona. Ma non c'è mai un perdono "sociale". Una persona nella vita non può commettere cazzate, non può sgarrare, che verrà marchiato a vita. La verità è che alla gente non interessa se c'è o non c'è una nuova Erika. La gente preferisce, perchè è la via più breve, puntare il dito e condannare la persona a vita. Alla gente non interessa pensare che, forse, la ragazza può essersi pentita, può essere cambiata, può essere una persona completamente diversa. Il mio non è buonismo, è solo un cercare di andare oltre quello che è lo stereotipo del carcerato che viene rilasciato ed è un pericolo per la società.
    Que me face isto amor, toda a vida a navigar, todas as velas a rasguear, todas as islas a descubrir a praia sud de todos os ventos, a praia sud de toto o mar, pra enfrentar todas as ondas e navigar multo mais a frente..

Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Nek - Lascia che io sia
    Da Kikka_86 nel forum Testi musicali
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 11/5/2007, 9:50
  2. Mi sento di difendere Erika
    Da maya nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 136
    Ultimo messaggio: 21/7/2006, 18:07
  3. prima mi lascia e poi torna,che fare?
    Da coniglietta07 nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 30
    Ultimo messaggio: 19/6/2006, 23:53
  4. Mi lascia sempre sola....
    Da miriel nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 49
    Ultimo messaggio: 28/11/2005, 14:22
  5. Zola lascia
    Da anonimo1 nel forum Sport
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 5/7/2005, 17:05