ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 19

I crimini del regime comunista di Fidel

  1. #1
    ti confondo e ti piace Ligaro
    Uomo 36 anni da Torino
    Iscrizione: 29/12/2005
    Messaggi: 3,842
    Piaciuto: 144 volte

    Predefinito I crimini del regime comunista di Fidel

    Mi sono imbattuto in questo articolo attraverso una mailing list.

    Non ho mai idolatrato il regime cubano e continuerò a non farlo.
    Fatico anche a definirlo autenticamente comunista, perchè secondo il progetto di Marx l'ultima tappa che si sarebbe dovuta raggiungere era quella dell'anarchia; in realtà la fase dittatoriale si è incancrenita, e questo in tutte le realtà in cui si è cercato di realizzare una società comunista



    I crimini del regime comunista di Fidel
    di Stefania Lapenna - 25 luglio 2006


    Coloro che conoscono la realtà cubana sanno che il 13 Luglio del 1994 passerà alla storia come la data in cui fu compiuto uno dei tanti crimini del regime comunista di Fidel Castro. Era una mattina soleggiata e calda come tutte le altre nell'isola caraibica. Un gruppo di 71 cubani salpò dal porto dell'Avana a bordo di una imbarcazione di legno costruita a mano, battezzata con il nome di "13 de Marzo". Direzione, come per tutte le migliaia di persone che fuggono da Cuba via mare: la Florida. I profughi non fecero a tempo a superare il tratto di mare appartenente al territorio cubano, che vennero accerchiati dalle motovedette della Guardia Costiera cubana, le quali cominciarono a sparare acqua sull'imbarcazione, colpendo varie volte le persone a bordo. I sicari del regime non si fermarono neanche sentendo le grida disperate di donne e bambini presenti nella barca. Alla fine, l'inondazione che affondò l'imbarcazione uccise 41 persone, tra cui donne e bambini tra i 2 ed i 6 anni.

    Il 13 luglio dello scorso anno, alcuni parenti delle vittime, vari sopravvissuti e attivisti per i diritti umani,decisero coraggiosamente di inscenare una manifestazione pacifica all'Avana. Durante la manifestazione, furono consegnati volantini alla gente nel quale si spiegava cosa successe quel tragico giorno. Dopodichè, al grido di «Giustizia per le vittime dell'affondamento dell'imbarcazione 13 de Marzo», gli attivisti si erano recati nel lungomare della capitale cubana, per lanciare fiori nel mare, leggendo i nomi delle vittime, davanti a decine di cubani seduti nella banchina del porto del Malecòn. Subito dopo aver parlato con la stampa internazionale accreditata nell'isola, gli attivisti sono stati raggiunti da un centinaio di militanti del partito comunista, guidati da agenti della polizia politica in borghese. Subito sono cominciati gli insulti, tra i quali «svenditori della patria», «contro-rivoluzionari», eccetera. Al grido di «la strada è di Fidel» e «Fidel è presente», i comunisti hanno costretto gli attivisti a salire su una camionetta, che li ha condotti ad un'unità di polizia.

    Da allora, molti di loro giacciono in carcere senza che gli sia stata formulata alcuna accusa.Ma sopratutto, da quel giorno è cominciata la seconda ondata repressiva dopo quella che nel Marzo del 2003 portò in carcere 75 tra giornalisti indipendenti e attivisti per i diritti umani. Repressione che continua ancora oggi, fatta di «atti di ripudio» di fronte alle case degli attivisti di movimenti dissidenti, simili a quelli contro gli attivisti del 13 Luglio dell'anno scorso. Repressione fatta anche di minacce di morte da parte della polizia politica e dei militanti del partito comunista. Anche in questi giorni vengono arrestati attivisti e vengono organizzati atti di terrorismo di Stato anche contro persone anziane, madri di dissidenti.

    Nonostante la repressione sia in aumento, i più di 300 movimenti e partiti oppositori stanno incrementando le loro attività, consistenti - tra le altre cose - nel comunicare con la popolazione, distribuire materiale considerato sovversivo dal regime (come la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani), aprire nuove biblioteche alternative, in aggiunta alle 100 già esistenti e convocare assemblee con lo scopo di cercare la necessaria unità delle forze d'opposizione per intensificare la lotta contro il regime comunista. Forse pochi lo sanno, ma ormai i cubani stanno perdendo la paura di esprimere il proprio malcontento generale nei confronti di Castro. La vita quotidiana nell'isola è pessima: non ci sono medici, perchè vengono inviati all'estero. Non ci sono medicine, che però sono a disposizione dei turisti e dei pochi privilegiati del sistema. I cubani che, per sopravvivere, sono costretti a fare i venditori ambulanti, vengono multati con multe che solo un ricco può pagare. I black-out sono settimanali, l'acqua manca e quella che c'è non è quasi mai potabile. Il cibo scarseggia e quel poco che i cubani possono comprare attraverso la tessera di razionamento è di pessima qualità, spesso provocando epidemie ed infezioni. Tutto questo spinge molti cubani a scappare, e quelli che non possono scappare criticano il regime ed addirittura molti si uniscono ai gruppi oppositori.



    Insomma, a Cuba è cominciata la transizione. Una transizione fatta e voluta dalla gente comune. Molti a Cuba sono convinti che il regime castrista non sopravviverà alla morte di Castro, che alcuni non vedono poi tanto lontana. Questa ipotesi è avvalorata dal fatto che tuttora gli stessi componenti del regime si chiedono se davvero Raul, il fratello del dittatore, potrà mantenere in vita il sistema comunista, perchè esso è sempre stato incentrato nella figura di Fidel Castro. Una cosa è certa: saranno i cubani stessi che non permetteranno alla rivoluzione di sopravvivere. Il giorno in cui verranno indette elezioni libere e democratiche sarà il giorno in cui si potrà finalmente fare giustizia per i tanti crimini castristi, tra i quali il massacro dei profughi del 13 de Marzo.

  2. # ADS
     

  3. #2
    Sempre più FdT
    Uomo 38 anni da Trento
    Iscrizione: 28/9/2005
    Messaggi: 2,214
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito

    Filosofo sono contento che tu abbia aperto questo topic....vediamo adesso cosa ha da dire frichettone ..cmq è una cosa scandalosa....spero che cuba torni ai cubani presto

  4. #3
    Overdose da FdT
    Donna 38 anni
    Iscrizione: 27/12/2005
    Messaggi: 7,805
    Piaciuto: 4 volte

    Predefinito

    sapevo com'era la situazione e devo dire che è assolutamente assurda

  5. #4
    Can che dorme Wolverine
    Uomo 36 anni
    Iscrizione: 2/4/2006
    Messaggi: 43,736
    Piaciuto: 2786 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da adfk
    Filosofo sono contento che tu abbia aperto questo topic....vediamo adesso cosa ha da dire frichettone ..cmq è una cosa scandalosa....spero che cuba torni ai cubani presto
    La penso allo stesso modo, sia sui complimenti a filosofo sia sull'ansia di aspettare fricchettone...e io aggiungo anche Che e s@ve

  6. #5
    Assuefatto da FdT
    Uomo da Pistoia
    Iscrizione: 6/6/2006
    Messaggi: 626
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Il comunismo è POTERE AL POPOLO e nemmeno Cuba si può considerare un paese comunista, a causa della dittatura di Fidel Castro.
    E' imperdonabile la mancanza di libertà di espressione e di stampa, così come la legalità della pena di morte (comunque molto meno usata che in USA)
    Ma come non far caso alla sanità cubana? E all'istruzione? Sono a livello dei paesi occidentali, anche la Banca Mondiale si è congratulata con Castro per gli ottimi risultati ottenuti in questi settori.
    Nessuno muore di fame a Cuba, tutti hanno una casa.
    Cuba è certamente un passo avanti rispetto ai regimi comunisti di Russia e Vietnam, ma si DEVONO ancora migliorare molte cose. Insieme ce la faremo!

  7. #6
    Vivo su FdT efaf
    Uomo 52 anni da Avellino
    Iscrizione: 17/1/2005
    Messaggi: 3,577
    Piaciuto: 15 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fricchettone
    ...
    Cuba è certamente un passo avanti rispetto ai regimi comunisti di Russia e Vietnam, ma si DEVONO ancora migliorare molte cose. Insieme ce la faremo!
    Bello che ci sia ancora chi ci crede....

    Spero per i cubani che la situazione migliori....

  8. #7
    alice92
    Ospite

    Predefinito

    frichettone sotto vari aspetti hai ragione però i crimini sono stati davvero troppi mah...

  9. #8
    Se muoio rinasco P S Y C H O
    da Estero
    Iscrizione: 6/12/2005
    Messaggi: 17,140
    Piaciuto: 1393 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da darkness_creature

    La penso allo stesso modo, sia sui complimenti a filosofo sia sull'ansia di aspettare fricchettone...e io aggiungo anche Che e s@ve

    Visto che mi hai chiamato, rispondo.

    Nei miei interventi relativi a Cuba ho sempre apprezzato e difeso il fatto che a Cuba esista la migliore Sanità e Scuola di tutto il continente americano (quando dico continente americano che si includano anche gli states).

    Ti sfido a trovare un mio intervento dove ho difeso certi sistemi tipici di un regime assolutista.
    Andrebbero semmai fatte alcune considerazioni, per esempio che Cuba non è il solo paese dove vige una dittatura, eppure in un continente americano sotto il totale controllo degli U.S.A. sembra che sia l'unica isola infelice.
    Vorrei ricordare, altro esempio, che l'11 settembre 1973 (che strano, fu l'11 settembre, eppure sembra che in tale data si debba ricordare solo un'altra strage!!!) i golpisti di Pinochet fecero in Chile in un giorno più morti di quanti ne può aver fatti il regime Castrista in tutti i lustri della sua durata.
    Ancora non va dimenticato che la rivoluzione cubana ha portato una dittatura, ma ne ha scacciata un'altra che ti assicuro era assai peggiore, quella di Batista, solo che di quella non si poteva e può parlare perché, come le altre di stampo sudamericano, era marcata U.S.A. .

    L'esaltazione e l'emblema di Cuba è proprio nella rivoluzione: il popolo oppresso che si ribella al regime.
    Hasta siempre significa (per chi non conosce il castellano) "fino alla morte": quando le condizioni di vita diventano insopportabili e solo allora il popolo trova la forza per alzarsi in piedi e insorgere, anche a costo di morire.

  10. #9
    Se muoio rinasco P S Y C H O
    da Estero
    Iscrizione: 6/12/2005
    Messaggi: 17,140
    Piaciuto: 1393 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da efa


    Spero per i cubani che la situazione migliori....

    Questo lo speriamo in tanti, ma io ho i miei dubbi che ciò possa accadere, in ogni caso.

    Quello che veramente disapprovo del regime di Fidel Castro è proprio questo: non aver pensato alla sua successione. Questa sarebbe dovuta avvenire per gradi mentr'egli era (è ) ancora in vita; produrre un indolore e lento passaggio dalla dittatura a una democrazia che diventasse così salda da sapersi opporre ad altri regimi oppressivi che sicuramente saranno.
    Persino Franco in Spagna, il cui regime si è davvero macchiato dei peggiori delitti, ha avuto tale lungimiranza.
    C'è da dire che la realtà cubana è quella di un paese sudamericano, dove una democrazia stabile non è possibile a causa di certi vicini...

    Il peggiore degli scenari possibili secondo me sarà l'avvento del capitalismo e del filostatunitensismo... arriveranno gli elettrodomestici anche lì, alcuni persino si arricchiranno, il reddito medio addirittura aumenterà; ma, nonostante questo, ci sarà una grande fetta di cubani che torneranno alla miseria più nera. Spero di sbagliarmi.

  11. #10
    Se muoio rinasco P S Y C H O
    da Estero
    Iscrizione: 6/12/2005
    Messaggi: 17,140
    Piaciuto: 1393 volte

    Predefinito

    :smt026

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Gem Boy - Berlusconi comunista
    Da twix ™ nel forum Testi musicali
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 19/9/2006, 13:59
  2. fidel castro in ospedale
    Da John Galliano nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 195
    Ultimo messaggio: 10/8/2006, 17:14