ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 5 su 5
Like Tree1Mi piace
  • 1 Intervento di Jo Constantine

Terremoti e alluvioni lo Stato non paga più i danni

  1. #1
    Assuefatto da FdT Teknival
    Uomo 31 anni
    Iscrizione: 20/12/2009
    Messaggi: 736
    Piaciuto: 110 volte

    Predefinito Terremoti e alluvioni lo Stato non paga più i danni

    notizia del giorno: 18 maggio, 2012 - ore: 12:10



    Lo Stato non pagherà più i danni ai cittadini nel caso che terremoti, alluvioni o altri disastri del genere danneggino le loro abitazioni. La norma è inserita nel decreto che riforma la Protezione civile, da ieri in Gazzetta ufficiale. Quindi da oggi, il cittadino che voglia ricostruire la propria casa o la propria azienda distrutta da una qualsivoglia catastrofe naturale, avrà una sola possibilità: quella di ricorrere a un’assicurazione volontaria.Il decreto. Il decreto legge 59, che ha come scopo quello di riordinare l’intero sistema della Protezione civile (assegna, per esempio, maggiori poteri al capo del Dipartimento: è lui che potrà firmare direttamente le ordinanze; fino ad oggi serviva la firma del Presidente del Consiglio), rischia di rivelarsi un bel guaio per i cittadini. Il decreto fissa in 60 giorni (più una proroga di altri 40) dalla dichiarazione dello stato d’emergenza il periodo in cui lo Stato si fa carico di tutte le spese (i primi soccorsi, l’assistenza medica eccetera). Dal 101esimo giorno in poi niente più, interverrà solo l’amministrazione competente. Nel caso di un terremoto, poniamo L’Aquila, tutta la ricostruzione non contemplerà più, in nessuna maniera, l’intervento dello Stato. Lo Stato, questo è il succo, non è più in grado di fare fronte a questo tipo di spese.L’assicurazione. Come farà allora il cittadino che si è visto distruggere la propria casa dalla furia di un terremoto per ricostruirsela? L’unica via è la «copertura assicurativa su base volontaria contro i rischi di danni derivanti da calamità naturali». La norma stabilisce che «possono essere estese ai rischi derivanti» da calamità le polizze assicurative contro qualsiasi danno a fabbricati di privati. La legge tuttavia pone un problema di diseguaglianza tra cittadini che non sarà di facile soluzione: il cittadino di un paese della Sardegna, terra notoriamente asismica, pagherà poco per assicurare la sua abitazione dal rischio di un terremoto. Ma il cittadino di un paese che sta alle falde del Vesuvio quanto pagherà per assicurare la sua casa? Probabilmente cifre astronomiche, che neppure potrà permettersi. Ammesso e non concesso che esista una compagnia d’assicurazione che accetti di stipulargli una polizza. Il decreto stabilisce che entro 90 giorni Palazzo Chigi, di concerto con i ministeri dell’Economia e dello Sviluppo economico e sentita la Conferenza Stato-Regioni e l’Isvap dovrà emanare un regolamento per disciplinare la materia. Si è ancora alle fasi di studio, quindi, per capire modalità e termini dell’avvio del regime assicurativo. Non sarà una cosa semplice. Una prima ipotesi ha previsto, per evitare le disparità tra cittadini, di arrivare all’assicurazione obbligatoria per tutti con un costo che, secondo le stime dei tecnici, dovrebbe essere di un centinaio di euro per ogni abitazione. Insomma siamo ancora lontani dalla soluzione. Il decreto prevede «un regime transitorio a fini sperimentali». Nel frattempo speriamo che non piova. © C. Mer.

    Terremoti e alluvioni lo Stato non paga più i danni - Cronaca - Ultime Notizie


  2. # ADS
     

  3. #2
    Wowbagger Jo Constantine
    Uomo 33 anni da Roma
    Iscrizione: 29/1/2009
    Messaggi: 31,903
    Piaciuto: 9037 volte

    Predefinito

    Ad essere pignoli, l'esempio è un po' del cazzo visto che le casa alle falde del Vesuvio non ci dovrebbero stare, però il concetto regge.

    Onestamente sono senza parole, sono state comprate 130 nuove auto blu e lo stato non può più aiutare quelli colpiti dal terremoto...vabbè
    A Empusa piace questo intervento

  4. #3
    Mai più senza FdT RudeMood
    Donna 40 anni
    Iscrizione: 3/2/2009
    Messaggi: 10,246
    Piaciuto: 1043 volte

    Predefinito

    Mah... quasi quasi...


    Con questa garanzia **** tutela la responsabilità civile dell'Assicurato, del partner e dei famigliari conviventi in caso di danni causati involontariamente a terzi nell'ambito della vita privata. I rischi coperti sono estesi alle molteplici situazioni che ricorrono nella vita privata. Sono altresì comprese le coperture relative alla conduzione dei locali, alle attività del tempo libero (quali hobby e sport), agli infortuni degli addetti ai servizi domestici regolarmente dichiarati, ai danni provocati da figli minori anche affidati a parenti e affini non conviventi, nonché i danni eventualmente causati da gatti.

    +
    Con questa garanzia **** protegge i locali dell'abitazione da numerosi rischi. L'oggetto assicurato è costituito dai locali di proprietà dell'Assicurato, dalle dipendenze come cantine e box e da tutte le altre parti connesse all'abitazione (recinzioni, piscine, antenne, ecc.). Sono coperti i danni causati da incendio ed eventi correlati, i danni da acqua condotta, gelo, fenomeno elettrico, eventi naturali e socio-politici, rottura accidentale di lastre di cristallo o vetro. Sono altresì rimborsate spese indirette sostenute dall'Assicurato in seguito al sinistro, quali ad esempio: sgombero dei beni distrutti, alloggio in albergo, ecc.

    +
    Ricerca e riparazione danni da acqua

    +
    Con questa garanzia **** protegge i beni contenuti nell'abitazione da numerosi rischi che possono danneggiarli. L'oggetto assicurato è costituito da tutto ciò che si trova all'interno dell'abitazione come mobili, vestiti, oggetti preziosi, denaro e il contenuto delle dipendenze (cantine, box, ecc.). Sono coperti i danni causati da incendio ed eventi correlati, da acqua condotta, gelo, fenomeno elettrico, eventi naturali e socio-politici, rottura accidentale di lastre di cristallo o vetro. Sono altresì rimborsate eventuali spese indirette sostenute dall’Assicurato in seguito a sinistro, quali ad esempio: sgombero dei beni distrutti, alloggio in albergo, ecc.

    +
    Con questa garanzia **** protegge i beni contenuti nell'abitazione da furto, rapina, guasti e atti vandalici cagionati dai ladri.

    L'oggetto assicurato è costituito da mobili, oggetti d'arredamento, pellicce, tappeti, argenteria e, in genere, ciò che è contenuto nei locali dell'abitazione (esclusi preziosi e valori) e nelle dipendenze (cantine, box, ecc.).
    Sono compresi i danni da effrazione e inoltre la copertura è estesa ai beni personali portati in villeggiatura.

    +
    Tutela Legale: Casa e Famiglia

    Premio: 240 € annui per appartamento 90 mq, Lazio





  5. #4
    Vivo su FdT Empusa
    Donna 32 anni
    Iscrizione: 22/9/2009
    Messaggi: 3,507
    Piaciuto: 1205 volte

    Predefinito

    Bah lo Stato, come ha detto Jo, ha comprato nuove auto blu che non servivano ad un'emerita nerchia e non si occupa più di queste cose. Si perde in frivolezze, quando c'è la gente che chiede aiuto.

  6. #5
    cheshire cat Artemisia
    Uomo 72 anni da Firenze
    Iscrizione: 11/7/2006
    Messaggi: 34,748
    Piaciuto: 5419 volte

    Predefinito

    Il problema che la gente dovrebbe fare qualcosa, invece stiamo qui ad aspettare che ci tolgano anche le mutande. Merde.
    The smallest feline is
    a masterpiece.
    Leonardo da Vinci



Discussioni simili

  1. Luciano Ligabue - Non fai più male
    Da Sally nel forum Testi musicali
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 3/6/2011, 18:45
  2. Vasco Rossi - Io non so più cosa fare
    Da Pollo82 nel forum Testi musicali
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 17/5/2007, 10:11
  3. Il reality non ha più confini
    Da SamFisher nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 11/10/2005, 20:11
  4. Non ho più voglia
    Da Lilith nel forum Improvvisazione
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 7/6/2005, 19:47

Tag per questa discussione