ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 14

[Linux] Domande/curiosità sul boot (in 10 secondi)

  1. #1
    Sempre più FdT
    Uomo 80 anni
    Iscrizione: 21/4/2005
    Messaggi: 3,038
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito [Linux] Domande/curiosità sul boot (in 10 secondi)

    Ciao. Ubuntu ha previsto di ridurre i tempi di boot a 10secondi nella futura versione (10.4? ).
    In base a ciò, avete delle domande o curiosità che vorreste sapere, sia relativa a questa idea (di ridurre drasticamente i tempi di boot) sia alla fase di boot in generale?

    Ultima modifica di salander; 14/9/2009 alle 18:15

  2. # ADS
     

  3. #2
    obo
    .
    30 anni
    Iscrizione: 23/9/2005
    Messaggi: 35,506
    Piaciuto: 122 volte

    Predefinito

    quando ho letto la notizia tempo fa mi sono domandato:
    1)com'è possibile a parità di hardware? posso capire miglior codice però se certi servizi e demoni al'avvio vanno caricati, vanno caricati. e se ora impiegano tot non riesco a concepire come possano avere prestazioni talmente migliori
    2)perchè linux può farlo e altri so no?
    per il resto, se il so si avviasse in 1 secondo non mi dispiacerebbe

    si comunque, per la 10.4 LTS, che sarà quella con il supporto per 5 anni, LTS che è di solito la versione su cui Canonical punta di più ogni 3 anni.

  4. #3
    Vivo su FdT
    Uomo 31 anni da Milano
    Iscrizione: 30/4/2005
    Messaggi: 3,821
    Piaciuto: 12 volte

    Predefinito

    Se il boot in 10 secondi non compromette la stabilità del sistema operativo e garantisce che, una volta avviato, tutto funzioni correttamente, non vedo che male ci sia. In generale comunque trovo che 30 secondi di boot e 10 secondi di boot non facciano poi tanta differenza. Normalmente ci si mette 30-40 secondi ad avviare un computer, indipendentemente dal sistema operativo.
    Sarebbe curioso sapere come si fa ad accelerare il boot, da un punto di vista della programmazione dove si agisce.

  5. #4
    Tyler Durden
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito

    una su tutte.. quando dice "ridurre il boot a 10 secondi" su che HW intende? perchè c'entra l'HW no? mica posso metterlo su un 166 e sperare che si avvii in 10 secondi?

    e poi intende quando l'OS è appena installato no? cioè prima che si inizi a smanettare? perchè la differenza io la sento.. appena installo linux è una freccia a bootare.. dopo un mese che ho installato l'ira di dio rallenta.. rallenta un sacco (il boot dico)

  6. #5
    Sempre più FdT
    Uomo 80 anni
    Iscrizione: 21/4/2005
    Messaggi: 3,038
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito

    sul "come fa a parità di hw" vi posso dire che parallelizza l'avvio dei servizi. Nel senso, attualmente vengono caricati in serie, quando finisce uno inizia l'avvio del successivo. Quello che si sta tentando di fare è caricarne 2-3 in modo parallelo (cosa agevolata anche dai moderni processori multicore). In questo modo si riducono notevolmente i tempi di avvio. Anche se tali script sono in fase di sviluppo e non sono ancora completamente stabili. Bisognerebbe aspettare un po'.

    @Technics: se non ricordo male avevano detto che la macchina di riferimento era un Dell Mini (un netbook della dell). Se inizi a smanettare e il tempo di boot aumenta, molto probabilmente aumenti i servizi da far partire in fase di boot. Oppure tocchi qualcosa nel sistema per cui un certo servizio non parte più e va in timeout, mettendoci più tempo del solito

    PS: Su dei sistemi embedded sono riusciti a fare il boot di linux in 1 secondo Ovviamente riducendo al minimo essenziale kernel e demoni da avviare e ottimizzando il sistema in modo impressionante
    Ultima modifica di salander; 14/9/2009 alle 18:14

  7. #6
    Marco™
    Uomo 30 anni da Padova
    Iscrizione: 20/3/2008
    Messaggi: 2,336
    Piaciuto: 53 volte

    Predefinito

    Da utente windows ti dico: perché puntare sui tempi di boot quando poi puoi mettere il sistema in standby o sospensione?
    A maggior ragione su linux, dove (da quel che so) i riavvii di sistema sono legati soltanto ad aggiornamenti del kernel, quindi meno frequenti rispetto alla controparte win.
    «…no pain, no gain…»

    Iscriviti e guadagniamo tutti e due 500 MB in più su Dropbox - http://db.tt/HbfENti6

  8. #7
    Vivo su FdT
    Uomo 31 anni da Milano
    Iscrizione: 30/4/2005
    Messaggi: 3,821
    Piaciuto: 12 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Marco =w= Visualizza il messaggio
    Da utente windows ti dico: perché puntare sui tempi di boot quando poi puoi mettere il sistema in standby o sospensione?
    A maggior ragione su linux, dove (da quel che so) i riavvii di sistema sono legati soltanto ad aggiornamenti del kernel, quindi meno frequenti rispetto alla controparte win.
    Ho sempre trovato la sospensione e l'ibernazione delle emerite cavolate... a parte che il computer ci mette non poco a riprendersi (da disco devi rimettere tutto in ram), spesse volte mi è capitato che la scheda audio non funzionasse più, che i programmi non partivano più, che dopo un tot mi beccavo una schermata blu...

  9. #8
    Sempre più FdT
    Uomo 80 anni
    Iscrizione: 21/4/2005
    Messaggi: 3,038
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Marco =w= Visualizza il messaggio
    Da utente windows ti dico: perché puntare sui tempi di boot quando poi puoi mettere il sistema in standby o sospensione?
    A maggior ragione su linux, dove (da quel che so) i riavvii di sistema sono legati soltanto ad aggiornamenti del kernel, quindi meno frequenti rispetto alla controparte win.
    In parte concordo. Non per lo stanby o sospensione, ma sul fatto che il tempo di boot sia poco significativo
    codice:
     matteo@swing ~ $ uptime
     11:36:32 up 74 days, 17:23,  2 users,  load average: 2.20, 2.36, 2.30
    Come vedi il mio computer è acceso da 74giorni e 17ore consecutivi. Beh, il tempo di boot influenza molto poco!

    A parte ciò, il 90% delle persone sono fissate sui tempi di boot, e vogliono che sia più breve possibile. E le principali distro si stanno adeguando a ciò.

  10. #9
    Tyler Durden
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 6/10/2007
    Messaggi: 16,096
    Piaciuto: 523 volte

    Predefinito

    bah.. io quando accendo il pc poi finisce che lo uso dopo un quarto d'ora perchè nel frattempo faccio tutt'altro

  11. #10
    obo
    .
    30 anni
    Iscrizione: 23/9/2005
    Messaggi: 35,506
    Piaciuto: 122 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Marco =w= Visualizza il messaggio
    Da utente windows ti dico: perché puntare sui tempi di boot quando poi puoi mettere il sistema in standby o sospensione?
    A maggior ragione su linux, dove (da quel che so) i riavvii di sistema sono legati soltanto ad aggiornamenti del kernel, quindi meno frequenti rispetto alla controparte win.
    ot: a brevissimo non sarà necessario riavviare quando si aggiorna il kernel Linux Security Updates | Patch Without a Reboot | Ksplice Uptrack

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. La regola dei 5 secondi
    Da WerePlasma nel forum Off Topic
    Risposte: 36
    Ultimo messaggio: 27/7/2009, 0:27
  2. Verdena - 40 secondi di niente
    Da Revy nel forum Testi musicali
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 8/10/2008, 19:40
  3. _Dual Boot[Win.Xp-Win.Vista]_
    Da John. nel forum Internet e computer
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 9/4/2008, 22:16
  4. gli ultimi 59 secondi di vita
    Da pukka n°1 nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 31/5/2006, 23:36
  5. moon boot
    Da coccinella!! nel forum Moda e tendenze
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 19/4/2005, 22:08