ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 14

Il risveglio del faraone!

  1. #1
    BelaLugosa
    Ospite

    Predefinito Il risveglio del faraone!

    Siamo ai primi del Novecento; da secoli, a dispetto di trabocchetti e maledizioni, i “tombaroli” egiziani hanno spogliato ogni antico sepolcro dei suoi tesori, per rivenderli a collezionisti privati.

    Ogni tomba “scoperta” dalle spedizioni europee è in realtà già stata violata e spogliata da qualcuno di questi personaggi; quello che
    sta per accadere, quindi, a maggior ragione sa di impossibile.

    Un ricco aristocratico inglese, Lord Carnarvon, ottiene dal Servizio delle antichità dell'Egitto un permesso di scavo e affida la direzione dei lavori a Howard Carter, giovane pittore appassionato di egittologia.



    Nel 1922, dopo otto anni di scavi nella Valle dei Re a Tebe, l'eccezionale scoperta: gli operai rinvengono una porta murata, recante un cartiglio con il nome di Tutankhamon.

    Dietro la porta, uno spettacolo meraviglioso: solo nella prima stanza vengono alla luce ben 171 oggetti preziosi, mentre la camera funeraria vera e propria è quasi interamente occupata da un'enorme cappella in legno dorato, con tarsie in pasta vitrea. Al suo interno si trovano altre tre cappelle, l'una dentro l'altra, e l'ultima contiene il sarcofago.

    Il 10 ottobre del 1925, nel corso di un'apposita cerimonia ufficiale, il coperchio del sarcofago viene asportato: all'interno se ne trovano altri tre, posti l'uno dentro l'altro e collocati su un letto ligneo a forma di leone.

    All'apertura dell'ultima cassa appare la mummia del sovrano, con il viso coperto da una preziosissima maschera d'oro; tra le bende vengono scoperti numerosi gioielli, posizionati lungo tutto il corpo durante l'imbalsamazione.
    Fin dai primi giorni il rinvenimento della tomba di Tutankhamon, rimasta miracolosamente intatta per millenni, ha una vastissima risonanza internazionale. La notizia viene diffusa dalle radio, dalla stampa, attraverso servizi fotografici e cinematografici, che fanno di Carnarvon e di Carter dei divi internazionali.

    Ma i colpi di scena non appena cominciati.

    Il 6 aprile 1923 Lord Carnarvon viene colto da una sincope proprio all’interno della tomba, dove sta sovrintendendo ai lavori; da alcuni giorni si sente stranamente indebolito, e lo infastidisce una misteriosa puntura di zanzara alla guancia, che non smette di suppurare. Trasportato d’urgenza al Cairo, Carnarvon morirà dopo quasi tre settimane di agonia e delirio, tormentato da incubi spaventosi.

    La diagnosi ufficiale è congestione polmonare. Per la stampa e il grande pubblico, si tratta della “maledizione del faraone”.

    "La morte scenderà rapidamente su colui che ha turbato il sonno del faraone".

    Questo secondo alcuni si trova inciso sulle pareti del sepolcro violato, questo l’avvertimento sussurrato come un passaparola dai fellah terrorizzati e ignorato dagli scettici archeologi europei.

    La "Vendetta del faraone" diventa all’improvviso soggetto di conversazione e addirittura il titolo di una rubrica giornalistica; la stampa tiene puntualmente informati i lettori sulle vicende di chi ha partecipato alla profanazione della tomba. In effetti, negli anni a venire una serie di morti misteriose sembra dar credito alla leggenda.

    Aubey Herbert, fratellastro di Lord Carnavon, suicida in un accesso di follia; l’archeologo La Fleur, collaboratore di Carter, deceduto per cause ignote appena giunto in Egitto; Arthur C.Mace, tra i primi a entrare nel sepolcro, morto nello stesso albergo di Canarvon; Lady Carnavon, deceduta come il marito in seguito a “puntura di insetto”; Arcibald Douglas Reid, morto sul punto di radiografare la mummia; l'egittologo Arthur Weigall, colpito da una "febbre sconosciuta".


    Nel 1929 tocca a Richard Bethell, unico figlio di Lord Westbury e segretario di Carter durante gli scavi. È ritrovato morto nel suo appartamento; le cause del decesso sono ignote. Ma non è finita: durante il funerale, il carro funebre travolge e uccide due ragazzi, l'anno successivo il padre, Lord Westbury muore suicida a settantotto anni gettandosi da una finestra.

    "Un brivido corre attraverso l'Inghilterra..."

    Nel 1930 Howard Carter, scopritore del sepolcro, sembra essere l'unico superstite della spedizione.

    Il mistero è tanto più fitto per la natura dei decessi, repentini ed inspiegabili, caratterizzati da violenti attacchi di febbre e delirio, crisi cardiache improvvise, paralisi, disturbi nervosi.

    Tra le altre vittime della “maledizione”, il miliardario americano Georges Jay Gould, vecchio amico di Lord Carnarvon, colpito da febbri violente appena dopo aver visitato il sepolcro e deceduto la sera stessa; Alfred Lucas e Douglas Derry, fulminati da infarto poche ore dopo aver eseguito l'autopsia della mummia di Tutankhamon.

    Il Dr. Evelyn White, collaboratore di Carter, è vittima di strani malesseri ogni volta che si trova a lavorare nella tomba; la situazione degenera in uno stato di depressione nervosa, e qualche tempo dopo l’archeologo si impicca lasciando una lettera di addio: "Ho ceduto alla maledizione che mi ha costretto a scomparire".

    L’agghiacciante carrellata di decessi è chiusa da James Breasted, archeologo dell'Università di Chicago, tra i ricercatori più coinvolti negli scavi.

    “Farai rivivere questo faraone pronunciando il suo nome” così recitano sulle tombe egizie antichissime iscrizioni: è il caso di Tutankhamon?

    Molti di coloro che parteciparono alla spedizione, come dimostrato di recente da alcuni ricercatori australiani, vissero serenamente fino a tarda età; Howard Carter, che avrebbe dovuto temere la maledizione più di ogni altro, ne parlò invece come di una questione ridicola e morì nel suo letto, per cause naturali, a quasi settant’anni.

    Può bastare, questo, a sfatare la leggenda?

  2. # ADS
     

  3. #2
    Overdose da FdT
    Uomo
    Iscrizione: 29/9/2004
    Messaggi: 6,184
    Piaciuto: 122 volte

    Predefinito

    casualità e destino miscelati in varie poroprzioni

  4. #3
    FdT svezzato
    Donna 34 anni
    Iscrizione: 21/1/2008
    Messaggi: 229
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    si dice ke alcune morti siano dovuti a "virus" o funghi ke stavano nella tomba ke si sn venuti a creare cn gli anni xkè la tomba essendo stata chiusa cn tutto qll ke è rimasto dentro abbia creato qst funghi cs qnd è stata aperta hanno infettato chi era presente

    poi ke sia casualità o no rimane un mistero

  5. #4
    FdT svezzato
    Uomo 33 anni da Monza
    Iscrizione: 17/1/2008
    Messaggi: 241
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Più che funghi c'è l'uranio nelle tombe dei faraoni... ci credo che muoiono non credo a quel tipo di maledizioni... serebbero tanto potenti come incanti no?
    Nella Magia del mio arco troverò la giustizia,
    Nella Magia dei miei avi troverò la forza,
    Nei Tuoi occhi troverò l'amore

  6. #5
    FdT svezzato
    Donna 34 anni
    Iscrizione: 21/1/2008
    Messaggi: 229
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    uranio?mai sentito,cmq ok...
    e se ci fosse del vero?XD sarebbe una mini figata XD

  7. #6
    FdT svezzato
    Uomo 33 anni da Monza
    Iscrizione: 17/1/2008
    Messaggi: 241
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    beh secondo me alcune cose sono vere... è possibile che i maghi egiziani erano fortissimi io credo che ci sia qualcosa di "magico" nelle piramidi
    Nella Magia del mio arco troverò la giustizia,
    Nella Magia dei miei avi troverò la forza,
    Nei Tuoi occhi troverò l'amore

  8. #7
    FdT svezzato
    Donna 34 anni
    Iscrizione: 21/1/2008
    Messaggi: 229
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    un minimo di magia ci sta sicuramente,era un mondo basato su riti quindi si magari qualkosa di vero ci sta,cm è vero ke ci sn i riti vodoo o la magia nera,ma qst è un altra storia e nn voglio andare OT

  9. #8
    FdT svezzato
    Uomo 33 anni da Monza
    Iscrizione: 17/1/2008
    Messaggi: 241
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    sisi concordo in tutto... ma loro erano grandi medici e astronimi sinceramente... credo che i sacerdoti avessero la possibilità di intercedere con il mondo dei morti ed è possibbile che ci siano alcune maledizioni
    Nella Magia del mio arco troverò la giustizia,
    Nella Magia dei miei avi troverò la forza,
    Nei Tuoi occhi troverò l'amore

  10. #9
    Rosemary
    Ospite

    Predefinito

    Io ci credo.

  11. #10
    FdT svezzato
    Uomo 33 anni da Monza
    Iscrizione: 17/1/2008
    Messaggi: 241
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    io credo che potevano plasmare i morti
    Nella Magia del mio arco troverò la giustizia,
    Nella Magia dei miei avi troverò la forza,
    Nei Tuoi occhi troverò l'amore

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Sonetto del Risveglio (e dell' Addio)
    Da bobot nel forum Improvvisazione
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 2/9/2007, 1:56
  2. ma che bel risveglio....
    Da imok nel forum Off Topic
    Risposte: 46
    Ultimo messaggio: 2/5/2006, 22:11
  3. il risveglio mattutino di ....
    Da kiwiacustico nel forum Off Topic
    Risposte: 44
    Ultimo messaggio: 31/12/2005, 14:37
  4. il risveglio...
    Da Tuono_Bianco nel forum Off Topic
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 28/9/2005, 16:57
  5. Chi trva un faraone trova un tesoro!!!
    Da †LuNaTiKa† nel forum Giochi online
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 31/10/2004, 15:41