ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 3 su 3
Like Tree1Mi piace
  • 1 Intervento di Canalfeder

La favola di Cappucetto Rosso

  1. #1
    Matricola FdT
    Uomo 119 anni
    Iscrizione: 24/3/2012
    Messaggi: 2
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito La favola di Cappucetto Rosso

    Ragazzi, voglio esordire su Fuori di Testa con questa mia Opera Magna: la rivisitazione della celeberrima favola di Cappucetto Rosso. Premetto che tentai di postarla su Nonciclopedia, la mia enciclopedia di riferimento dalla quale attingo con ignorante cupidigia nozioni e illuminazioni di vita. Non essendoci riuscito per via di oscure ragioni, venni calciorotato con ignominia et percio' mi ritrovo qua, a rompere i maroni a voi. Ne ho tante altre di queste rivisitazioni percio' non illudetevi che questa sia la prima e l'ultima volta che posto una mia Opera.
    Bene, siete pronti? Siete caldi? Lattina di birra in mano e godetevi:


    La vera storia di Cappucetto Rosso.

    Ai bordi di una foresta impenetrabile, piena di animali sconosciuti e pericolosissimi e di piante carnivore, abitava una bambina insieme alla sua mamma di nome Gigliola. La bambina era molto povera, talmente povera che aveva come unica gioia e piacere quella di portare in testa un cappuccio rosso regalatogli per natale dal babbo che faceva il tagliaboschi per conto di una fabbrica giapponese la Umoto Noto Noto Oco Poco.

    Al di la della foresta e delle suoi innumerevoli pericoli abitava in una casetta di marzapane la nonna di capuccetto rosso di nome Agata. L'Agata era una donna di altri tempi un sacco religiosa tanto che aveva come soprammobile il santo graal, l'arca dell'alleanza, una cesta di pesci della moltiplicazione, e l'arca di Noè. Era piena di energie e non stava mai ferma un solo secondo:
    zappava l'orto e contemporaneamente spennava una gallina. Tutto questo movimento la portava ad avere, all'ora di pranzo, una fame da morire, ma siccome odiava cucinare, capuccetto rosso doveva portarle il pranzo nella sua cesta di vimini.

    Anche quel giorno capuccetto rosso salutò la mamma "ciao mamma" e si avviò salterellando un po' qua un po' la verso il bosco. Ad ogni salto capuccetto uccideva qualche essere vivente: un bruco, una tartaruga, una lumaca, una lucertola, una serpente dai denti a sciabola, un tonno, fino a che arrivò la guardia forestale che gli disse "dolce bambina sterminatrice ti prego vivamente di non saltare in qua e il la perché non volendo uccidi dei poveri animali, per ora ti faccio solo una multa di un milione di euro e ti invito a camminare e non saltare". La bambina salutò educatamente la guardia "ciao stronzo" e continuò a dirigersi questa volta camminando verso il bosco. La sua voglia di saltare però era talmente tanta che cominciò a camminare con passo balzoso, fino a che si ritrovò a saltare un'altra volta ed ad uccidere animali: un cerbiatto, un gatto delle nevi, una trota, una rospo, e allora tornò la guardia forestale con in mano la trota agonizzante che disse con voce roca e profonda "ti avevo detto di non saltare ma di camminare, ci senti o sei muta, comunque anche per questa volta passi ti faccio solo una multa di due milioni di sterline e mi stupro tua mamma Gigliola". La bambina annui e salutò educatamente la guardia "ciao testa di c@zzo", poi entro nel bosco.

    La mamma gli aveva detto "bimba mia quando entri nel bosco stai attenta al lupo perché fa collezione di cappelli e potrebbe fregarti il tuo bel cappello rosso". La bambina era vigile, con lo sguardo attento e le orecchie spalancate alla ricerca di ogni minimo movimento o rumore sospetto e all'improvviso un rumore sospetto "auuuuuuauuuuuuuauuuuuauuu" era il lupo, era vicino, capuccetto affrettò il passo uccidendo in ordine un riccio, un colibri, un pastore maremmano, un leone di montagna ed una cernia, ma il lupo la raggiunse e le se parò davanti, allora cappucceto si ricordò le parole della mamma "il lupo e furbo stai in campana non farti fregare aguzza l'ingegno" capuccetto allora si mise ad aguzzare Ingegno, un bambino suo compagno di scuola, ma le sue urla strazianti la intenerirono e lo lasciò andare decidendo quindi di affrontare il lupo da sola. Il lupo era li davanti appoggiato ad un tronco di un larice, tutto marrone tranne una macchia nocciola a forma di abete sullo stomaco, con due grossi orecchi lunghi due palmi che gli vibravano inquieti sulla capoccia, due sopraccigli folti a conchetta ed uno stecchino in bocca.



    La bambina con il cappello rosso chiese curiosa "perché lo stecchino in bocca?" il lupo rispose "cerco di smettere di fumare". Il lupo, sembrerà strano, ma era astuto come una volpe e visto il cappello disse alla bambina "quel capello rosso sulla tua capoccia non ti sta affatto bene, devi curare piu il tuo look dallo a me in cambio ti do queste scarpe da ballerina blu" la bambina rispose veloce, ma con tono pacato e tranquillo "il capello per me è bello le scarpe da ballerina blu te le puoi ficcare in cul@". Il lupo non sapeva cosa fare... la bambina aveva grinta da vendere e allora penso "adesso la frego io la butto sulla cultura generale" e chiese "due piu due?" cappuccetto rispose "quattro!"
    "due per due?" "quattro!"
    "area del triangolo?" "base per altezza diviso due!"
    "che cose il limbratus upucolto desmioticos?" "è un supply con dentro la mozzarella e il pomodoro"
    "c@zzo sapeva anche questa, pensò il lupo" allora il lupo giocò l'ultima carta e disse "è grande grande, ma puo stare in un palmo della mano e se gli piaci ti da retta ed è fedele cosa è?" "è un san bernardo liofilizzato" rispose Cappucetto Rosso.

    Il lupo, sbigottito, disse'"c@zzo non è possibile mi arrendo, per curiosità però ti domando dove stai andando con quel cestino di vimini" cappuccetto rispose "vado dalla nonna Agata che abita al di la del bosco a portarle il pranzo" il lupo allora disse "ciao bambina demoniaca ti saluto". Quindi sali a cavalcioni sulla sua ducati 750 ss e se ne andò con l'intenzione nascosta di raggiungere la nonna prima di cappuccetto rosso.
    Capuccetto superò altri pericoli nel bosco: una drago di comodo che aveva interrotto una dieta stretta, Alfia la pianta carnivora che cercava un pezzo di carne da accostare alla salsa di soia che aveva comprato al superal, e Renato una zanzara maschio di due metri. La nipote arrivò dalla nonna all'una, la nonna stava verniciando lo steccato e contemporaneamente muggendo una mucca e quando vide la nipote senza smettere di verniciare ne di mungere la abbracciò dicendo "nipote mia nipote mia come sei cresciuta fatti abbracciare"
    cappuccetto disse "nonna mi stai già abbracciando"
    "scusa nipotina sai la nonna è anziana e ha la mente un po' offuscata"
    "nonna secondo me sei rincoglionita comunque ecco il pranzo".
    Cappucetto Rosso noto' subito che la nonna era strana, era molto piu pelosa del solito e poi aveva uno stecchino in bocca. Allora cappuccetto rosso domandò curiosa "perché lo stecchino in bocca nonna?"
    "nipote cara sto cercando di smettere di fumare"
    capuccetto dubbiosa disse "e quando hai iniziato a fumare nonna?"
    "questa mattina"
    "ummh va be".

    Capuccetto aveva il sospetto che si trattasse del lupo allora chiese "nonna che occhi grandi che hai"
    "è per vederti meglio tesoro mio"
    "nonna che orecchie grandi che hai"
    "è per sentirti meglio fiorellino mio"
    "nonna hai il pisello"
    "sai questa carne con gli ormoni"
    "nonna che mani grandi e agili che hai"
    "è per fregarti il cappello"
    e prese il cappello alla nipote.

    Allora cappuccetto rosso disse "sei il lupo dove la nonna?"
    "è dentro la mia pancia, me la sono mangiata ricoperta della salsa di soia che ho fregato ad Alfia la pianta carnivora"
    "la mia povera nonna chissà se è ancora viva"
    intanto la nonna nella pancia del lupo stava potando la siepe e contemporaneamente annafiava l'orto. Capuccetto disse furiosa e furibonda "ridammi il capello è mio"
    "con l'c@zzo che te lo ridò io faccio collezione di cappelli"
    "ridammelo o dico a tutti che indossi biancheria femminile"
    "sai che mi frega"
    "ridammelo ridammelo ridammelo è mio, ci sono affezionata è l'ultimo regalo che mi ha fatto mio padre"
    a quelle parole il lupo si intenerì e disse "ok se ci tieni cosi tanto allora..." il viso di cappuccetto si illuminò "...allora me lo tengo io così soffri"
    capuccetto era stremata e si mise a piangere cosi forte che arrivò un cacciatore, vide il lupo e alzò la doppietta, poi fissò il lupo e disse "Ruggiero, Ruggiero (questo era il vero nome del lupo), ti ricordi di me sono Geremia abbiamo fatto il militare insieme ad Albenga" "si Geremia che bei vecchi tempi, come va la famiglia tutto a posto?"
    "tutto a posto mia moglie l'ho addoppiata e l'ho messa nel cassetto mio figlio l'ho stirato amidato e messo nell'armadio"
    "sono contento"
    "allora non sei Ruggiero mi hai preso in giro, non mi si può prendere in giro, ora ti sparo bum bum bumbum bang bang bing bong" il cacciatore uccise il lupo lo sventrò e uscì la nonna ancora viva che stava dipingendo ad olio un piatto di coccio e contemporaneamente stava strigliando un cavallo cappuccetto tornò in possesso del cappello rosso e ringraziò il cacciatore "grazie grazie grazie tante".


  2. # ADS
     

  3. #2
    Moderatore 2.0 Canalfeder
    Uomo 25 anni da Barletta-Andria-Trani
    Iscrizione: 27/2/2008
    Messaggi: 12,195
    Piaciuto: 2822 volte

    Predefinito

    E ti chiedi anche per quale oscuro motivo Nonciclopedia non l'abbia pubblicato.
    Questo mi preoccupa di più
    A crampox piace questo intervento
    "Posso misurare il moto dei corpi, ma non l'umana follia" [Isaac Newton]
    Watchlist IMDb

  4. #3
    Gio
    Gio
    Uomo 24 anni
    Iscrizione: 20/7/2011
    Messaggi: 2,388
    Piaciuto: 1075 volte

    Predefinito

    Oddio!

Discussioni simili

  1. Cappucetto Rosso 2
    Da brevil nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 2/10/2007, 18:26
  2. Cappucetto Rosso 1
    Da brevil nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 1/10/2007, 14:10
  3. Vasco Rossi - Vivere una favola
    Da Pollo82 nel forum Testi musicali
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 21/6/2007, 16:40
  4. Eros Ramazzotti - Favola
    Da Ser Nwanko nel forum Testi musicali
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 2/10/2006, 11:34
  5. La favola di *Gucci*
    Da Eloise_Rich nel forum Moda e tendenze
    Risposte: 64
    Ultimo messaggio: 19/4/2005, 14:41