ACCEDI

Password dimenticata?

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 5 su 5

Jim Morrison

  1. #1
    Rum e Cocaina Sally
    Donna 36 anni da Carbonia-Iglesias
    Iscrizione: 29/9/2004
    Messaggi: 21,047
    Piaciuto: 91 volte

    Predefinito Jim Morrison

    Piccolo intro:

    Era la fine del lontano ‘700 quando W. Blake scriveva: «C’è il reale e c’è l’ignoto e c’è una porta che li separa» Due secoli dopo, precisamente nel 1965, un ragazzo dichiarò: «Io voglio essere quella porta». Così, plagiato dalla cultura “geniale” del poeta “visionario” William Blake Jim decise di costruire un gruppo. Il gruppo musicale che avrebbe dovuto purificare le porte della percezione: The Doors.


    Jim Morrison fu duramente criticato per quel suo modo di “ispirarsi”.
    Un ennesimo poeta “predestinato”. Fu giudicato folle, maledetto com’era accaduto precedentemente a molti personaggi della cultura come Rimbaud, Huxley, Nietzche, Blake o Boudelaire, solo perché il loro linguaggio era troppo difficile da capire… ma perché non proviamo a capirlo analizzando le sue opere.
    Per una volta non concentriamo la nostra attenzione al leader del gruppo rock “THE DOORS” ma, al poeta erede della beat generation, il poeta che perse Dio e cercò di annullare la propria disperazione nelle sue poesie.
    Certo può essere strano paragonare Morrison a poeti che hanno segnato la storia della letteratura mondiale ma se analizziamo la sua poetica troveremo un mondo impregnato di cultura, la sua poesia fu ispirata dai “bardi” della cultura.
    Essere poeta, un artista per Jim significava più che scrivere, dipingere o cantare, voleva dire avere una visione e il coraggio di guardare attraverso la visione, a dispetto d’ogni ostacolo.
    Morrison possedeva una particolare capacità di guardare nell’intimo degli individui, nelle loro vite, e negli angoli oscuri dell’umana esistenza, prova di questo sono i suoi quaderni che portava sempre con se, lì appuntava i comportamenti dei suoi amici, professori, o semplicemente conoscenti, per studiarli.
    E’ fin troppo facile, valutando in retrospettiva, sostenere che Jim Morrison andò volutamente incontro alla morte.
    In realtà, se è vero che Jim non era particolarmente attaccato alla vita, è altrettanto vero che anche nei momenti più decadenti della sua vita, egli non smise di tendere all’arte e ad una pur insolita forma di bellezza.
    Morrison, come Dioniso, un dio greco reincarnato, il simbolo della forza creativa, è ebbrezza creativa e passione sensuale.
    Così come Dioniso lui creò fino alla sua morte, fino al superamento del suo ennesimo e tuttavia ultimo limite.
    Prova né è la sua ultima raccolta di poesie ossia Una preghiera americana.
    In quest’opera Morrison esprime tutta la sua delusione per la società dell’epoca; una società che aveva ucciso con una guerra che indigno i giovani ossia la guerra del Vietnam, una società che prometteva oro e donava mattoni, ma l’anima di un poeta si legge attraverso i suoi versi, e questo è il nostro scopo

    Abbiamo scelto alcuni dei passi forse più significativi di “una preghiera americana”.


    Lo sapevi che la libertà esiste
    Nei libri di scuola
    Lo sapevi che i pazzi dirigono la nostra prigione
    Dentro una cella, dentro una galera
    Dentro un bianco libero protestante
    Maelstrom
    Siamo appollaiati a capofitto
    Sul ciglio della noia
    Ci sporgiamo verso la morte
    all’estremità di una candela
    Sondiamo attorno per qualcosa
    Che ci ha già trovati […]
    La morte ci rende tutti angeli
    E li mette le ali
    Dove avevamo spalle
    Lisce come artigli
    Di corvo.
    Basta coi soldi, basta coi vestiti pazzi
    Quest’altro reame pare di molto il migliore
    Finché nell’altra sua fauce l’incesto non appare
    e scioglie l’obbedienza ad una legge vegetale
    Non ci vado
    Preferisco una festa d'amici
    Alla famiglia del Gigante

    Cosa ci appare da questi versi?
    Sicuramente uno spirito offeso e deluso dalla società.
    Attraverso i suoi forti simbolismi Morrison urla la propria disperazione, il componimento che prende il nome di preghiera ci appare come un canto di denuncia.
    Nei primi versi egli afferma che la libertà è solo un’idea, un’utopia qualcosa non di concreto ma di puramente ideale e, di fatto, per Jim la società è talmente degradata da essere guidata da pazzi.
    Interessante e’ la metafora che fa della società.
    Come Blake lui afferma che la società incatena le menti, Jim voleva liberarsi da esse magari con Nichilismo, cercando la morte, ma lui si rende conto che è la morte a trovarci.
    Egli nel componimento dirà che la morte annulla le sofferenze inflitte dalla società ci rende angeli, ma dopo sostiene che tuttavia l’altro regno non è migliore di questo in quanto anche lì troveremo chi ci comanda (il Gigante), e si converte all’idea che non ci porta a nulla cercare la morte, perché anche nel regno dei morti c’è chi comanda.
    Questo è il Morrison che vogliamo studiare e capire, e questo è quello che dovremmo fare tutti, trascurando lo stile di vita segnato dalla droga ma andare in fondo, leggere quello che ha scritto, solo così possiamo capire un poeta.
    Si lasciò morire per epica stanchezza esistenziale?
    Scomparve per liberarsi da se stesso?
    Tutto questo non lo sapremmo mai, ma nello storico cimitero del Père-Lachaise di Parigi i visitatori assicurano l’immortalità a James Doouglas Morrison, 1943-1971.Artista, poeta, compositore. Così è scritto sulla sua tomba, dichiarata monumento nazionale.
    Consegnandosi (consapevolmente o no) alla morte, Jim Morrison si è, comunque consacrato all’eternità





    Ho riportato questo articolo perchè è uno spettacolo. Spiega come Jim sia innanzitutto un poeta,anche se non è mai stato considerato tale. (non capisco perchè non lo si studia a scuola )
    Volevo chiedervi, c'è qualche libro su Jim scritto da lui? Tipo autobiografie, libri di poesie, ma non poesie riportate per sentito dire come la maggior parte degli aforismi scritti in internet.. proprio qualcosa che sia sicuramente suo..


  2. # ADS
     

  3. #2
    Rum e Cocaina Sally
    Donna 36 anni da Carbonia-Iglesias
    Iscrizione: 29/9/2004
    Messaggi: 21,047
    Piaciuto: 91 volte

    Predefinito

    qualche frase a lui attribuita..

    Esiste una realtà che si conosce e una che rimane avvolta nel mistero, il regno
    dell'ignoto si sovrappone a quello del mondo conosciuto e a metà ci siamo noi
    "THE DOORS", le porte dela percezione, un varco tra queste due dimensioni


    La poesia e le canzoni mi attraggono perchè sono eterne. Niente potrebbe
    sopravvivere all'olocausto tranne le poesie e le canzoni: nessun superstite
    potrebbe ricordare un intero romanzo o ripristinare un quadro, una scultura,
    un film, ma certamente potrebbe ridare vita a una poesia e a una canzone

    Quando ero ragazzo, mi piaceva molto scrivere, ma sapevo che non avrei mai
    concluso nulla fino a quando la mia mano non avesse afferrato la penna e non si
    fosse messa a scrivere per conto suo senza il minimo intervento da parte mia.


    Se la mia poesia si prefigge un qualche scopo è quello di far rimuovere la gente dai
    modi limitati che ha di vedere e di sentire. Prima di ottenere la libertà, prima di arrivare
    a casa, ci si deve smarrire, dubitare, perdere le speranze. Prima si deve attraversare
    l'abisso. Prima dell'alba viene l'inesorabile notte.

    Gli insegnanti , le autorità religiose, perfino certi amici, riprendono l'opera repressiva che
    i genitori e i parenti hanno esercitato sui primi nostri anni di vita. Essi, infatti esigono, che
    noi diventiamo come intendono loro e ci inducono costantemente a recitare perfino i
    sentimenti che essi pretendono che noi proviamo. Tutti costoro ci spingono a essere non
    ciò che siamo, ma ciò che secondo loro noi dovremmo essere
    .


    e poi non è un poeta? mah..

  4. #3
    "Etiamsi omnes, ego non" imok
    Uomo 34 anni
    Iscrizione: 1/5/2005
    Messaggi: 16,404
    Piaciuto: 3492 volte
    "Se gommo tiene io vince gara, se gommo non tiene io come bomba dentro montagna..." (Markku Alèn)

  5. #4
    Vivo su FdT
    Uomo 32 anni
    Iscrizione: 29/9/2004
    Messaggi: 4,777
    Piaciuto: 6 volte

    Predefinito

    Bello jim morrison.

  6. #5
    Rum e Cocaina Sally
    Donna 36 anni da Carbonia-Iglesias
    Iscrizione: 29/9/2004
    Messaggi: 21,047
    Piaciuto: 91 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Guru's Way
    Bello jim morrison.

    bè si lo so che era figo

    ma io non parlavo di quello

Discussioni simili

  1. Frasi di J. Morrison
    Da veneta_doc nel forum Improvvisazione
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 20/1/2009, 19:14
  2. Jim Morrison.pps
    Da Enrico_rm nel forum Argomento libero
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 28/7/2006, 20:30
  3. James Morrison - You Give Me Something
    Da violetta nel forum Testi musicali
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 22/7/2006, 22:58
  4. Jim Morrison
    Da Holly nel forum Musica
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 6/4/2006, 16:38
  5. Ossessione - Jim Morrison
    Da Sally nel forum Improvvisazione
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 26/2/2005, 17:55