ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 4 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 31 a 40 su 42

La macchina del tempo esiste ed è in Vaticano

  1. #31
    Moderatore 2.0 Canalfeder
    Uomo 23 anni da Barletta-Andria-Trani
    Iscrizione: 27/2/2008
    Messaggi: 12,195
    Piaciuto: 2822 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da RudeMood Visualizza il messaggio
    La trovo una bufala (cit).

    Se ce l'hanno sono pregati di tornarsene seduta stante nel medioevo.
    Grazie.


    "Posso misurare il moto dei corpi, ma non l'umana follia" [Isaac Newton]
    Watchlist IMDb

  2. # ADS
     

  3. #32
    ph2
    Utente bannato

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da HeartMisunderstooD Visualizza il messaggio
    La macchina del tempo esiste ed è in Vaticano
    di Daniela Ghio - Il Gazzettino del 3 agosto 2002
    Sarebbe nascosta in Vaticano la macchina del tempo inventata da padre Pellegrino Ernetti
    La notizia ha del sensazionale: in Vaticano verrebbe tenuta gelosamente nascosta una macchina capace di vedere il passato, attraverso una sorta di televisore. Uno strumento scientifico portentoso e fantastico, che potrebbe divenire pericoloso per l'intera umanità: il "cronovisore”, così si chiama la scoperta, captando gli eventi del passato, li farebbe vedere come si sono realmente svolti, svelando anche rischiosi segreti. La macchina sarebbe stata inventata da un ricercatore italiano, padre Pellegrino Alfredo Maria Ernetti, monaco benedettino, conosciutissimo esorcista, musicologo di fama internazionale e scienziato, vissuto a Venezia, nel convento benedettino dell'isola di San Giorgio Maggiore, dove è morto otto anni fa, nel 1994.
    A rivelare la scoperta è un libro "bomba" appena pubblicato in Francia, a Parigi, dalle Edizioni Albin Michel: "Le noveau mystère du Vatican" (Il nuovo mistero del Vaticano") del teologo francese padre Francois Brune. Brune è un personaggio assai noto in Francia: professore di teologia, ha pubblicato libri di notevole impegno, accolti sempre con grande interesse anche dalla stampa laica. Il suo nome, come quello della casa editrice, sono una garanzia di serietà scientifica e per questo il volume che ha dedicato al cronovisore ha riaperto congetture e discussioni infuocate, diventando una miscela esplosiva.
    Della sconvolgente apparecchiatura aveva già parlato intorno agli anni '70 lo stesso padre Ernetti in numerose interviste e pubblicazioni, e ai suoi allievi di prepolifonia al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia. La scoperta aveva suscitato un putiferio. Da una parte c'erano infatti sostenitori entusiasti: se era possibile rivedere il passato, la macchina avrebbe sciolto definitivamente tutti i dubbi restanti su eventi fondamentali che avevano cambiato la storia del mondo.
    Dall'altra c'erano le persone spaventate: il cronovisore poteva rivelarsi uno strumento pericoloso per carpire segreti e mettere a rischio la sicurezza dell'umanità.
    Le discussioni non finivano mai ed erano soprattutto gli uomini di Chiesa i più coinvolti.
    Poi improvvisamente il benedettino si trincerò in un rigoroso silenzio, spiegando che aveva ricevuto ordini in proposito dal Vaticano, l'interesse andò lentamente scemando e dopo qualche anno della “macchina del tempo" non si parlò più.
    Il libro di padre Brune rivela fatti inediti, retroscena incredibili, dettagli sconcertanti, indica nomi di personalità al di sopra di ogni sospetto, di scienziati famosi, indica date, circostanze precise, riporta documenti straordinari, lunghe conversazioni con padre Ernetti e il tutto, cucito insieme, diventa una valanga documentale cui è difficile fare opposizione.
    Il volume dimostra con dovizia di prove che il cronovisore è realmente esistito, anche se l’argomento è, a detta dello stesso autore, ai limiti della fantascienza.
    Negli anni '60 un gruppo di scienziati, tra cui padre Pellegrino, sarebbe riuscito a captare le onde visive e sonore del passato concreto ter*restre, con una macchina che sa*rebbe in grado di ricostruire non solo i fatti e i detti della vita di cia*scuno, ma addi*rittura la storia.
    La scoperta parte da un principio di alta fisica: ciascuno dì noi, a mano a mano che passano i secondi, nelle ore, nei giorni, nei mesi e negli anni della vita presente, lascia dietro di sé come una doppia scia, "visiva e sonora", poiché ogni uomo altro non è che energia visiva e sonora. «Tutta la nostra ''fisionomia" -spiega Ernetti nel saggio "Bibbia, teologia; magia e scienza" del 1987- è energia visiva che si sprigiona da noi, dalla nostra epidermide, e tutte le parole che noi diciamo sono energia sonora. Ora, ogni energia, una volta emessa, non si distrugge più semmai si trasforma, però resta eterna nello spazio aereo. Occorrono strumenti che captino queste energie e le ricostruiscano in maniera tale da ridarci la persona o l'evento storico ricercato: quindi noi avremo tutto il presente nel tempo e nello spazio». Con il cronovisore, racconta Brune, il gruppo di scienziati guidato dal monaco benedettino fece ricerche dapprima su Mussolini, poi su Napoleone, quindi passò ad avvenimenti dell'età romana e assistette alla rappresentazione di alcune famose tragedie. Di una di queste, scritta da Quinto Ennio, che si intitolava "Thiestes" della quale si conosceva solo qualche breve citazione, trascrisse l'intero testo come venne recitato a Roma nel 169 a.C., durante i giochi pubblici in onore di Apollo. Padre Ernetti raccontò a padre Brune di aver visto anche tutto lo svolgimento della Passione, della morte e della Resurrezione di Cristo.
    Nel suo libro Brune afferma che la macchina, composta da tre gruppi di elementi, si trova “sequestrata" in Vaticano. Padre Ernetti, spaventato dall'importanza incredibile della sua scoperta, si era confidato con i propri superiori e con le autorità vaticane C'era stata una riunione segreta con il papa e poi, di comune accordo, la macchina era stata ritirata e nascosta in Vaticano. A padre Ernetti era stato imposto di non fare più pubbliche dichiarazioni su quell'argomento, ma non gli era stato proibito di parlarne con gli amici in privato. E così aveva confidato tutto all'amico teologo francese.
    Chi scrive ha conosciuto personalmente padre Ernetti, era un sacerdote dotato di grande carisma e umanità. Una persona semplice e onesta, tutta dedita ai sudi studi sulla prepolifonia, sulla pneumofonia e all’attività di esorcista della diocesi di Venezia, carica che ha ricoperto per quasi trent'anni. Non mi ha mai parlato della macchina del tempo. Del resto oggi nessuno ne sa più niente e tutta la vicenda ha assunto un aspetto davvero misterioso. Forse il volume di Brune porterà finalmente alla luce la realtà.
    secondo me in vaticano vi è nascosto il forno per la pizza più grande del mondo

  4. #33
    Matricola FdT
    Uomo 30 anni da Palermo
    Iscrizione: 20/2/2010
    Messaggi: 26
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da HeartMisunderstooD Visualizza il messaggio
    La macchina del tempo esiste ed è in Vaticano
    di Daniela Ghio - Il Gazzettino del 3 agosto 2002
    Sarebbe nascosta in Vaticano la macchina del tempo inventata da padre Pellegrino Ernetti
    La notizia ha del sensazionale: in Vaticano verrebbe tenuta gelosamente nascosta una macchina capace di vedere il passato, attraverso una sorta di televisore. Uno strumento scientifico portentoso e fantastico, che potrebbe divenire pericoloso per l'intera umanità: il "cronovisore”, così si chiama la scoperta, captando gli eventi del passato, li farebbe vedere come si sono realmente svolti, svelando anche rischiosi segreti. La macchina sarebbe stata inventata da un ricercatore italiano, padre Pellegrino Alfredo Maria Ernetti, monaco benedettino, conosciutissimo esorcista, musicologo di fama internazionale e scienziato, vissuto a Venezia, nel convento benedettino dell'isola di San Giorgio Maggiore, dove è morto otto anni fa, nel 1994.
    A rivelare la scoperta è un libro "bomba" appena pubblicato in Francia, a Parigi, dalle Edizioni Albin Michel: "Le noveau mystère du Vatican" (Il nuovo mistero del Vaticano") del teologo francese padre Francois Brune. Brune è un personaggio assai noto in Francia: professore di teologia, ha pubblicato libri di notevole impegno, accolti sempre con grande interesse anche dalla stampa laica. Il suo nome, come quello della casa editrice, sono una garanzia di serietà scientifica e per questo il volume che ha dedicato al cronovisore ha riaperto congetture e discussioni infuocate, diventando una miscela esplosiva.
    Della sconvolgente apparecchiatura aveva già parlato intorno agli anni '70 lo stesso padre Ernetti in numerose interviste e pubblicazioni, e ai suoi allievi di prepolifonia al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia. La scoperta aveva suscitato un putiferio. Da una parte c'erano infatti sostenitori entusiasti: se era possibile rivedere il passato, la macchina avrebbe sciolto definitivamente tutti i dubbi restanti su eventi fondamentali che avevano cambiato la storia del mondo.
    Dall'altra c'erano le persone spaventate: il cronovisore poteva rivelarsi uno strumento pericoloso per carpire segreti e mettere a rischio la sicurezza dell'umanità.
    Le discussioni non finivano mai ed erano soprattutto gli uomini di Chiesa i più coinvolti.
    Poi improvvisamente il benedettino si trincerò in un rigoroso silenzio, spiegando che aveva ricevuto ordini in proposito dal Vaticano, l'interesse andò lentamente scemando e dopo qualche anno della “macchina del tempo" non si parlò più.
    Il libro di padre Brune rivela fatti inediti, retroscena incredibili, dettagli sconcertanti, indica nomi di personalità al di sopra di ogni sospetto, di scienziati famosi, indica date, circostanze precise, riporta documenti straordinari, lunghe conversazioni con padre Ernetti e il tutto, cucito insieme, diventa una valanga documentale cui è difficile fare opposizione.
    Il volume dimostra con dovizia di prove che il cronovisore è realmente esistito, anche se l’argomento è, a detta dello stesso autore, ai limiti della fantascienza.
    Negli anni '60 un gruppo di scienziati, tra cui padre Pellegrino, sarebbe riuscito a captare le onde visive e sonore del passato concreto ter*restre, con una macchina che sa*rebbe in grado di ricostruire non solo i fatti e i detti della vita di cia*scuno, ma addi*rittura la storia.
    La scoperta parte da un principio di alta fisica: ciascuno dì noi, a mano a mano che passano i secondi, nelle ore, nei giorni, nei mesi e negli anni della vita presente, lascia dietro di sé come una doppia scia, "visiva e sonora", poiché ogni uomo altro non è che energia visiva e sonora. «Tutta la nostra ''fisionomia" -spiega Ernetti nel saggio "Bibbia, teologia; magia e scienza" del 1987- è energia visiva che si sprigiona da noi, dalla nostra epidermide, e tutte le parole che noi diciamo sono energia sonora. Ora, ogni energia, una volta emessa, non si distrugge più semmai si trasforma, però resta eterna nello spazio aereo. Occorrono strumenti che captino queste energie e le ricostruiscano in maniera tale da ridarci la persona o l'evento storico ricercato: quindi noi avremo tutto il presente nel tempo e nello spazio». Con il cronovisore, racconta Brune, il gruppo di scienziati guidato dal monaco benedettino fece ricerche dapprima su Mussolini, poi su Napoleone, quindi passò ad avvenimenti dell'età romana e assistette alla rappresentazione di alcune famose tragedie. Di una di queste, scritta da Quinto Ennio, che si intitolava "Thiestes" della quale si conosceva solo qualche breve citazione, trascrisse l'intero testo come venne recitato a Roma nel 169 a.C., durante i giochi pubblici in onore di Apollo. Padre Ernetti raccontò a padre Brune di aver visto anche tutto lo svolgimento della Passione, della morte e della Resurrezione di Cristo.
    Nel suo libro Brune afferma che la macchina, composta da tre gruppi di elementi, si trova “sequestrata" in Vaticano. Padre Ernetti, spaventato dall'importanza incredibile della sua scoperta, si era confidato con i propri superiori e con le autorità vaticane C'era stata una riunione segreta con il papa e poi, di comune accordo, la macchina era stata ritirata e nascosta in Vaticano. A padre Ernetti era stato imposto di non fare più pubbliche dichiarazioni su quell'argomento, ma non gli era stato proibito di parlarne con gli amici in privato. E così aveva confidato tutto all'amico teologo francese.
    Chi scrive ha conosciuto personalmente padre Ernetti, era un sacerdote dotato di grande carisma e umanità. Una persona semplice e onesta, tutta dedita ai sudi studi sulla prepolifonia, sulla pneumofonia e all’attività di esorcista della diocesi di Venezia, carica che ha ricoperto per quasi trent'anni. Non mi ha mai parlato della macchina del tempo. Del resto oggi nessuno ne sa più niente e tutta la vicenda ha assunto un aspetto davvero misterioso. Forse il volume di Brune porterà finalmente alla luce la realtà.
    SCS MA E UNA BATTUTA ??? se era una battuta dico : ahahahhaa
    se nn lo era dico : non dire stronzate !

  5. #34
    MisterInvisible (non attivo)
    Intermittente

    Predefinito

    Una stupidaggine,però sarebbe bello...

  6. #35
    FdT-dipendente
    Uomo 29 anni da Catania
    Iscrizione: 9/8/2005
    Messaggi: 1,893
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA mai sentita cazzata peggiore di questa HEHEHEHEHEHEHEHEHEHEHEHEHEEHHE
    geneticato modificamente
    parlare di musica è come ballare di architettura

  7. #36
    Nerd Master
    Uomo 43 anni
    Iscrizione: 22/12/2008
    Messaggi: 2,317
    Piaciuto: 5 volte

    Predefinito

    eeeee che bello! Così posso riguardarmi "il pranzo è servito", con il grande Corrado, che mi piaceva tanto
    the frikki frakki man

  8. #37
    Sempre più FdT mformatteo
    Uomo 31 anni da Imperia
    Iscrizione: 14/12/2009
    Messaggi: 3,427
    Piaciuto: 186 volte

    Predefinito

    potrei tornare indietro nel tempo per salvare la vita a Senna T__T

    o correre insieme a Rossi quand'era ragazzino T__T

    oppure potrei tornare indietro di una decina d'anni con la mia moto con scarico totalmente aperto senza dovermi preoccupare di direttive contro inquinamento-rumore *_* e girare al mugello quando ancora nessuno conosceva la motogippì e le piste erano deserte *___*
    "..Ooh - being crazy in paradise is easy
    Can you see the prisoners in my eyes?"

  9. #38
    HeartMisunderstooD
    Ospite

    Predefinito

    mi sa che questa andava nelle notizie assurde hahahahah
    se non c'è bisogna crearla hahaha

  10. #39
    Matricola FdT
    Uomo 23 anni da Bergamo
    Iscrizione: 5/3/2010
    Messaggi: 12
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    si, e tra poco ci saranno gli ufo

  11. #40
    Pesciolino nell'acquario. Half shadow
    Uomo 30 anni
    Iscrizione: 20/7/2008
    Messaggi: 11,172
    Piaciuto: 815 volte

    Predefinito

    Affascinante il viaggio nel tempo...
    Fin da piccinino ho sempre avuto un'ossessione per l'argomento.

    Ma alla fine sono arrivato a questa conclusione:
    Se fosse stato destino che io viaggiassi nel tempo per correggere alcuni eventi passati a quest'ora sarebbero già stati modifcati (vedi Ritorno al futuro) e poi nel futuro non avrei avuto ragione di viaggiare nel tempo per ripetere l'azione nel passato e quindi si sarebbe creato un paradosso... (lo trovo logico)
    Quindi direi che se un giorno fosse possibile il viaggio nel tempo si dovrebbe stare attenti a non modificare niente di niente per evitare paradossi e cambi della linea temporale (quindi essendo completamente invisibili) ma ho sentito dire che funzionerebbe in maniera diversa...

    E cioè che il viaggio nel tempo non sarebbe esattamente ciò che si crede...
    E cioè un semplice viaggio in una dimensione parallela estremamente uguale alla nostra dove magari sono ancora nel 1970.
    Dato che il numero di mondi paralleli è sconosciuto potrebbero anche esserci tutti gli anni passati e futuri come no...
    Affascinante teoria però.

    Ma alla fine l'unica maniera per tornare davvero indietro nella nostra linea temporale è solo la magia...
    Che chiaramente per una percentuale di persone intorno al 95% non esiste.
    Ma anche ammettendo che esista la magia un incantesimo simile non sarebbe sicuramente semplice.
    Un forte desiderio può far vincere.

Pagina 4 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. La macchina del tempo
    Da Julian Carax nel forum Topics senza fine
    Risposte: 158
    Ultimo messaggio: 24/12/2010, 18:28
  2. Vaticano S.p.a.
    Da RudeMood nel forum Cultura, libri e arte
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 24/7/2009, 2:45
  3. In vaticano
    Da God's Regret nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 3/10/2008, 14:39
  4. MACCHINA DEL TEMPO!!!
    Da MetalDuck nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 18/9/2007, 18:04
  5. La macchina del tempo
    Da Rum e Cocaina nel forum Argomento libero
    Risposte: 42
    Ultimo messaggio: 24/3/2006, 19:43