ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 8 su 8

Albini in piazza: “Non uccideteci”

  1. #1
    pietra miliare FDT.. maya
    Donna 35 anni da Piacenza
    Iscrizione: 29/9/2004
    Messaggi: 14,707
    Piaciuto: 420 volte

    Predefinito Albini in piazza: “Non uccideteci”

    Rapiti e mutilati per sacrifici umani e rutuali magici: gli africani dalla pelle bianca chiedono protezione
    Geni delle acque, spiriti, mezzi dei e mezzi uomini, a seconda dell’Africa in cui il destino li ha collocati gli albini sono una maledizione o un dono del cielo. In un posto la folla li insegue con in mano doni, per innescare i loro supposti poteri benefici o sfruttarne le altrettanto azzeccate facoltà di nuocere; in altri bande di assassini li braccano per sacrifici umani. Un’antica sete di sangue si scatena armata di leggende millenarie che continuano a riprodursi, implacabili; magari sul telefonino o su internet. L’africano ha spesso due esistenze, una moderna e una inaridita e impigliata dalla magia, dalle paure e dalle tentazioni demoniache. In Tanzania, in pochi mesi hanno uccisi 26 albini, in maggioranza donne e bambini. Eppure è uno dei Paesi più ordinati del continente. Qui gli albini li definiscono «mzungu», il nome dei bianchi ai tempi dell’impero britannico. Ed è già un segnale sinistro.

    L’ultima vittima si chiama Jovin Majaliwa, un ragazzo, la sua unica colpa era appunto di essere albino; lo hanno atrocemente mutilato per prendergli gli organi genitali. La polizia ha arrestato 170 persone che sarebbero collegati ai delitti, ma nessuno è stato ancora giudicato. Gli albini in fondo li ammazzano da sempre, ci son cose più importanti che preoccuparsi di questi stregoni, si difendano loro dal malocchio, mormora la gente seccata. Così questi fragili semidei sono sfilati in corteo annunciando che se il governo non provvederà a difenderli, emigreranno. Ernest Kimaya è il presidente dell’associazione che riunisce questi cittadini senza diritti: «Viviamo nel terrore, barricati in casa, usciamo solo se indispensabile e con la paura addosso». Una delegazione è stata ricevuta dal presidente Jakaya Kilwete. E’ uno dei pochi che si è mobilitato per loro, ha proposto di schedarli per proteggerli, vuole un servizio di vigilanza per i bimbi che vanno a scuola. Ha promesso che qualcosa si farà. Anche perché Onu e Ue protestano per questa mattanza infame.
    Nel vicino Burundi da tempo ritrovano i cadaveri mutililati degli albini. Sono diventati l’oggetto di un mostruoso commercio, ne prelevano sangue, braccia e gambe che sarebbero poi rivenduti a caro prezzo in Tanzania. Sottovoce si parla di cifre colossali, 600 milioni di scellini (300 mila euro) per il cadavere di un albino. Leggende macabre quasi certamente. Quel che è certo è che la tariffa richiesta dai killer è bassa, 10 mila franchi burundesi, 7 euro. Il rischio di essere arrestati è minimo, la notizia finisce nella rubrica «fatti diversi» dei giornali. Secondo alcune voci i cadaveri sono il tributo a mostruose leggende magiche, sul sangue e gli arti degli albini che mescolati con alcune medicine consentono di trovare l’oro.
    Richard Ciza, 19 anni, è uno dei pochi che l’ha scampata. Per sfuggire agli assassini si è nascosto per alcuni giorni nella foresta prima di raggiunge Ruygi, nell’est del Paese, dove le autorità locali, le sole finora, hanno deciso di proteggerli. «Alcuni vicini mi hanno avvertito che una banda di killer stava per raggiungermi. Ho corso con tutte le mie forze e sono vivo. Dicono che usino i cadaveri nei giacimenti d’oro, il metallo viene in superficie per magia, basta raccoglierlo. O i pescatori, nel lago, li utilizzano per catturare grossi pesci che hanno l’oro nello stomaco».
    Il 22 settembre non è andata altrettanto bene a Spès, una ragazza di 16 anni, uccisa nel suo villaggio: le hanno preso tutto il sangue e gli arti, gettando il busto in un canale. Proprio dopo questo delitto a Ruygi hanno deciso di mettere sotto protezione 45 albini che hano risposto all’appello; vivono in una casa circondata da un muro di tre metri. Ma forse non basterà.
    In Africa sono numerosi a soffrire di questa malattia della pelle che si caratterizza da mancanza di pigmentazione. Il fatto che siano soggetti a problemi di vista e a rischio di ulcere e tumori della pelle non è che secondario. I loro assassini sono credenze così radicate che le campagne di sensibilizzazione non sono riuscite ad averne ragione. L’ambivalenza e l’ambiguità di essere bianchi nati da genitori neri aizza le convinzioni ostili. Per lo più è la donna a essere considerata responsabile della malattia: per aver dormito incinta sotto le stelle in una zona magicamente interdetta, si dice, o per essere stata infedele al marito durante la gravidanza. Per noi europei il Male è qualcosa di terribile, di storicamente grandioso, per gli africani è qualcosa di magico, indefinito, che viene prima della Storia. Gli albini possono predire l’avvenire, gettare il malocchio o dare ricchezza. Sono perfetti, come portatori, volontari o non, di questi poteri, per i sacrifici umani che ancora oggi servono a diventare potenti o migliorare la condizione sociale. Durante le campagne elettorali in molti Paesi gli albini si barricano in casa per sfuggire alla caccia dei sostenitori dei candidati. Non li si considera più come essere umani ma oggetti da sacrificare, quel che conta sono le loro teste mozzate o l’apparato genitale o le unghie considerate come le parti del corpo più magicamente potenti.
    E’ il passo finale di una tragica odissea che inizia nel momento stesso della nascita, quando molti genitori, inorriditi, li rifiutano. Angui Mudimba, dell’associazione per la difesa degli albini del Congo Brazaville, è uno di loro: «Mio padre non mi voleva, mi ha maledetto. Per fortuna il resto della famiglia mi ha difeso. Da piccolo vivevo praticamente confinato in casa per il timore che qualcuno mi facesse del male. Ma, ditemi, quale è la mia colpa?».


    -la stampa-

    Io sono una foresta e una notte di alberi scuri: ma chi non ha paura della mia oscurità trova anche, sotto i miei cipressi, declivi di rose.
    Miei lavori,anche su commissione:
    http://www.facebook.com/WonderlandFactory

  2. # ADS
     

  3. #2
    colibrì
    Utente cancellato

    Predefinito

    Lo sapevo, su molti giornali internazionali se ne parla tanto ma purtroppo non si fa nulla
    Se non ricordo male c'è la Norvegia che sta facendo un'opera informativa in Africa per sensibilizzare le masse e far capire che essere albino non è frutto di un maleficio.

  4. #3
    pietra miliare FDT.. maya
    Donna 35 anni da Piacenza
    Iscrizione: 29/9/2004
    Messaggi: 14,707
    Piaciuto: 420 volte

    Predefinito

    cosa vuoi mai... sono paesi del 3° mondo, senza cultura, e che vivono ancora, appunto, nella cultura di 600 anni fa...non si sono mentalmente evoluti. è normale.
    E' come dire ad un nazzista che le sue idee sono sbagliate e cercare di farglielo capire (per dire un esempio estremo...)
    Io sono una foresta e una notte di alberi scuri: ma chi non ha paura della mia oscurità trova anche, sotto i miei cipressi, declivi di rose.
    Miei lavori,anche su commissione:
    http://www.facebook.com/WonderlandFactory

  5. #4
    Mai più senza FdT RudeMood
    Donna 38 anni
    Iscrizione: 3/2/2009
    Messaggi: 10,246
    Piaciuto: 1043 volte

    Predefinito

    Noi qua non riusciamo a far capire alla gente che gli omosessuali non devono essere picchiati...
    Eppure non viviamo nel 3° mondo ...
    La servitù, in molti casi, non è una violenza dei padroni, ma una tentazione dei servi.

    I cinici sono tutti moralisti, e spietati per giunta.





  6. #5
    Mai più senza FdT lakeofire
    Uomo 34 anni
    Iscrizione: 11/9/2007
    Messaggi: 13,626
    Piaciuto: 66 volte

    Predefinito

    Poveri
    Che brutto che dev'essere

  7. #6
    Sempre più FdT Siugar_
    Donna 33 anni
    Iscrizione: 25/8/2007
    Messaggi: 2,876
    Piaciuto: 3 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da RudeMood Visualizza il messaggio
    Noi qua non riusciamo a far capire alla gente che gli omosessuali non devono essere picchiati...
    Eppure non viviamo nel 3° mondo ...
    parole sante

  8. #7
    Redhead Pride Lantis
    Uomo 36 anni da Estero
    Iscrizione: 21/10/2004
    Messaggi: 25,447
    Piaciuto: 1042 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da maya Visualizza il messaggio
    cosa vuoi mai... sono paesi del 3° mondo, senza cultura, e che vivono ancora, appunto, nella cultura di 600 anni fa...non si sono mentalmente evoluti. è normale.
    E' come dire ad un nazzista che le sue idee sono sbagliate e cercare di farglielo capire (per dire un esempio estremo...)

    mah piu che cultura di 600 anni fa è che hanno una loro cultura. Quello che non hanno, sono conoscenze scientifiche del albinismo
    "Nella vita le cose che contano non si ottengono mai con facilità : Dottor Kelso
    De gustibus non est disputandum"Nella vita le cose che contano non si ottengono mai con facilità : Dottor Kelso

  9. #8
    Mai più senza FdT RudeMood
    Donna 38 anni
    Iscrizione: 3/2/2009
    Messaggi: 10,246
    Piaciuto: 1043 volte

    Predefinito

    E noi abbiamo conoscenze scientifiche sull'omosessualità.

    Vabbè. Non vengono mutilati per fare sacrifici.
    Ma ognuno ha il suo modo di odiare e allontanare i diversi, Ognuno ha la sua cultura.
    E queste culure, quella moderna e qualla di 600 anni fa, non sono poi così diverse.
    La servitù, in molti casi, non è una violenza dei padroni, ma una tentazione dei servi.

    I cinici sono tutti moralisti, e spietati per giunta.





Discussioni simili

  1. La famiglia dei bimbi albini
    Da maya nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 33
    Ultimo messaggio: 7/9/2009, 21:34
  2. Albini africani
    Da lauraB nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 23/1/2009, 16:04
  3. Piazza italia
    Da gioiana nel forum Moda e tendenze
    Risposte: 30
    Ultimo messaggio: 16/1/2009, 18:36
  4. scendere in piazza
    Da Usher nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 4/2/2008, 23:45
  5. CUSCINATE IN PIAZZA
    Da TITANIUM1414 nel forum Raduni, eventi e iniziative
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 22/5/2006, 21:57