ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Google+ Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Visualizzazione risultati da 21 a 24 su 24

Debiti

  1. #21
    Little Spongy Folletta
    Donna 27 anni da Genova
    Iscrizione: 8/12/2007
    Messaggi: 14,178
    Piaciuto: 3975 volte

    Predefinito

    Dubito che in Trentino sia diverso.. Quella di Fioroni è una legge effettiva.. Quindi se alla fine dell'anno si ha anche un solo 5,si ha la sospensione di giudizio..Cioè si studia tutta l'estate la materia kon il 5 [o anche più basso] e a settembre si fa un esame in cui il professore deciderà se promuovere l'alunno alla classe successiva o no..
    Se invece alla fine dell'anno si ha un solo 4 e un solo 5 si è automaticamente bocciati.

    Ca ete lu sule, quandu lu iciu me preciu. Si' sule: forte cautu immensu.
    Ca quandu lu iciu alle origini mei pensu.
    Sud Sound System



  2. # ADS
     

  3. #22
    Eden
    Donna 30 anni
    Iscrizione: 7/3/2006
    Messaggi: 5,183
    Piaciuto: 119 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Pikkola*Folletta Visualizza il messaggio
    Dubito che in Trentino sia diverso.. Quella di Fioroni è una legge effettiva.. Quindi se alla fine dell'anno si ha anche un solo 5,si ha la sospensione di giudizio..Cioè si studia tutta l'estate la materia kon il 5 [o anche più basso] e a settembre si fa un esame in cui il professore deciderà se promuovere l'alunno alla classe successiva o no..
    Se invece alla fine dell'anno si ha un solo 4 e un solo 5 si è automaticamente bocciati.
    no è cosi. cioè è come una volta. non c'è nessun esame ad agosto. se hai debiti non devi fare nulla. cioè c'è scritto promosso o bocciato. nessun cambiamento. non a caso si chiama provincia autonoma.
    Dellai: "Ecco perché
    non vogliamo gli esami"


    TRENTO. «Noi vogliamo una scuola che abbia al centro i ragazzi. In questo momento, si tratta di capire se questa ipotesi è opportuna per loro e se, dal punto di vista organizzativo, riduca i rischi di un tilt generale, che molti paventano con la riforma nazionale. Se poi decideremo di seguire questa strada, valuteremo ovviamente anche la questione giuridica»: così il governatore Dellai difende la scelta di non adottare la riforma Fioroni sugli esami di riparazione. Irritato per la fuga di notizie ("Ma non c'è nulla di segreto"), Dellai conferma: ancora pochi giorni e la giunta potrebbe varare una delibera che sancisca la «via trentina» alla riforma, ben diversa da quella nazionale.

    Presidente, perché il Trentino vuole andare per conto proprio?
    C'è la preoccupazione di non compromettere il regolare avvio dell'anno scolastico: i tempi d'attivazione previsti dalla circolare ministeriali ci spaventano. L'ipotesi di effettuare i corsi di recupero durante l'estate con tantissime famiglie costrette a modificare i propri programmi, e poi riunire di nuovo i consigli di classe, procedere alla composizione delle classi, nominare gli insegnanti... Il tutto ai primi di settembre? Non vorrei essere facile profeta, ma mi sembra un'ipotesi ardita».

    E' solo una questione di tempi? E il metodo?
    Noi stiamo valutando se, nell'ambito della nostra autonomia organizzativa in campo scolastico, possano essere studiate modalità diverse.

    La vostra controriforma ha fatto scalpore...
    Noi pensavamo di dare informazioni solo dopo tutte le verifiche del caso, in primo luogo con i presidi. Nel metodo, mi spiace che queste ipotesi siano state divulgate; nella sostanza, credo che la nostra potrebbe essere un'impostazione positiva, in linea con la serietà del percorso di recupero e della sua gestione.



    Ma il Trentino può essere l'unica provincia d'Italia che va per conto suo?
    Noi ci chiediamo: cosa è più utile ai nostri ragazzi? Se i nostri presupposti saranno confermati, poi si vedrà la questione giuridica. Ci penseranno gli esperti, ma personalmente non credo che ci siano problemi. Comunque decideremo entro il 28 del mese.

    Niente esami di riparazione, ma una formula singolare: la riassume lei?
    A fronte di incertezze formative accertate a giugno con gli scrutini finali, all'inizio di settembre il ragazzo, che sarà comunque promosso, frequenterà obbligatoriamente un numero adeguato di ore di formazione in quella materia. La logica è quella di accertare l'eventuale deficit do formazione e porsi nell'ottica di superarlo.

    Non teme che passi un messaggio del tipo: in Trentino tutti promossi?
    Noi non vogliamo una scuola meno seria o meno severa, anzi: è molto più serio fare così, rispetto all'esamificio. La nostra ipotesi ha diversi punti di vantaggio, ma valuteremo attentamente pro e contro, prima di fare annunci di qualsiasi genere.

    Sino a che punto, in questo ma anche in altri terreni, il Trentino intende spingersi per far valere la sua autonomia?
    Guardi, la scuola italiana ha molti problemi ma anche molte potenzialità. Tra i problemi c'è il centralismo, tra le potenzialità figurano l'impegno e lo sforzo di creatività di tante scuole e territori d'Italia: il problema è essenzialmente capire questo.

    Ma basta l'autonomia per contestare una riforma nazionale?
    La scuola italiana ha bisogno di essere unitaria sui principi fondamentali, ma anche di potersi muovere con maggiore libertà e autonomia. Sennò, ci adegueremo al tran-tran nazionale.
    (16 dicembre 2007)

  4. #23
    eleo
    Utente cancellato

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da °Sunrise° Visualizza il messaggio
    no è cosi. cioè è come una volta. non c'è nessun esame ad agosto. se hai debiti non devi fare nulla. cioè c'è scritto promosso o bocciato. nessun cambiamento. non a caso si chiama provincia autonoma.
    Dellai: "Ecco perché
    non vogliamo gli esami"


    TRENTO. «Noi vogliamo una scuola che abbia al centro i ragazzi. In questo momento, si tratta di capire se questa ipotesi è opportuna per loro e se, dal punto di vista organizzativo, riduca i rischi di un tilt generale, che molti paventano con la riforma nazionale. Se poi decideremo di seguire questa strada, valuteremo ovviamente anche la questione giuridica»: così il governatore Dellai difende la scelta di non adottare la riforma Fioroni sugli esami di riparazione. Irritato per la fuga di notizie ("Ma non c'è nulla di segreto"), Dellai conferma: ancora pochi giorni e la giunta potrebbe varare una delibera che sancisca la «via trentina» alla riforma, ben diversa da quella nazionale.

    Presidente, perché il Trentino vuole andare per conto proprio?
    C'è la preoccupazione di non compromettere il regolare avvio dell'anno scolastico: i tempi d'attivazione previsti dalla circolare ministeriali ci spaventano. L'ipotesi di effettuare i corsi di recupero durante l'estate con tantissime famiglie costrette a modificare i propri programmi, e poi riunire di nuovo i consigli di classe, procedere alla composizione delle classi, nominare gli insegnanti... Il tutto ai primi di settembre? Non vorrei essere facile profeta, ma mi sembra un'ipotesi ardita».

    E' solo una questione di tempi? E il metodo?
    Noi stiamo valutando se, nell'ambito della nostra autonomia organizzativa in campo scolastico, possano essere studiate modalità diverse.

    La vostra controriforma ha fatto scalpore...
    Noi pensavamo di dare informazioni solo dopo tutte le verifiche del caso, in primo luogo con i presidi. Nel metodo, mi spiace che queste ipotesi siano state divulgate; nella sostanza, credo che la nostra potrebbe essere un'impostazione positiva, in linea con la serietà del percorso di recupero e della sua gestione.



    Ma il Trentino può essere l'unica provincia d'Italia che va per conto suo?
    Noi ci chiediamo: cosa è più utile ai nostri ragazzi? Se i nostri presupposti saranno confermati, poi si vedrà la questione giuridica. Ci penseranno gli esperti, ma personalmente non credo che ci siano problemi. Comunque decideremo entro il 28 del mese.

    Niente esami di riparazione, ma una formula singolare: la riassume lei?
    A fronte di incertezze formative accertate a giugno con gli scrutini finali, all'inizio di settembre il ragazzo, che sarà comunque promosso, frequenterà obbligatoriamente un numero adeguato di ore di formazione in quella materia. La logica è quella di accertare l'eventuale deficit do formazione e porsi nell'ottica di superarlo.

    Non teme che passi un messaggio del tipo: in Trentino tutti promossi?
    Noi non vogliamo una scuola meno seria o meno severa, anzi: è molto più serio fare così, rispetto all'esamificio. La nostra ipotesi ha diversi punti di vantaggio, ma valuteremo attentamente pro e contro, prima di fare annunci di qualsiasi genere.

    Sino a che punto, in questo ma anche in altri terreni, il Trentino intende spingersi per far valere la sua autonomia?
    Guardi, la scuola italiana ha molti problemi ma anche molte potenzialità. Tra i problemi c'è il centralismo, tra le potenzialità figurano l'impegno e lo sforzo di creatività di tante scuole e territori d'Italia: il problema è essenzialmente capire questo.

    Ma basta l'autonomia per contestare una riforma nazionale?
    La scuola italiana ha bisogno di essere unitaria sui principi fondamentali, ma anche di potersi muovere con maggiore libertà e autonomia. Sennò, ci adegueremo al tran-tran nazionale.
    (16 dicembre 2007)
    Non lo sapevo, che ignorante XD

  5. #24
    FdT svezzato
    Donna 25 anni da Frosinone
    Iscrizione: 20/8/2008
    Messaggi: 292
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Ovij Visualizza il messaggio
    le materie sono sempre quelle..ci sono passati tutti che gli sia piaciuto o no..
    perciò è sì xD
    ma poi ooh se uno per disgrazia non eccelle in una materia e ha difficoltà i professori non sono così stronzi da farlo bocciare per qst .-.
    ci pensano due volte..se l'alunno sè impegnato o no..
    Ok ho capito...
    xciò devo digerire a forza il prof di mate e il suo metodo...
    La vita è come una scatola di cioccolatini:non si sa mai quello ke ti capita

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Discussioni simili

  1. debiti....
    Da angel98 nel forum Scuola, università, lavoro
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 1/8/2007, 23:54
  2. debiti....
    Da mto89 nel forum Scuola, università, lavoro
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 22/5/2007, 20:46
  3. debiti e bocciatura
    Da mto89 nel forum Scuola, università, lavoro
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 20/4/2007, 22:45
  4. Prestiti e debiti
    Da Silent Enigma nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 10/2/2007, 14:20
  5. Debiti?
    Da Nouvelle Vague nel forum Scuola, università, lavoro
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 8/8/2006, 22:54