ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 5 di 14 PrimaPrima 123456789 ... UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 41 a 50 su 133
Like Tree158Mi piace

Non dirlo al mio capo!

  1. #41
    Moderatrice Holly
    Donna 30 anni
    Iscrizione: 1/4/2006
    Messaggi: 35,153
    Piaciuto: 10104 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Mephist Visualizza il messaggio
    Io distinguerei i casi: "dare lavoro ad una donna" e "dare lavoro ad una mamma". Nel primo caso direi che non fa assolutamente differenza tra uomo e donna, il discriminante devono essere le competenze personali circa il tipo di lavoro. Per il secondo caso invece direi che dovrebbe essere la donna che sceglie il tipo di lavoro più consono alla sua situazione, diciamo. Quello che voglio dire è che se sei mamma e vuoi lavorare perfetto e complimenti, ma sul posto di lavoro non sei mamma e quindi devi esserci, come è giusto che sia visto che vieni pagata.
    Avere figli e lavorare secondo me significa sacrificare entrambi perché se sei al lavoro non sei con i figli e se sei con i figli non lavori, ma questo è un mio opinabile pensiero.
    Essere papà comporta le stesse limitazioni.
    Che orrore l'idea dei lavori "da mamma".

    A Red Viper piace questo intervento
    Difficile dire se il mondo in cui viviamo sia una realtà o un sogno.

  2. # ADS
     

  3. #42
    Assuefatto da FdT hino
    Donna 38 anni da Roma
    Iscrizione: 17/10/2009
    Messaggi: 902
    Piaciuto: 94 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Holly Visualizza il messaggio
    Essere papà comporta le stesse limitazioni.
    Che orrore l'idea dei lavori "da mamma".
    Per loro non è la stessa cosa....perché secondo il loro pensiero i figli vanno cresciuti solo dalle madri e loro vedranno i figli solo quando torneranno dal lavoro. Adesso lascio questo argomento sul forum perché altrimenti mi arrabbio troppo. È un argomento che mi fa innervosire. Continuate pure un abbraccio

  4. #43
    Inguaribile realista Masquerade
    Donna
    Iscrizione: 15/10/2014
    Messaggi: 874
    Piaciuto: 610 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da hino Visualizza il messaggio
    Secondo me sbagliate a prescindere, Le donne e le madri hanno il diritto di lavorare, per legge se una donna viene licenziata perché è in maternità, va da un giudice e viene immediatamente riassunta. Certo che le assumerei! DOVETE LAVORARE non dovete dipendere mai dagli uomini, se il matrimonio fallisce e vi ritrovate con figli a carico senza lavoro che fate? oppure rimanente incinte, lui non riconosce il bambino, vi licenziano, che fate? Dovete essere indipendenti.
    Se leggi con più attenzione ti accorgerai che nessuno qui ha detto che le donne non hanno diritto a lavorare. Il punto su cui si è focalizzato il discorso è un altro. E che ti piaccia o meno, è una questione terribilmente attuale. Mi fai il caso del licenziare in maternità e della legge che lo impedisce. Verissimo. Chi non lo sa. Ma è anche facile immaginare che questa legge possa essere uno dei motivi per cui a priori un capo ( e per capo non mi riferisco solo a uomini) preferisce evitare il problema a monte e non assumere. Perché è di assumere che si sta parlando, non di licenziare.
    Vabbè poi sei andata già al peggio e cioè al divorzio, all'abbandono etc. Ma guarda che abbiamo raggiunto la parità dei diritti anche in questo sai. Possiamo anche noi decidere di divorziare e abbandonare. Questo è un altro discorso.
    Comunque mi fa piacere sapere che tu le assumeresti.

    - - - Aggiornamento - - -

    Quote Originariamente inviata da hino Visualizza il messaggio
    Hai perfettamente ragione. Leggendo i commenti di questo forum si capisce che anni e anni di battaglie femministe in Italia non valgono nulla. Continuate a ragionare così è vedrete come andremo a finire.....l'età della pietra è finita.

    Ute Ehrhardt, una donna con le palle, è la prima a sostenere che il femminismo è terminato con ogni femmnista che si è sposata ed è diventata mamma. Qui il femminismo non c'entra nulla. Si tratta di sapere di poter essere presenti sul posto di lavoro esattamente quanto un uomo. Anche in caso di figli. Non è anche per questa parità di diritti che abbiamo combattuto?

    - - - Aggiornamento - - -

    Quote Originariamente inviata da Dade Visualizza il messaggio
    Ma cmq le donne devono lavorare lo stesso. Non che non le assumiamo piu perche rimangono incinte. A me sembra assurda come cosa...
    Allora non assumiamo neanche i disabili perche potrebbero essere spesso in cura.

    Dade, non è che le donne devono lavorare. Le donne lavorano. E quando sono mamme, la loro giornata di lavoro non termina certo quando rientrano a casa. Lavorano il doppio. E su questo non si discute.
    poi sarà anche assurda e si, anche discriminatoria come cosa, ma la verità è che accade. Una donna, mamma, ha più difficoltà a trovare lavoro. E se da un lato può sembrare assurdo o discriminatorio, dall'altro può essere anche comprensibile come discorso. E sia ben chiaro che con comprensibile, non lo definisco giustificabile. Io sto ancora cercando di aiutare la mia amica a trovare lavoro, anche se ha figli, come ho spiegato nel post di apertura.
    La verità è scioccante solo per chi non desidera vedere la realtà.
    (Bert Hellinger)
    La quercia chiese al mandorlo: "Parlami di Dio!" E il mandorlo fiorì...
    (Nikos Kazantzakis)

  5. #44
    Assuefatto da FdT hino
    Donna 38 anni da Roma
    Iscrizione: 17/10/2009
    Messaggi: 902
    Piaciuto: 94 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Masquerade Visualizza il messaggio
    Se leggi con più attenzione ti accorgerai che nessuno qui ha detto che le donne non hanno diritto a lavorare. Il punto su cui si è focalizzato il discorso è un altro. E che ti piaccia o meno, è una questione terribilmente attuale. Mi fai il caso del licenziare in maternità e della legge che lo impedisce. Verissimo. Chi non lo sa. Ma è anche facile immaginare che questa legge possa essere uno dei motivi per cui a priori un capo ( e per capo non mi riferisco solo a uomini) preferisce evitare il problema a monte e non assumere. Perché è di assumere che si sta parlando, non di licenziare.
    Vabbè poi sei andata già al peggio e cioè al divorzio, all'abbandono etc. Ma guarda che abbiamo raggiunto la parità dei diritti anche in questo sai. Possiamo anche noi decidere di divorziare e abbandonare. Questo è un altro discorso.
    Comunque mi fa piacere sapere che tu le assumeresti.

    - - - Aggiornamento - - -




    Ute Ehrhardt, una donna con le palle, è la prima a sostenere che il femminismo è terminato con ogni femmnista che si è sposata ed è diventata mamma. Qui il femminismo non c'entra nulla. Si tratta di sapere di poter essere presenti sul posto di lavoro esattamente quanto un uomo. Anche in caso di figli. Non è anche per questa parità di diritti che abbiamo combattuto?

    - - - Aggiornamento - - -




    Dade, non è che le donne devono lavorare. Le donne lavorano. E quando sono mamme, la loro giornata di lavoro non termina certo quando rientrano a casa. Lavorano il doppio. E su questo non si discute.
    poi sarà anche assurda e si, anche discriminatoria come cosa, ma la verità è che accade. Una donna, mamma, ha più difficoltà a trovare lavoro. E se da un lato può sembrare assurdo o discriminatorio, dall'altro può essere anche comprensibile come discorso. E sia ben chiaro che con comprensibile, non lo definisco giustificabile. Io sto ancora cercando di aiutare la mia amica a trovare lavoro, anche se ha figli, come ho spiegato nel post di apertura.
    Scusami ma non assumere una donna in gravidanza non è la stessa cosa di licenziare una donna che gia lavora e poi diventerà mamma? a tutte e due si vieta la possibilità di lavorare. Per me è discriminazione sessuale punto e basta. Lo so che questa realtà esiste, ma questo no vuol dire che dobbiamo accettarla e non cambiarla.. una donna che ha un bambino come lo mantiene? gli dice mamma non ti può dare da mangiare perché un maschilista datore di lavoro non mi fa lavorare? Se a voi va bene questa situazione pazienza, a me non piace e nessuno si può permettere di non farmi lavorare perché devo avere un figlio.

  6. #45
    Overdose da FdT Dade
    Uomo 30 anni da Torino
    Iscrizione: 21/11/2010
    Messaggi: 9,892
    Piaciuto: 4006 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Masquerade Visualizza il messaggio
    Se leggi con più attenzione ti accorgerai che nessuno qui ha detto che le donne non hanno diritto a lavorare. Il punto su cui si è focalizzato il discorso è un altro. E che ti piaccia o meno, è una questione terribilmente attuale. Mi fai il caso del licenziare in maternità e della legge che lo impedisce. Verissimo. Chi non lo sa. Ma è anche facile immaginare che questa legge possa essere uno dei motivi per cui a priori un capo ( e per capo non mi riferisco solo a uomini) preferisce evitare il problema a monte e non assumere. Perché è di assumere che si sta parlando, non di licenziare.
    Vabbè poi sei andata già al peggio e cioè al divorzio, all'abbandono etc. Ma guarda che abbiamo raggiunto la parità dei diritti anche in questo sai. Possiamo anche noi decidere di divorziare e abbandonare. Questo è un altro discorso.
    Comunque mi fa piacere sapere che tu le assumeresti.

    - - - Aggiornamento - - -




    Ute Ehrhardt, una donna con le palle, è la prima a sostenere che il femminismo è terminato con ogni femmnista che si è sposata ed è diventata mamma. Qui il femminismo non c'entra nulla. Si tratta di sapere di poter essere presenti sul posto di lavoro esattamente quanto un uomo. Anche in caso di figli. Non è anche per questa parità di diritti che abbiamo combattuto?

    - - - Aggiornamento - - -




    Dade, non è che le donne devono lavorare. Le donne lavorano. E quando sono mamme, la loro giornata di lavoro non termina certo quando rientrano a casa. Lavorano il doppio. E su questo non si discute.
    poi sarà anche assurda e si, anche discriminatoria come cosa, ma la verità è che accade. Una donna, mamma, ha più difficoltà a trovare lavoro. E se da un lato può sembrare assurdo o discriminatorio, dall'altro può essere anche comprensibile come discorso. E sia ben chiaro che con comprensibile, non lo definisco giustificabile. Io sto ancora cercando di aiutare la mia amica a trovare lavoro, anche se ha figli, come ho spiegato nel post di apertura.
    E' un problema di pre-concetti. Ho capito che una mamma ha più cose da gestire, ma se l'uomo non fa la sua parte è un'altro paio di maniche.
    Se facciamo questo discorso, torniamo indietro di 50 anni dove la donna non lavorava e l'uomo portava a casa i soldi.
    Felice l'uomo che trova rifugio in se stesso.

  7. #46
    Inguaribile realista Masquerade
    Donna
    Iscrizione: 15/10/2014
    Messaggi: 874
    Piaciuto: 610 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da hino Visualizza il messaggio
    Scusami ma non assumere una donna in gravidanza non è la stessa cosa di licenziare una donna che gia lavora e poi diventerà mamma? a tutte e due si vieta la possibilità di lavorare. Per me è discriminazione sessuale punto e basta. Lo so che questa realtà esiste, ma questo no vuol dire che dobbiamo accettarla e non cambiarla.. una donna che ha un bambino come lo mantiene? gli dice mamma non ti può dare da mangiare perché un maschilista datore di lavoro non mi fa lavorare? Se a voi va bene questa situazione pazienza, a me non piace e nessuno si può permettere di non farmi lavorare perché devo avere un figlio.

    In verità già si tende a non assumere donne in gravidanza. Una nota casa di intimo con negozi in tutta Italia chiamò a colloquio la moglie di un mio amico che aveva un buon curriculum. Lei aveva scoperto di essere incinta da una settimana e correttamente lo disse durante il colloquio. Fu ringraziata e salutata con un "ci risentiamo tra qualche anno." Il problema è che si tende anche a non assumere mamme.
    si, non dobbiamo accettarla, ma neanche rinnegarla senza metterci nei panni dell'altra parte. Quello che possiamo fare è cambiarla questa realtà ed una buona domanda da porsi, per iniziare, sarebbe "come" cambiarla.

    - - - Aggiornamento - - -

    Quote Originariamente inviata da Dade Visualizza il messaggio


    E' un problema di pre-concetti. Ho capito che una mamma ha più cose da gestire, ma se l'uomo non fa la sua parte è un'altro paio di maniche.
    Se facciamo questo discorso, torniamo indietro di 50 anni dove la donna non lavorava e l'uomo portava a casa i soldi.

    Dade, è un problema di preconcetti se ti trovi davanti alla mentalità di chi crede che la donna non sia in grado di lavorare.
    Qui invece si parla d'altro. Qui c'è una questione che può creare problemi o disagi e che comunque necessita di una soluzione.
    facciamo un altro esempio. Tu se impegnato ed hai una sola collega che va in maternità o si assenta per seguire i figli. Ci sono scadenze, priorità. Dove lavori non è che escono soldi fuori dalla tasca e il titolare ti dice che adesso il lavoro della collega ricadrà su di te. Tu che fai?
    Preciso che è un esempio che ho visto capitare molte volte. Ed anche qui ci sono state diverse reazioni.
    La verità è scioccante solo per chi non desidera vedere la realtà.
    (Bert Hellinger)
    La quercia chiese al mandorlo: "Parlami di Dio!" E il mandorlo fiorì...
    (Nikos Kazantzakis)

  8. #47
    Assuefatto da FdT hino
    Donna 38 anni da Roma
    Iscrizione: 17/10/2009
    Messaggi: 902
    Piaciuto: 94 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Masquerade Visualizza il messaggio
    In verità già si tende a non assumere donne in gravidanza. Una nota casa di intimo con negozi in tutta Italia chiamò a colloquio la moglie di un mio amico che aveva un buon curriculum. Lei aveva scoperto di essere incinta da una settimana e correttamente lo disse durante il colloquio. Fu ringraziata e salutata con un "ci risentiamo tra qualche anno." Il problema è che si tende anche a non assumere mamme.
    si, non dobbiamo accettarla, ma neanche rinnegarla senza metterci nei panni dell'altra parte. Quello che possiamo fare è cambiarla questa realtà ed una buona domanda da porsi, per iniziare, sarebbe "come" cambiarla.
    Esatto! Secondo me bisognerebbe fare delle associazioni dove potersi confrontare e magari quando ci accorgiamo di alcune descrimizazioni denunciarle alle autorità. Perché la legge riconosce la parità dei sessi e in caso di non osservanza si può denunciare. Lo Stato riconosce i nostri diritti, dobbiamo lottare per farceli riconoscere.

  9. #48
    Inguaribile realista Masquerade
    Donna
    Iscrizione: 15/10/2014
    Messaggi: 874
    Piaciuto: 610 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da hino Visualizza il messaggio
    Esatto! Secondo me bisognerebbe fare delle associazioni dove potersi confrontare e magari quando ci accorgiamo di alcune descrimizazioni denunciarle alle autorità. Perché la legge riconosce la parità dei sessi e in caso di non osservanza si può denunciare. Lo Stato riconosce i nostri diritti, dobbiamo lottare per farceli riconoscere.
    Sembra quasi l'estensione di un sindacato.
    La verità è scioccante solo per chi non desidera vedere la realtà.
    (Bert Hellinger)
    La quercia chiese al mandorlo: "Parlami di Dio!" E il mandorlo fiorì...
    (Nikos Kazantzakis)

  10. #49
    Overdose da FdT Dade
    Uomo 30 anni da Torino
    Iscrizione: 21/11/2010
    Messaggi: 9,892
    Piaciuto: 4006 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Masquerade Visualizza il messaggio
    In verità già si tende a non assumere donne in gravidanza. Una nota casa di intimo con negozi in tutta Italia chiamò a colloquio la moglie di un mio amico che aveva un buon curriculum. Lei aveva scoperto di essere incinta da una settimana e correttamente lo disse durante il colloquio. Fu ringraziata e salutata con un "ci risentiamo tra qualche anno." Il problema è che si tende anche a non assumere mamme.
    si, non dobbiamo accettarla, ma neanche rinnegarla senza metterci nei panni dell'altra parte. Quello che possiamo fare è cambiarla questa realtà ed una buona domanda da porsi, per iniziare, sarebbe "come" cambiarla.

    - - - Aggiornamento - - -




    Dade, è un problema di preconcetti se ti trovi davanti alla mentalità di chi crede che la donna non sia in grado di lavorare.
    Qui invece si parla d'altro. Qui c'è una questione che può creare problemi o disagi e che comunque necessita di una soluzione.
    facciamo un altro esempio. Tu se impegnato ed hai una sola collega che va in maternità o si assenta per seguire i figli. Ci sono scadenze, priorità. Dove lavori non è che escono soldi fuori dalla tasca e il titolare ti dice che adesso il lavoro della collega ricadrà su di te. Tu che fai?
    Preciso che è un esempio che ho visto capitare molte volte. Ed anche qui ci sono state diverse reazioni.
    Succede pure se uno si spacca un ginocchio. E quelli che hanno incidenti e hanno parecchi mesi di degenza?
    Le donne hanno bisogno dai 4 ai 9 mesi di permesso e non ci piove, possono essere trovate altre soluzioni in quel frangente. Le grandi aziende si posso permettere la sostituzione temporanea, le piccole aziende vanno aiutate.
    Felice l'uomo che trova rifugio in se stesso.

  11. #50
    Inguaribile realista Masquerade
    Donna
    Iscrizione: 15/10/2014
    Messaggi: 874
    Piaciuto: 610 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dade Visualizza il messaggio


    le piccole aziende vanno aiutate.
    Da chi?

    Non hai risposto alla mia domanda quindi la riformulo. Tu ti accolleresti il lavoro della collega in maternità o che fa molte assenze per seguire il figlio? Anche il tuo potrebbe essere un aiuto, no?
    La verità è scioccante solo per chi non desidera vedere la realtà.
    (Bert Hellinger)
    La quercia chiese al mandorlo: "Parlami di Dio!" E il mandorlo fiorì...
    (Nikos Kazantzakis)

Pagina 5 di 14 PrimaPrima 123456789 ... UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Dedica speciale al mio amore: ale4ever89
    Da deddolina nel forum Improvvisazione
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 26/8/2006, 10:46
  2. Al mio amore segreto
    Da coniglietta07 nel forum Improvvisazione
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 28/5/2006, 15:29
  3. Al mio passante triste
    Da Grì nel forum Improvvisazione
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 8/1/2006, 14:06
  4. al mio angelo...
    Da imok nel forum Improvvisazione
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 8/11/2005, 0:49
  5. Ho fatto le corna al mio ragazzo!!!
    Da koda nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 37
    Ultimo messaggio: 11/9/2005, 1:41