ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 3 su 3
Like Tree1Mi piace
  • 1 Intervento di Eurasia

Berlusconi: "la crisi non si aggraverà". La Borsa crolla: -5%

  1. #1
    FdT svezzato
    Uomo 37 anni
    Iscrizione: 24/4/2009
    Messaggi: 102
    Piaciuto: 1 volte

    Predefinito Berlusconi: "la crisi non si aggraverà". La Borsa crolla: -5%

    Berlusconi nega colpe su tonfo Borsa e lancia Patto per settembre
    "Non spaventarsi, mercati orologi rotti". Scintille con Tremonti


    Roma, 4 ago. (TMNews) - Quando Silvio Berlusconi parla per dire che "la crisi non si aggraverà" e che non bisogna spaventarsi per quello che accade sui mercati, la Borsa di Milano è già in discesa. Niente, però, in confronto al livello meno cinque toccato in chiusura, con tanto di 'giallo' sul black out dei listini.



    Né il discorso pronunciato ieri dal premier alle Camere, nè l'incontro avuto in mattinata con le parti sociali e l'impegno del governo a presentare un patto per la crescita a settembre, sembra insomma aver placato piazza Affari. Ma il Cavaliere non ci sta a prendersi sul groppone la colpa. Perchè le Borse - dice - agiscono "per ragioni proprie e distanti dalla politica" e mettere in connessione il nuovo tonfo con il suo discorso è soltanto frutto - tanto per cambiare - della cattiva informazione. Il Berlusconi figlio ricorda poi che il padre definiva i mercati come degli "orologi rotti" che danno "l'ora esatta solo due volte al giorno". Il Berlusconi imprenditore garantisce che se dovesse investire lo farebbe sulle sue aziende "che continuano a fare utili". Il Berlusconi presidente del Consiglio, infine, si sforza di dire che non bisogna essere "spaventati" dagli attuali spread anche perché le cause della crisi "non sono endogene, ma globali" e dunque gli stati europei "non hanno la possibilità di una risposta immediata".

    Il premier ci tiene però tanto anche a sottolineare la sua soddisfazione per l'esito dell'incontro con le parti sociali perché - spiega - non c'è stata "nessuna voce di dissenso" né presa di posizione pregiudiziale ma tanta "voglia di collaborazione" e "apprezzamento per l'operato del governo". Parole che suonano un po' in distonia rispetto a quelle pronunciate dalle parti sociali, che hanno chiesto di evitare le "scappatoie", e dalla leader di Confindustria, Emma Marcegaglia che ha invitato governo e Parlamento a continuare a lavorare anche nelle prossime settimane.

    E all'interno dell'Esecutivo sembra per ora messa da parte l'ipotesi di convocare un Consiglio dei ministri per la prossima settimana. "Lavoreremo per tutto agosto, ma non sono previsti atti concreti entro il mese" ha detto per esempio il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani. D'altra parte, contrario ad un anticipo delle misure della manovra, sarebbe anche il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. A dispetto del tentativo di dare un'immagine di unità dell'Esecutivo, oggi tra il premier e il titolare di via XX settembre sono volate scintille in conferenza stampa. Probabilmente non a caso quando il Cavaliere ha interrotto il discorso del ministro per sottolineare il ruolo della Banca centrale, ergo anche del suo prossimo presidente Mario Draghi. E sarà pur vero, come assicura un ministro che in questi giorni ha partecipato a tutti i tavoli, che Silvio e Giulio hanno lavorato gomito a gomito, ma pare che il ministro dell'Economia ironizzi molto sulle voci che riguardano la sua attuale debolezza all'interno dell'Esecutivo autodefinendosi il 'commissariato'.

    Nel governo un po' tutti comunque continuano a ripetere che questa sarà un'estate di lavoro. Lo stesso premier ha annunciato che le sue ferie saranno ridotte all'osso. A breve dovrebbe concedersi qualche giorno di vacanza in Sardegna e poi, a cavallo di ferragosto, andare a trovare l'amico Vladimir Putin in Russia.

    TMNews - Berlusconi nega colpe su tonfo Borsa e lancia Patto per settembre

  2. # ADS
     

  3. #2
    Sei colori in cerca di autore Randy Mellons
    Uomo 120 anni
    Iscrizione: 6/2/2011
    Messaggi: 6,943
    Piaciuto: 5295 volte

    Predefinito

    che uomo di merda, anzi solo merda

  4. #3
    Eurasia
    Utente cancellato

    Predefinito

    Il premier ci tiene però tanto anche a sottolineare la sua soddisfazione per l'esito dell'incontro con le parti sociali perché - spiega - non c'è stata "nessuna voce di dissenso" né presa di posizione pregiudiziale ma tanta "voglia di collaborazione" e "apprezzamento per l'operato del governo". Parole che suonano un po' in distonia rispetto a quelle pronunciate dalle parti sociali, che hanno chiesto di evitare le "scappatoie", e dalla leader di Confindustria, Emma Marcegaglia che ha invitato governo e Parlamento a continuare a lavorare anche nelle prossime settimane.

    Molto consolante constatare che ancora il Premier non è in grado di tradurre i messaggi delle Parti Sociali. Mi fa pensare al vecchietto della pubblicità di Euronics che sbandierava ottimismo e profumo per la vita. Credo che il nostro Presidente del Consiglio abbia seri problemi sia di udito che di olfatto.
    A Fiona piace questo intervento

Discussioni simili

  1. Franceschini: «La crisi non è un reality»
    Da *AllStar* nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 16/5/2009, 19:03
  2. Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 26/10/2008, 10:56
  3. non ci sono piu - La crisi
    Da alberto88 nel forum Video musicali
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 15/9/2008, 17:29
  4. Berlusconi...l'uomo che non perde mai..
    Da alchimista nel forum Notizie politiche ed economiche
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 28/4/2006, 19:07
  5. Berlusconi: «La guerra in Iraq non la volevo»
    Da AldoVincent nel forum Off Topic
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 1/11/2005, 13:09

Tag per questa discussione