ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Google+ Feed RSS Seguici su YouTube
Visualizzazione risultati da 1 a 7 su 7
Like Tree9Mi piace
  • 7 Intervento di Arianna68
  • 1 Intervento di Arianna68
  • 1 Intervento di MagicCarpet

Un blog con il racconto di una vita tra Asperger e depressione

  1. #1
    Matricola FdT
    Donna 50 anni
    Iscrizione: 11/1/2017
    Messaggi: 3
    Piaciuto: 8 volte

    Predefinito Un blog con il racconto di una vita tra Asperger e depressione

    Salve a tutti, ho 50 anni e forse sono un po' oltre l'età media degli utenti.

    Lascio questo messaggio per segnalarvi la mia storia.

    Ho scoperto solo da pochi mesi la mia appartenenza all'autismo e all'Asperger pertanto solo di recente ho potuto inquadrare correttamente i miei disturbi.

    Non ho mai ricevuto una diagnosi ufficiale in quanto al momento in cui i disturbi si sono fatti evidenti, cioè nella mia adolescenza, erano gli ani 80 e nessuno sapeva cosa fosse l'autismo. Mi sono diagnosticata da sola leggendo su internet articoli, seguendo conferenze e video che parlavano del problema. Mi sono riconosciuta pienamente nei tratti caratteristici. Ho fatto un test di diagnosi riportando un punteggio di 174 su 200.

    Purtroppo la mia vita è stata irrimediabilmente danneggiata dalla malattia. Non ho mai ricevuto alcun aiuto né trattamento per le mie difficoltà (all'epoca non c'erano medici preparati sull'argomento tanto meno associazioni che fornissero aiuto o indicazioni, non esisteva nemmeno internet! ), non ho mai avuto una diagnosi corretta. Ho passato anni da psicologi, psichiatri, neurologi e psicoanalisti ma nessuno ha mai capito cosa avevo. In genere parlavano di depressione, qualcuno mi ha definito schizofrenica, molti dicevano che non mi impegnavo abbastanza per guarire. Ho preso senza risultati molti psicofarmaci: tranquillanti, antidepressivi e persino neurolettici. Avrei fatto qualsiasi cosa per guarire ed avere una vita normale ma purtroppo ciò non è avvenuto.

    In famiglia non mi ha aiutato nessuno, anzi, quando ho avuto insormontabili problemi nell'andare a scuola, al liceo, tutti mi hanno accusato di essere pigra, sfaticata, nullafacente ecc. La mia sofferenza è stata ritenuta semplicemente pigrizia e rifiuto di studiare o lavorare al solo scopo di oziare e farsi mantenere dalla famiglia. Sono stata ripetutamente rimproverata, punita, umiliata, presa a schiaffi, minacciata di TSO ogni qualvolta chiedevo di essere aiutata, o semplicemente di non essere lasciata sola nella mia sofferenza.
    La mia è una famiglia di persone molto disturbate e, retrospettivamente, ho ricollegato all'autismo molti comportamenti e vicende dei miei parenti: donne rimaste zitelle o che si facevano suore, uomini concentrati sul lavoro e chiusi in sé stessi in un'estrema forma di misantropia.
    I miei genitori si sono sposati senza amore, mio padre era nevrotico, fobico e ossessionato dalla perfezione, mia madre schizofrenica con delirio paranoico.
    Non ho avuto la possibilità di curarmi e uscire fuori da un complicato sistema familiare di ricatti, vendette, controllo sadico sulle persone. I miei tratti autistici mi hanno reso particolarmente vulnerabile a tutti i disturbi psicologici che comunque ci sarebbero stati nel crescere con genitori psicologicamente malati e instabili.
    Ora ho 50 anni, sono sola, non ho mai avuto amici, non ho mai avuto un compagno, non ho mai lavorato, ho trascorso almeno l'80% della mia vita chiusa in casa. Non ho un'indipendenza economica e ormai restare in vita è diventato molto difficile. Negli ultimi mesi, avendo finalmente scoperto il mio disturbo, pensavo di fare un tentativo usando il mio talento nello scrivere per cercare lavoro nell'editoria, purtroppo, non avendo alcun contatto, il tentativo è fallito. Avevo scritto un libro sulla mia vita, descrivendo le difficoltà, le sofferenze, le speranze, e tutto ciò che mi è successo in questa terribile esistenza, avevo pensato di presentarlo a delle case editrici sperando in una pubblicazione ma a questo punto non mi resta nemmeno il tempo per farlo.
    L'ho trasformato in un blog che potete trovare in lettura libera e gratuita all'indirizzo:

    ilcoraggiodivolersibene.blogspot.com.



    Se potrà interessarvi sarà proprio come leggere un libro, in cui parlo di me ma anche della storia della mia famiglia a partire dai miei nonni. Vi avverto che si tratta di un racconto disturbante, angosciante e penoso in cui viene descritta una lunga serie di violenze affettive e psicologiche che si tramanda da almeno tre generazioni.
    Non so se potrà essere utile a qualcuno, ma ormai poter lasciare la mia testimonianza nel mondo è la sola cosa che mi resta. Spero che la mia sofferenza non sia stata inutile e che qualcuno possa imparare dalla mia esperienza.
    Grazie.
    Arianna

  2. # ADS
     

  3. #2
    Pesciolino nell'acquario. Half shadow
    Uomo 29 anni
    Iscrizione: 20/7/2008
    Messaggi: 11,048
    Piaciuto: 803 volte

    Predefinito

    In alcuni siti mi è stato detto che la sindrome di Asperger è anche ereditaria. Dal comportamento che hai detto direi che l'Asperger in questione era tuo padre. Non è uguale per ognuno, varia da soggetto a soggetto, posso comunque dirti che neanche negli anni 2000 ne sapevano niente. Tu per caso sei anche bipolare? Ho letto che è possibile che gli aspie siano anche bipolari, ma che è più difficile la diagnosi in qaunto sono più introversi rispetto ad altre persone e quindi le fasi maniacali e depressive sono meno evidenti.

    Comunque la sindrome di Asperger non è esattamente autismo, è un disturbo correlato all'autismo, imparentato per così dire, si definiscono autistici ad alto funzionamento. Ma un asperger ed un autistico non sono la stessa cosa, anche perché devi sapere che il primo a studiare il fenomeno è stato proprio un pediatra affetto dalla sindrome, Hans Asperger, in ogni caso, sempre da quello che ho letto, le caratteristiche che più rendono difficili le interazioni sociali tendono a scomparire dopo l'adolescenza, sei sicura di non esserti chiusa in te stessa troppo a lungo?
    Un forte desiderio può far vincere.

  4. #3
    Matricola FdT
    Donna 50 anni
    Iscrizione: 11/1/2017
    Messaggi: 3
    Piaciuto: 8 volte

    Predefinito

    Da quello che ho notato nella mia famiglia credo proprio che l'Asperger e l'autismo abbiano una forte base genetica.
    No, io non sono bipolare...forse ho avuto brevi periodi d'entusiasmo ma posso definirmi una depressa cronica. E' difficile individuare con esattezza le differenze tra Asperger e autismo...diciamo che si tratta di gradi che vanno da un estremo all'altro. Per Asperger si intende un tipo d'autismo ad alto funzionamento, che spesso si riesce anche a nascondere, però, no, non scompare con l'adolescenza, anzi è proprio allora che i guai si fanno evidenti perché viene richiesta una maggiore interazione sociale.
    Sicuramente chiudersi in se stessi peggiora le cose e spesso si creano delle commorbità con depressione, psicosi, borderline e altri disturbi del carattere.
    A Half shadow piace questo intervento

  5. #4
    Pesciolino nell'acquario. Half shadow
    Uomo 29 anni
    Iscrizione: 20/7/2008
    Messaggi: 11,048
    Piaciuto: 803 volte

    Predefinito

    Ah sì, ma infatti io avevo detto dopo l'adolescenza, non durante... Diciamo che per lo meno i problemi di socializzazione dovrebbero attenuarsi.
    Un forte desiderio può far vincere.

  6. #5
    Nepotista razzista MagicCarpet
    Uomo 48 anni
    Iscrizione: 24/2/2014
    Messaggi: 1,465
    Piaciuto: 690 volte

    Predefinito

    Ciao Arianna, ti auguro con tutto il cuore di riuscire a stare meglio e a trovare qualcuno che ripaghi con l'amore almeno una parte delle tue sofferenze.

    Un caro abbraccio.
    E poi, e poi....Gente viene qui e ti dice di sapere già ogni legge delle cose.....

  7. #6
    Matricola FdT
    Donna 50 anni
    Iscrizione: 11/1/2017
    Messaggi: 3
    Piaciuto: 8 volte

    Predefinito

    Grazie per gli auguri e l'incoraggiamento.

  8. #7
    Nepotista razzista MagicCarpet
    Uomo 48 anni
    Iscrizione: 24/2/2014
    Messaggi: 1,465
    Piaciuto: 690 volte

    Predefinito

    Ho letto qualcosa frettolosamente, e mi sembra davvero ben scritto.
    In attesa di poterci dedicare una più approfondita lettura, ti faccio i miei modesti e inutili complimenti.

    Brava.
    E poi, e poi....Gente viene qui e ti dice di sapere già ogni legge delle cose.....

Discussioni simili

  1. Etero si finge gay per un anno: ecco il racconto di Timothy Kurek
    Da Lukinho92 nel forum Attualità e cronaca
    Risposte: 34
    Ultimo messaggio: 20/10/2012, 19:01
  2. il sogno di una vita
    Da SteekHutzee nel forum Immagini e foto divertenti
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 29/6/2009, 9:03
  3. Aiuto con il titolo di una canzone...
    Da Attilablackpug nel forum Musica
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 27/5/2008, 0:45
  4. figura con il cell di un tipo
    Da zucchi* nel forum Figuracce
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 27/1/2006, 13:36
  5. Il sogno di una vita....
    Da Oxo_84 nel forum Off Topic
    Risposte: 28
    Ultimo messaggio: 4/12/2005, 14:50

Tag per questa discussione