ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 25
Like Tree14Mi piace

Perdere la fiducia

  1. #1
    vcp
    Pollon Style vcp
    Donna 33 anni
    Iscrizione: 25/6/2014
    Messaggi: 615
    Piaciuto: 231 volte

    Predefinito Perdere la fiducia

    Premetto che non son un tipo che scrive molto delle cose private. Anzi in linea di massima, non mi piace parlarne. Però forse sentendo tanti pareri potrei trovare una sorta di aiuto.

    Il mio problema è la fiducia.
    Ho avuto un passato un pò burrascoso, una relazione che mi ha portata allo sfinimento e tanti tanti problemi familiari e non che mi hanno portato ad essere un pò dura e categorica nelle decisioni.
    La mia domanda è: come si fa a rifidarsi delle persone?
    Mi spiego meglio:
    Ho delle amiche a cui tengo e di loro mi fido. Posso confidarmi. Ma rimango sempre sul chi va là, per paura di soffrire.
    Non mi fido degli uomini. Li considero una massa (senza offesa per i presenti) di esseri senza palle che non sanno cosa vogliono dalla vita.
    Non mi fido dei contatti umani. Non do spazio alle persone di conoscermi e sto sempre sulla difensiva.
    Sono arrivata al punto di odiare il contatto fisico: se non ti conosco devi stare nel tuo e se mi abbracci mi irrigidisco.

    Quando esco con le amiche e magari un ragazzo si avvicina sono un ghiacciolo. Ermetica. Non ti faccio capire che mi interessi e se mi sorridi o provi ad avvicinarmi mi chiudo a riccio (con eleganza ovviamente, tecnica affinata nei mesi!).



    Non penso di volere una storia o di creare qualcosa con qualcuno al momento, ma mi dà noia non sentirmi mai a mio agio.

    Consigli?!
    A Temperance piace questo intervento
    "Trasparenti Muri di Cristallo..."

  2. # ADS
     

  3. #2
    Utente Catafratto DueDiPicche
    Uomo 31 anni
    Iscrizione: 14/2/2007
    Messaggi: 6,250
    Piaciuto: 1057 volte

    Predefinito

    Innanzi tutto bentornata.

    Non sarebbe un problema tutto ciò se tu ti sentissi a tuo agio,per carattere nemmeno io amo di essere toccato da persone che conosco poco,ne amo dare eccessive confidenze -a meno che io non sia ubriaco,in tal caso ti racconto anche quanto misura il mio gingillo-,ma non mi sento a disagio in nessun modo,anzi.

    Penso tu abbia delle amiche fidate,la classica compagnia più stretta,e che con loro tu riesca ad aprirti un po' di più,o sbaglio
    ?

    Poi per i ragazzi è relativo,dicono che la persona giusta quando arriva la riconosci,e credo sia vero,se non hai interesse nel approfondire conoscenze,non sei obbligata a farlo.

    In definitiva l'unico consiglio che mi senti di darti,è quello di accettare il tuo stato momentaneo di diffidenza e distacco dal mondo,ci passiamo tutti,ma non è sforzandosi di uscirne che ne uscirai realmente,e non è vivendo male questo periodo che potrai riacquisire fiducia nel prossimo.
    ''Vedrai una città regale, addossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica Signora del Mare: Genova.''

    Francesco Petrarca

  4. #3
    vcp
    Pollon Style vcp
    Donna 33 anni
    Iscrizione: 25/6/2014
    Messaggi: 615
    Piaciuto: 231 volte

    Predefinito

    grazie per il bentornata!!!!


    Allora si, ho una cerchia di amiche con le quali posso confidarmi, ma anche con loro non mi fido mai al 100% e non riesco a trovare sempre quella sensazione di agio!

    A me non è che dà noia il contatto fisico, a me da noia proprio la confidenza. Non mi piace che mi si tocchi, non mi piace neanche salutare le persone con il classico bacino alle volte. Mi dà noia addirittura che mi si venga chiamata "vale" se non mi si conosce, piuttosto che valentina.

    E considera invece che odio essere chiamata valentina da chi in realtà mi conosce. Devo essere io a dare l'ok e dire che mi si può chiamare abbreviando (ah le mie turbe!!!)

    Il punto è che non credo davvero ci sia possibilità di trovare il ragazzo giusto. Cioè per me, per la persona che sono diventata, non mi sta bene niente e nessuno.

    C'è chi dice che non mi devo abituare troppo a questo stato di "singlitudine" perchè poi davvero non mi sarà possibile riabituarmi ad avere qualcuno accanto se non con enormi sforzi... e questa cosa mi spaventa a morte.

    Ma se io sono la prima a non dare confidenza anche a chi mi interessa, come faccio a conoscere davvero la persona giusta?

    Ora non è che ho paura di rimanere zitella a vita, ma ho pur sempre 28 anni, devo anche cominciare a pensare un pò al futuro no?

    Se ogni santa volta che un ragazzo mi ispira (non fiducia ma quanto meno simpatia) e mi attrae, io mi richiudo a riccio, come faccio? Non c'è una qualche tecnica o qualcosa che mi aiuti a lasciarmi andare?

    Il mio stato di momentanea diffidenza va avanti da mesi e mesi purtroppo.
    A Temperance piace questo intervento
    "Trasparenti Muri di Cristallo..."

  5. #4
    Utente Catafratto DueDiPicche
    Uomo 31 anni
    Iscrizione: 14/2/2007
    Messaggi: 6,250
    Piaciuto: 1057 volte

    Predefinito

    Anche il mio scazzo cronico va avanti da anni,mi si diceva che non avrei potuto vivere sempre così,che avrei dovuto levigare il mio carattere perchè se no sarei rimasto solo al mondo,il risultato è che ora con questo stato d'animo particolare ci convivo,le persone che mi vogliono bene mi conoscono e sanno che spesso ho dei modi di fare non proprio gentili,ma che sono un amico sincero e leale.

    Questo per dirti che è sempre lo stesso discorso trito e ritrito,finchè non sei a tuo agio con te stessa non potrai mai esserlo con gli altri,e tu in questo momento è lampante che vorresti non essere così come sei,ma più te ne fai un cruccio e meno riuscirai ad aprirti,perchè quando non ci si sente a proprio agio è normale che ci si chiuda sempre più in se stessi.

    Per quanto riguarda i ragazzi,io fossi in te quieterei,hai 28 anni non 48,se non c'è nessuno con il quale ti venga voglia di aprirti per instaurare un rapporto mica devi sforzarti,soprattutto in amore non bisogna avere forzature di sorta,si finisce per viverla male davvero poi.
    ''Vedrai una città regale, addossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica Signora del Mare: Genova.''

    Francesco Petrarca

  6. #5
    alias Annie Lennox Elaine Marley
    Uomo 30 anni
    Iscrizione: 22/4/2010
    Messaggi: 8,528
    Piaciuto: 6430 volte

    Predefinito

    Sono come te, ho scacciato non so quanti ragazzi perchè mi chiudo totalmente e non do modo di farmi conoscere o di aprirmi.
    La tua è una sorta di difesa, ma sono anche convinta che se un ragazzo è interessato a te e riesce a capirti e andare oltre, col tempo impari a lasciarti andare.
    Non ti dirò di iniziare a fidarti, metti solo in conto che con le persone ci devi andare coi piedi di piombo, sono tutti pronti a girarti le spalle, sii solo attenta nei rapporti che instauri, e apriti poco a poco, giusto per vedere come va.
    Non è una cosa che devi fare in un giorno, col tempo inizi a conoscere le persone e a capire se ne vale la pena.
    A Temperance piace questo intervento
    "look like the innocent flower, but be the serpent under it"

  7. #6
    Wowbagger Jo Constantine
    Uomo 30 anni da Roma
    Iscrizione: 29/1/2009
    Messaggi: 31,898
    Piaciuto: 9036 volte

    Predefinito

    Soffrendo dello stesso problema da almeno un paio di anni non sono proprio in grado di dare consigli in merito.
    Uno dovrebbe avere il coraggio di sbattere eventualmente la testa contro il muro, o meglio di mettersi in gioco.
    A me attualmente manca proprio la voglia.
    Ho delle conoscenze, ma non le approfondisco.
    E le amicizie già coltivate... boh... Non mi apro.
    Per quanto riguarda le relazioni?! Ormai preferisco stare solo.

  8. #7
    Malato dell'ultima parola Hulk
    Uomo 37 anni
    Iscrizione: 20/4/2014
    Messaggi: 5,147
    Piaciuto: 1349 volte

    Predefinito

    ma bentornata vucippola
    come stai? (apparte il discorso fiducia)

    cmq riguardo agli amici.. io non sto sul chi va la su quelli che considero veri, però dei 50000 che consideravo tali a 16-17 anni adesso ne ho 4-5.
    tutti li conosco da almeno 20 anni, e devo dire che sulle conoscenze nuove che faccio non riesco proprio piu a fare amicizia, un pò per le delusioni avute in passato ma forse ancor di più perchè ormai con lo stile di vita che faccio non ho piu cosi tanto tempo da dedicare a nuove conoscenze approfondite.

    anche a me non piacciono abbracci e sbaciucchi che vedo la gente spreca a vanvera.. anzi spesso dietro le persone che si presentano con esagerate confidenze si nascondono i piu falsi in assoluto..

    sugli uomini.. ma dai non è vero che tutti gli uomini non sanno cosa vogliono.. questo lo dici perchè a te è andata male.. in ogni caso non sei nel momento giusto per avere una relazione e questo è evidente.

    cmq la situazione di disagio che hai con le tue amiche non è normale.. forse non è un gruppo di amiche ma una compagnia e quindi in qualche modo ti devi adeguare anche a quelle che ti piacciono meno se vuoi restarci.. ma valuta bene se è il caso di restarci!

  9. #8
    Kakihara
    Uomo 29 anni da Bari
    Iscrizione: 13/7/2012
    Messaggi: 749
    Piaciuto: 390 volte

    Predefinito

    Seguo perchè direttamente interessato, il consiglio che posso darti è di provare ad essere un po più leggera con le persone, lasciale parlare, chiuderti a riccio non ti permette di capire, cosa quella persona ha da darti o com'è realmente, se dopo un po capisci che quella persona non merita il tuo interesse la lasci perdere,non serve neanche tanto impegno, altrimenti continui a rapportarti con lei . La fiducia in un rapporto nasce con il passare del tempo, normalmente ne passa anche parecchio. Non fidarti delle tue amiche al 100% è corretto, almeno per quanto riguarda me non mi sono mai fidato ad occhi chiusi di una persona la cosa sarebbe troppo pericoloso. Ovviamente ci sono persone che caratterialmente sono più o meno diffidenti, nel tuo caso cerca solo di smorzare il tuo no assoluto. Parti dal presupposto "ok ci parlo tanto che ci perdo?".
    « Lo sto facendo veramente! Arrivo. Sì, sei bagnata! Sei morta ma sei tutta bagnata. I misteri della vita sono strabilianti! Persino un cadavere può bagnarsi! È fantastico! Fantastico! Hey, questa è merda! Non è un mistero della vita, è merda! »
    (Kiyoshi, mentre ha un rapporto sessuale con il cadavere di una giornalista)

  10. #9
    Overdose da FdT Dade
    Uomo 30 anni da Torino
    Iscrizione: 21/11/2010
    Messaggi: 9,892
    Piaciuto: 4006 volte

    Predefinito

    Ah come ti capisco...
    Anche io per problemi familiari e con la gente non riesco a fidarmi di nessuno e non riesco ad avere rapporti umani di alcun tipo.
    Non ho rapporto con gli uomini perchè penso che siano un pericolo.
    Non ho rapporto con le donne perchè o diventano mie amiche o non mi avvicino neanche per paura di essere rifiutato
    Non ho rapporti sociali perchè non conosco nulla e la mia diffidenza e paura non mi permette di avere rapporti.

    Negli ultimi anni sono un pelo migliorato, l'andare in palestra(per palestra intendo a fare krav maga), mi ha aiutato a fidarmi piu delle persone e piu di me stesso. Ho qualche rapporto in piu ma è minimo ci sto lavorando piano piano.

    Credimi gli sport di gruppo aiutano un sacco!
    Felice l'uomo che trova rifugio in se stesso.

  11. #10
    Bambina dell'asilo Kathryn Merteuil
    Donna 27 anni
    Iscrizione: 17/4/2014
    Messaggi: 3,361
    Piaciuto: 1673 volte

    Predefinito

    Il fatto che tu riconosca che questo è un "problema" secondo me è già un primo passo.
    Anch'io sono una persona abbastanza diffidente di natura, anche a me non piace parlare dei fatti miei con gli altri, e anche se si tratta di amici e amiche fidatissime rimango sempre, come dici tu, su chi va là quando si tratta di aprirmi su cose personali.
    Però un conto è questo, ben altro è non dare confidenza a nessuno e partire prevenuta con tutti.
    Tutti credono che la diffidenza nasca da una sfiducia di base verso gli altri, ma non è assolutamente così.
    Quando non riusciamo ad aprirci con gli altri (tra cui anche con persone che ci interessano e che ci piacciono come hai detto tu) in realtà è per via della poca fiducia che abbiamo in noi stessi, e per paura di essere rifiutati.
    La cosa che dovresti fare quindi secondo me è cercare di lavorare sulla tua autostima. Anche, se non soprattutto, perchè questo in caso di fallimenti e di altre delusioni ti aiuterebbe a, come dire, "cadere in piedi" e a non deprimerti, sfinirti, o richiuderti totalmente nel tuo guscio come hai detto che ti è successo in passato.

    P.s. lo so, tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare xD e questi sono lati caratteriali che non si possono cambiare in un giorno o in una settimana. Ma l'unico consiglio che mi sento di darti è questo. Perchè è inutile fare gli ipocriti. Stare soli e non riuscire ad aprirsi con nessuno non è affatto una cosa piacevole.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. Non voglio perdere la mia amica del cuore!
    Da stellissima nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 27/1/2009, 19:55
  2. Preservare la fiducia...
    Da RedFlag nel forum Argomento libero
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 15/12/2008, 20:23
  3. Perdere la testa per una che non ricambia
    Da .:Dangerous:. nel forum Amore e amicizia
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 13/9/2008, 15:26
  4. Perdendo la fiducia.
    Da Lantis nel forum Il confessionale
    Risposte: 40
    Ultimo messaggio: 23/11/2007, 20:11
  5. Paura di perdere la mia sorellastra
    Da ***giuly92*** nel forum Il confessionale
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 20/1/2007, 14:54