ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Instagram Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 100 di 104 PrimaPrima ... 509096979899100101102103104 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 991 a 1,000 su 1035
Like Tree11Mi piace

Agenda e considerazioni su gli ultimi libri letti

  1. #991
    Sei colori in cerca di autore Randy Mellons
    Uomo 119 anni
    Iscrizione: 6/2/2011
    Messaggi: 6,944
    Piaciuto: 5297 volte

    Predefinito

    Ultimamente ho letto un po' di Dosto (ora son sui I demoni). Memorie del sottosuolo - Bellissimo, stupendo, incredibile. Inizialmente ho faticato a riconoscere lo stile di Dosto, soprattutto per la forma, passare dai suo periodi ricchissimi di incidentali ad un simil flusso di coscienza, si sente parecchio. Il libro, se preso con il giusto spirito, ti apre un mondo interiore incredibile. Più che alla lettura si apprezza dopo, a conti fatti.
    Riletto anche il Dorian Grey. Secondo me un capolavoro che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita, di un citazionismo infinito. Credo sia una delle storie più affascinanti che abbia mai letto.
    1984: Altro libro che ha lasciato un segno. Dopo averlo letto ho capito in quanti si sono ispirati, o almeno hanno rubato qualcosa dal libro. E' un titolo molto molto particolare. Si attiene poco ai fatti, è per lo più descrittivo nel senso migliore del termine. Ti mette davanti a questo mondo in cui il pensiero stesso è reato, tutto è proibito, angosciante, morto. Ti fa riflettere sulla nostra stessa realtà. E se fosse anche qui così? Più che un romanzo una sorta di riflessione su una società per certi versi non troppo lontana dalla nostra. Bello bello bello.



  2. # ADS
     

  3. #992
    Ti sbrano la faccia mode: ON BananaOmbraOscura
    Donna 20 anni
    Iscrizione: 19/2/2012
    Messaggi: 44
    Piaciuto: 8 volte

    Predefinito

    Ultimameente ho letto Shadowhunters L'Angelo (Le origini) di cassandra clar parla di demoni vampiri streghe lupi mutaforma e dei loro caccatori i nephilim chiamati anche shadowhunters ossia cacciatori di ombre.....veramente bello
    xD
    ....I Speak fluently Sarcasm....

  4. #993
    Can che dorme Wolverine
    Uomo 34 anni
    Iscrizione: 3/4/2006
    Messaggi: 43,734
    Piaciuto: 2782 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Randy Mellons Visualizza il messaggio

    1984: Altro libro che ha lasciato un segno. Dopo averlo letto ho capito in quanti si sono ispirati, o almeno hanno rubato qualcosa dal libro. E' un titolo molto molto particolare. Si attiene poco ai fatti, è per lo più descrittivo nel senso migliore del termine. Ti mette davanti a questo mondo in cui il pensiero stesso è reato, tutto è proibito, angosciante, morto. Ti fa riflettere sulla nostra stessa realtà. E se fosse anche qui così? Più che un romanzo una sorta di riflessione su una società per certi versi non troppo lontana dalla nostra. Bello bello bello.
    Ho letto due volte quel libro, ha colpito davvero moltissimo anche me. È pervaso da un senso di morte e paralisi che va molto al di là di quello che poi succede o non succede di specifico ai vari personaggi.
    That is not dead which can eternal lie, and with strange aeons even death may die

    (Abdul Alhazred)

  5. #994
    Overdose da FdT Fiona
    Donna 31 anni
    Iscrizione: 12/1/2011
    Messaggi: 8,591
    Piaciuto: 2915 volte

    Predefinito

    Qualche settimana fa (ho perso il senso del tempo, può darsi siano passati mesi) ho terminato L'ombra dello scorpione di Stephen King e l'ho trovato il più bello tra i suoi letti finora; 900 pagine che mi hanno risucchiato in una realtà con personaggi che ancora amo e quasi 'mi mancano', che penso sia la sensazione più bella che un libro possa (debba?) lasciarti. E' stato come vedermi un infinito film horror scritto come si deve, descritto senza annoiarti, che è la cosa che più mi frega nei testi... odio le descrizioni infinite pur amando immaginarmi tutto di tutto/i.

    Adesso sto leggendo Dubliners di J. Joyce ed è inutile dire che quell'uomo lo adoro; l'avevo ovviamente già affrontato al Liceo e se devo essere onesta il suo genio non si manifesta in questa sfilza di operette, l'ho preferito in Ulysses che non ho neanche letto completamente ma che mi ha lasciato più impresso il suo 'essere', se posso dire così. Sono comunque ovviamente ben scritte e ben affrontate, l'angoscia continua non mi fa impazzire e la descrizione della vecchia Dublino mi fa sentire claustrofobica ma per il resto le sto davvero divorando, il che è positivo. E' contrastante quello che provo nei suoi confronti, spero studiandolo quest'estate di arrivare a un punto di vista più concreto XD

  6. #995
    allegoria10
    Utente bannato

    Predefinito

    posto anche qui..
    Ragazze dovete assolutamente leggere questo libro, io l'ho letto e ho scoperto un sacco di cose..cito testualmente dalla descrizione:
    "E' un saggio sulla sessualità da un punto di vista esoterico e spirituale nel quale tento di tracciare un parallelo tra il bisogno di abbattere i tabù sul sesso e il bisogno di un risveglio collettivo e un'innalzamento delle coscienze, verso una vera libertà.
    Dall'autore di: "La vita chiama a gran voce - racconti erotici"
    Ultima modifica di Empusa; 30/5/2012 alle 14:59

  7. #996
    Sei colori in cerca di autore Randy Mellons
    Uomo 119 anni
    Iscrizione: 6/2/2011
    Messaggi: 6,944
    Piaciuto: 5297 volte

    Predefinito

    A giudicare dal post sopra, mi dimentico di scrivere di tutti i libri letti, ma tant'è.
    Uno, nessuno e centomila. Mai letto prima di settimana scorsa. Grave mancanza. Il libro parla in maniera personale di tutti. Sì è in prima persona, ma potreste essere benissimamente voi il protagonista. E' un libro sull'umana esistenza. Un manualetto - semplice e geniale - che tratta di filosofia, psicologia e sociologia in maniera tanto semplice quanto disarmante. L'ho trovato pioneristico, si fa fatica a credere che non sia un libro scritto ai giorni nostri.
    Che tu sia per me il coltello. Di diritto nella top ten dei libri che mi hanno colpito di più. Non è assolutamente lo stesso genere, ma qualcosa non mi prendeva così da quando Io e Palahiunk abbiamo stretto una letteraria amicizia. Pungente, sottile, emozionante. A tratti anche sagace per alcune - splendidi - immagini che sa creare. Un libro che non chiamerei romantico ma sentimentale. L'amore è un concetto riduttivo per le pagine scritte da Grossman.

  8. #997
    Moderatrice Holly
    Donna 30 anni
    Iscrizione: 1/4/2006
    Messaggi: 35,153
    Piaciuto: 10100 volte

    Predefinito

    Jeffrey Eugenides. Ecco, uno che sa dare una lezione su come deve essere scritto un libro di narrativa.
    Difficile dire se il mondo in cui viviamo sia una realtà o un sogno.

  9. #998
    Pantagruelico
    Uomo 31 anni da Venezia
    Iscrizione: 5/3/2006
    Messaggi: 10,799
    Piaciuto: 12 volte

    Predefinito

    Il potere del cane di Don Winslow, narrazione, intreccio, personaggi, perfetto. Tutto.

  10. #999
    Pantagruelico
    Uomo 31 anni da Venezia
    Iscrizione: 5/3/2006
    Messaggi: 10,799
    Piaciuto: 12 volte

    Predefinito

    Ho letto in una giornata "Le belve" di Don Winslow.
    Libro dinamico, all'inverosimile. Molto vicino ad una "narrazione cinematografica", alterna narrazioni (brevi) a dialoghi e a tentativi abbozzati di prosa in versi.

    Ad ogni modo, la trama non ha nulla di originale, è una storia abbastanza trita, però il modo in cui sono intrecciate le vicende rendono il libro di Winslow un gran bel romanzo.

  11. #1000
    Pantagruelico
    Uomo 31 anni da Venezia
    Iscrizione: 5/3/2006
    Messaggi: 10,799
    Piaciuto: 12 volte

    Predefinito

    Aggiungo una riflessione su "La ventisettesima città" di Jonathan Franzen, che ho terminato un paio di giorni fa.
    Ritengo "Le correzioni" e "Libertà" due tra i miei due libri preferiti, e Franzen uno degli scrittori a cui sono in assoluto più affezionato, e che stimo di più dal punto di vista della mera resa scritta dei propri romanzi.

    Se dal punto di vista stilistico Franzen è sempre un maestro, e lo era anche venticinque anni fa, all'epoca della scrittura del romanzo in questione, dal punto di vista contenutistico ha subito una decisa crescita - come è giusto che sia, sebbene siano in molti i detrattori del povero Johnnie.

    "La ventisettesima città" mi ha deluso molto, poiché ampiamente inconcludente, spesso artificioso e forse anche un po' strampalato. A tratti, e parlo del finale, pare che Franzen abbia tirato ad indovinare quale fosse la conclusione migliore per il romanzo. Mancando totalmente la buona sorte.

Discussioni simili

  1. Gli ultimi acquisti!
    Da Holly nel forum Topics senza fine
    Risposte: 1094
    Ultimo messaggio: 28/5/2013, 21:39
  2. Gli ultimi 30 minuti...
    Da Ghezzi nel forum Off Topic
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 14/8/2010, 13:34
  3. segnala tutti gli argomenti come già letti
    Da Il Sovrano nel forum Problemi, suggerimenti e consigli
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 27/9/2006, 22:52
  4. gli ultimi 59 secondi di vita
    Da pukka n°1 nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 31/5/2006, 23:36
  5. COSA GLI REGALO???AIUTATEMI!!!!
    Da pinka nel forum Argomento libero
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 8/10/2004, 16:43