ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Google+ Feed RSS Seguici su YouTube
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Visualizzazione risultati da 1 a 10 su 28

giornata della memoria

  1. #1
    Matricola FdT
    Iscrizione: 2/10/2004
    Messaggi: 82
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito giornata della memoria

    domani giornata della memoria...
    ...
    opinioni a riguardo?


  2. # ADS
     

  3. #2
    Eurasia
    Utente cancellato

    Predefinito

    oggi è la giornata della memoria,ma non solo oggi...anke tutti gli altri giorni,mi capita di pensare a quante persone abbiano sofferto a causa della stupidità umana.quante vittime siano state investite dall egoismo e dall odio ingiustificato.non mi rivolto solo al singolo episodio successo in germania,ma tutti quesi paesi ke hanno aderito a un sistema poco equilibrato,a tutti quelli ke per paura stavano zitti e subivano,a tutti quelli ke avevano gli occhi per guardare ma nn potevano usare la bocca per gridare o mostrare il loro dolore di fronte le ingiustizie.
    sono tanti i modi in cui un uomo può morire,ma quelle causate dagli uomini stessi sono le più stupide in assoluto.

  4. #3
    George Best
    Utente bannato

    Predefinito

    Mi sembra una cosa inutile, se dovessimo commemorare tutti i morti per le ca**ate che ha fatto l'Uomo, faremmo mezz'ora di silenzio tutti i giorni; ma a quanto pare ci sono morti di serie A e di serie B...

  5. #4
    Matricola FdT
    Iscrizione: 2/10/2004
    Messaggi: 82
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da George Best
    Mi sembra una cosa inutile, se dovessimo commemorare tutti i morti per le ca**ate che ha fatto l'Uomo, faremmo mezz'ora di silenzio tutti i giorni; ma a quanto pare ci sono morti di serie A e di serie B...
    molto interessante qst'opinione..sec. me è ormai qualkosa d suxato.al giorno d'oggi ne succedono così tante di stragi (d cui a volte nn ne siamo neanke a conoscenza xkè opportunamente okkultate) ke stare a rikordare quella degli ebrei...
    sinceramente nn so ke utilità possa avere questo "ricordare" su certe genti ke se sn pazze poko se ne fottono delle vite altrui..

  6. #5
    FdT quasi assuefatto
    Uomo
    Iscrizione: 29/12/2004
    Messaggi: 403
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Per favore, smettiamola di dire cattiverie ?? Qualcosa di superato ??..........................................
    ............................
    ...........................
    .........................
    ........................
    ......................
    ....................
    ..................
    ...............
    .............
    ...........
    ........
    .....
    ..Da quel periodo, il nostro ministro degli esteri, non è piu' stato di destra.... fino a qualche tempo fa.



    Come si fa a superare la morte di tutte quelle persone ?




    Amos Luzzatto
    presidente dell’Unione
    delle Comunità Ebraiche Italiane

    Decorrono quest’anno, nel Giorno della memoria, i 60 anni dalla liberazione del campo di sterminio di Auschwitz, data simbolica, che è stata appunto decisa per ricordare che cosa è stato, prima ancora del momento indimenticabile della sua liberazione, che cosa ha rappresentato quel campo per quei terribili tre anni della sua esistenza. Come sempre, queste ricorrenze ci sollecitano a un esame di quanto abbiamo fatto in questi anni, di che cosa ci proponiamo di fare man mano che i superstiti, i pochi reduci tornati vivi da quell’inferno, vanno scomparendo.
    “Perché non succeda mai più”. Questa è la vera e propria parola d’ordine che ricorre in questa circostanza. E’ giusta? E’ sufficiente?
    Non abbiamo dubbi sul fatto che sia giusta e che ripeterla ogni anno in questa giornata, lungi dal banalizzarla, dovrebbe rafforzarla e soprattutto farla diventare un patrimonio stabile della coscienza individuale e collettiva.
    Forse però dobbiamo riconoscere che non è sufficiente. Il problema è non tanto che cosa affermiamo, ma che cosa abbiamo fatto e che cosa intendiamo fare, sul piano educativo, sul piano dell’informazione, persino sul piano della sicurezza.
    L’antisemitismo, a sessant’anni da allora, non è certamente scomparso e riaffiora, alimentando e insistendo su vecchi pregiudizi antiebraici, sia su quelli teologici che speravamo essere in via di estinzione dopo il Concilio Vaticano II, sia su quelli genericamente o specificamente razzistici che circolano insidiosi soprattutto fra molti giovani, sia su quelli politici che possono diventare fonte di violenza, se non si provvede con adeguati strumenti di chiarificazione.
    Dobbiamo dunque adeguare il nostro auspicio, la nostra volontà, il nostro senso di solidarietà e la stessa nostra speranza per un futuro di fratellanza umana, ai problemi del presente e alle sue persistenti minacce. Senza fare di questa sacrosanta battaglia un compito di ristrette schiere di specialisti, ma facendone un patrimonio di tutti, un patrimonio da conservare e da sviluppare; appunto, “perché non succeda mai più”.
    (Ogni mio O.T. è puramente casuale)

  7. #6
    George Best
    Utente bannato

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Hypazia
    Per favore, smettiamola di dire cattiverie ?? Qualcosa di superato ??
    ..Da quel periodo, il nostro ministro degli esteri, non è piu' stato di destra.... fino a qualche tempo fa.

    Come si fa a superare la morte di tutte quelle persone ?

    Amos Luzzatto
    presidente dell’Unione
    delle Comunità Ebraiche Italiane

    Decorrono quest’anno, nel Giorno della memoria, i 60 anni dalla liberazione del campo di sterminio di Auschwitz, data simbolica, che è stata appunto decisa per ricordare che cosa è stato, prima ancora del momento indimenticabile della sua liberazione, che cosa ha rappresentato quel campo per quei terribili tre anni della sua esistenza. Come sempre, queste ricorrenze ci sollecitano a un esame di quanto abbiamo fatto in questi anni, di che cosa ci proponiamo di fare man mano che i superstiti, i pochi reduci tornati vivi da quell’inferno, vanno scomparendo.
    “Perché non succeda mai più”. Questa è la vera e propria parola d’ordine che ricorre in questa circostanza. E’ giusta? E’ sufficiente?
    Non abbiamo dubbi sul fatto che sia giusta e che ripeterla ogni anno in questa giornata, lungi dal banalizzarla, dovrebbe rafforzarla e soprattutto farla diventare un patrimonio stabile della coscienza individuale e collettiva.
    Forse però dobbiamo riconoscere che non è sufficiente. Il problema è non tanto che cosa affermiamo, ma che cosa abbiamo fatto e che cosa intendiamo fare, sul piano educativo, sul piano dell’informazione, persino sul piano della sicurezza.
    L’antisemitismo, a sessant’anni da allora, non è certamente scomparso e riaffiora, alimentando e insistendo su vecchi pregiudizi antiebraici, sia su quelli teologici che speravamo essere in via di estinzione dopo il Concilio Vaticano II, sia su quelli genericamente o specificamente razzistici che circolano insidiosi soprattutto fra molti giovani, sia su quelli politici che possono diventare fonte di violenza, se non si provvede con adeguati strumenti di chiarificazione.
    Dobbiamo dunque adeguare il nostro auspicio, la nostra volontà, il nostro senso di solidarietà e la stessa nostra speranza per un futuro di fratellanza umana, ai problemi del presente e alle sue persistenti minacce. Senza fare di questa sacrosanta battaglia un compito di ristrette schiere di specialisti, ma facendone un patrimonio di tutti, un patrimonio da conservare e da sviluppare; appunto, “perché non succeda mai più”.

    Mi chiedo perchè non commemoriamo i Sioux sterminati dagli americani, i civili morti sotto piogge di napalm in Vietnam, gli ugonotti perseguitati in Francia, la civiltà Inca distrutta dagli spagnoli, le donne accusate di stregoneria e arse vive, i cristiani perseguitati da Teheran a Timor Est i civili morti nella guerra per l'indipendenza del Kashmir, i morti di Ustica, gli italiani e gli oppositori russi rinchiusi nei gulag siberiani, gli internati nei campi di concentramento inglesi e americani...


    Se vuoi continuo...

  8. #7
    FdT quasi assuefatto
    Uomo
    Iscrizione: 29/12/2004
    Messaggi: 403
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Perchè in questo stermino noi c'eravamo dentro fino al collo !!
    (Ogni mio O.T. è puramente casuale)

  9. #8
    FdT quasi assuefatto
    Uomo
    Iscrizione: 29/12/2004
    Messaggi: 403
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    E cmq io dico che sia giusto ricordare questo, e non che sia sbagliato ricordarne altri !! :!:
    (Ogni mio O.T. è puramente casuale)

  10. #9
    George Best
    Utente bannato

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Hypazia
    Perchè in questo stermino noi c'eravamo dentro fino al collo !!

    Sei tedesco?
    Sì, ci siamo entrati, ma marginalmente.
    Gli italiani hanno avuto "in gestione" solo 3 campi di concentramento (due nel nord Italia e uno nei Balcani, nessuno dei quali provvisto di camere a gas o forni crematori).
    Invece sul fatto delle leggi raziali, sono daccordo nel credere che Mussolini si sia scavato la fossa da solo nel firmare quell'editto.
    Ti ricordo però che la maggior parte degli italiani, è stata internata dopo l'8 settembre 1943.


    E mi sembra un'altra gran ca**ata che il parlamento tedesco si sia rifiutato di commemorare le vittime civili morte a Dresda sotto i bombardamenti alleati del 1944-45. Spiegami la differenza tra le due tipologie di morti...

  11. #10
    FdT quasi assuefatto
    Uomo
    Iscrizione: 29/12/2004
    Messaggi: 403
    Piaciuto: 0 volte

    Predefinito

    Non sono tedesco, e non capisco perche' secondo te se la germania non vuole commemorare non dovremmo commemorare pure noi ?


    Ognuno è libero di pensare e fare....... mica dobbiamo fare quello che fa la germania (già lo abbiamo fatto una volta....... e ne abbiamo pagato le conseguenze)
    (Ogni mio O.T. è puramente casuale)

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Discussioni simili

  1. La descrizione della mia giornata
    Da Rum e Cocaina nel forum Topics senza fine
    Risposte: 156
    Ultimo messaggio: 2/11/2013, 10:57
  2. Memoria Ram
    Da Il Sovrano nel forum Internet e computer
    Risposte: 57
    Ultimo messaggio: 28/12/2007, 9:48
  3. Giornata tipo della nazionale
    Da Sycho Kid nel forum Barzellette e testi divertenti
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 9/7/2006, 17:17
  4. tutta colpa della memoria....
    Da Sylene nel forum Figuracce
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 11/9/2005, 18:32